Monitor

Angoli di visione, uniformità, risposta, lag e G-Sync

Pagina 5: Angoli di visione, uniformità, risposta, lag e G-Sync
angoli
Clicca per ingrandire

Il pannello TN del PG27VQ offre una risposta rapida e un basso lag, ma pecca per quanto riguarda gli angoli di visione. La curvatura aiuta. Quando si considerando gli schermi piatti, 27 pollici possono essere tanti perché i monitor tendono a mostrare ai lati un cambiamento nel colore e una caduta di luminosità anche quando li si guarda da una posizione centrale. Portando i lati verso l'interno, l'immagine rimane più uniforme poiché è mantiene la stessa distanza da bordo a bordo. Se lo si guarda da 45°, le caratteristiche tipiche di un TN sono evidenti. Il colore si sposta sul verde rossastro e la luminosità scende di almeno il 60%. La fedeltà del colore si mantiene sul piano verticale, ma il dettaglio viene quasi interamente eliminato.

Uniformità dello schermo

test 28
test 29
test 30

I vecchi pannelli TN erano molto deboli in questo comparto. Non è più così, almeno per quanto riguarda il PG27VQ e i suoi contemporanei. Il nostro sample si è comportato molto bene sia per quanto riguarda i neri, sia per i bianchi. Non siamo riusciti a rilevare nessuna imperfezione nella riproduzione, né fughe di luminosità, anche ai bordi. L'uniformità dei colori è tra le migliori che abbiamo mai visto su monitor. Ci potrebbero essere utenti che neanche considerano i pannelli TN, ma l'uniformità del colore non è un motivo per guardare altrove.

Risposta dei pixel e input lag

test 31
test 32

Tutte le specifiche del PG27VQ (e il suo prezzo) si rivolgono alla velocità. A partire dal tempo di risposta, che è dietro ai monitor da 240 Hz di un solo millisecondo. Siamo felici di vedere la presenza della funzionalità ULMB, ma non è necessario per prestazioni senza blur. Quando il frame rate sta sopra 100 fps, il movimento è perfettamente fluido, con un accenno di judder. Non c'è nemmeno del lag percepibile. Un punteggio di 25 ms pone questo Asus tra i monitor più veloci che abbiamo mai provato. Le prestazioni durante il gioco sono esemplari in ogni senso.

Giocare con G-Sync e ULMB

Giocare (specie agli FPS) su un monitor così veloce è sempre un piacere. Ci sono quelli che dicono che non possono vedere la differenza tra 80 e 120 fps, ma i nostri occhi di certo possono. Mentre i 240 Hz possono andare oltre la soglia di percezione, c'è un deciso aumento di qualità quando si supera la soglia dei 100 Hz. Tomb Raider è un titolo semplice con il quale massimizzare il refresh rate del monitor. Con i dettagli impostati su Ultimate, abbiamo visto le prestazioni raggiungere o quasi 165 fps massimi. E al contrario di tanti altri monitor da gaming, abbiamo potuto lasciare l'overdrive al massimo senza ghosting. Vorrete attivare quella funzionalità, dal momento che ci sono un po' di sbavature quando è spenta. Non abbiamo però notato differenze tra l'impostazione Normal ed Extreme.

Far Cry 4 non raggiunge gli stessi frame rate, ma scende raramente sotto i 100 fps a dettagli Ultra. I meravigliosi paesaggi, con l'erba meravigliosamente riprodotta, gli alberi e le foglie scorrono in maniera fluida man mano che esploriamo l'ambiente. I dettagli ravvicinati dei vestiti dei personaggi, le rocce e la corteccia degli alberi sono molto ben riprodotti. Così bene che sembrano reali. È difficile immaginare una riproduzione migliore anche su monitor con risoluzione superiore. Con il PG27VQ manteniamo un ottimo rapporto tra risoluzione e velocità.

ULMB funziona come descritto. La massima velocità di 120 Hz è un gioco da ragazzi per la nostra GeForce GTX 1080 Ti. Portare la luminosità a 100 è un must per mantenere 200 nits. Non abbiamo sentito molto la mancanza del G-Sync, ma ogni tanto si nota un po' di tearing. L'ULMB ha un impatto maggiore con refresh rate inferiori, ma poi il tearing diventa più evidente, dunque dovrete sperimentare per trovare il compromesso giusto per voi.