Schede madre

Accessori, firmware e overclock


MSI Z270 GAMING M5
Form factor
ATX
Socket
1151
Chipset
Intel Z270
Tipo Memoria
DDR4
Slot memoria
4 / 64GB
Pagina 2: Accessori, firmware e overclock

Essendo una delle schede madre di nuova generazione dotata di un controller integrato per l’illuminazione RGB, la Z270 Gaming M5 aggiunge un cavo di connessione RGB al normale assortimento di quattro cavi SATA, un bridge SLI e una mascherina per il pannello di I/O. Un badge MSI Gaming, un CD dei driver e la documentazione completano il bundle.

MSI Z270 Gaming M5 kit

Rispetto alle motherboard Z170 più recenti, sulla Z270 Gaming M5 MSI ha aggiornato il software audio Nahimic e il centro avanzato per il controllo della rete Killer. Gli aggiornamenti a Nahimic includono HD Audio Controller 2 con controlli di avvio avanzati e Sound Tracker per aiutare i giocatori a localizzare le fonti di rumore (i suoni emessi dai personaggi di altri giocatori).

MSI Click BIOS 5 si apre ancora in “EZ mode”, dove troviamo le impostazioni di configurazione base e il selettore per attivare XMP.

MSI Z270 Gaming M5 01
Clicca per ingrandire

Pigiando F7 sulla tastiera si entra nel menu Avanzato della Z270 Gaming M5, che include sottomenu in stile BIOS sotto il gruppo Settings, voci per la modifica dei parametri in Overclocking, una funzione di riavvio, un profilo overclock completo e un gruppo d’impostazioni per le ventole.

MSI Z270 Gaming M5 02
Clicca per ingrandire

Da notare che il menu “Misc Setting” si espande nelle impostazioni OC. Di default include un’impostazione abilitata chiamata “Enhanced Turbo” che forza la CPU a lavorare al suo massimo rapporto Turbo Boost senza badare al numero di core sotto carico. Nei nostri test abbiamo disattivato questa voce perché viola il TDP della CPU e dà alla scheda madre un vantaggio prestazionale artificiale sulle altre. L’impostazione scompare se applichiamo un overclock personalizzato, come mostriamo con la frequenza di 4,8 GHz.

MSI Z270 Gaming M5 05
MSI Z270 Gaming M5 06
MSI Z270 Gaming M5 07

Un’altra impostazione, CPU Ratio Offset When Running AVX, sembra essere un modo per imbrogliare nelle classifiche di overclock. Operando in modo contrario ai rapporti “Enhanced Turbo”, riduce il moltiplicatore della CPU quando si usano stress test AVX come Prime95. Questo permette agli overclocker di raggiungere frequenze stabili davvero elevate, ma noi non consideriamo un overclock stabile fino a quando non è in grado di supportare un carico completo sulla CPU.

MSI Z270 Gaming M5 11
Clicca per ingrandire

Siamo stati in grado di raggiungere il rapporto CPU 48x con BCLK di default usando un BLCK a 1,3 volt e “Loadline Calibration” Mode 3. L’impostazione successiva, Mode 4, ha permesso alla vCore di scendere a 1,296 volt sotto carico pesante.

Il sottomenu dei timing DRAM aggiunge strumenti speciali come DRAM Voltage boost ai timing primari, secondari e terziari. La Z270 Gaming M5 ha supportato una coppia di moduli DDR4-3866 alle impostazioni indicate, ma ha raggiunto solo DDR4-3636 installando quattro moduli DIMM. La tensione DIMM è qualcosa da tenere sotto controllo, in quanto la scheda riportava 1,36 V mentre il nostro voltmetro segnava 1,38 V. Impostando manualmente la tensione DIMM a 1,33 V, abbiamo misurato 1,35 volt allo slot presente sulla motherboard, mentre il firmware ci indicava 1,328 V.

MSI Z270 Gaming M5 12
MSI Z270 Gaming M5 13

Memory-Z mostra i parametri SPD più alti della memoria, oltre alla sua prima configurazione XMP.

MSI Z270 Gaming M5 14
Clicca per ingrandire

Diverse funzioni di risparmio energetico sono disattivate di default. Le abilitiamo per i nostri test base su prestazioni e consumi per mantenere costanza con le specifiche Intel.

MSI Z270 Gaming M5 15
Clicca per ingrandire

La Z270 Gaming M5 ha sufficiente spazio nella ROM integrata per archiviare sei configurazioni di overclock e questi profili si possono esportare su una chiavetta USB.

MSI Z270 Gaming M5 16
Clicca per ingrandire

I sei connettori delle ventole sono legati ai regolatori di tensione, e possono essere gestiti manualmente passando da un controllo fondato sulla tensione a quello sulla velocità PWM. Chi vuole può scegliere la mappatura di default di ogni ventola, personalizzare le rispettive curve o impostarle tutte alla massima velocità simultaneamente.