CPU

Conclusioni

Pagina 4: Conclusioni

Quando AMD ha annunciato che tutte le CPU Ryzen 7 avrebbero avuto il moltiplicatore sbloccato e otto core, abbiamo immediatamente pensato alla possibilità per gli appassionati di acquistare i modelli meno costosi e overcloccarli, in modo da avere un miglior ritorno dell'investimento.

Il nostro test dimostra che, se siete disposti a overcloccarlo, Ryzen 7 1700X offre un valore complessivo migliore rispetto al 1800X. Non c'è da stupirsi: il 1700X conserva molti attributi del portabandiera, ma differisce principalmente per le frequenze base e di picco.

Di conseguenza avete prestazioni soddisfacenti nei carichi che sfruttano i thread, spendendo meno. Anche se la maggior parte dei professionisti non overclocca in favore della stabilità, persino a impostazioni standard il 1700X offre un solido rapporto tra prezzo e prestazioni.

Il quadro è persino migliore spingendo Ryzen 7 1700X alle frequenze, o andando oltre, del modello 1800X. L'overclock, inoltre, è semplice. Abbiamo portato la tensione di core fino a 1,3875 V e aumentato la tensione SoC per avere 3,9 GHz stabili su tutti i core.

1700x

Con il giusto dissipatore, un overclock moderato non porta Ryzen ai limiti termici, e c'è probabilmente un po' di margine se siete disposti a tollerare tensioni più alte. L'intervento sulla memoria è ancora un po' limitato, ma con futuri aggiornamenti dei firmware il numero di impostazioni disponibili aumenterà.

I problemi del 1800X in gaming si confermano con il 1700X. Anche in overclock, Ryzen insegue le CPU Intel meno costose in gran parte della nostra suite gaming. Abbiamo visto che con una patch ai giochi è possibile fare molto (dettagli qui), ma forse non ci saranno tantissimi aggiornamenti per i titoli esistenti, mentre è più probabile che la situazione migliori con i giochi futuri.

Con Core i7-7700K e Core i5-7600K che si presentano più veloci e meno costosi, è difficile consigliare oggi un Ryzen 7 ai giocatori. Forse è meglio aspettare. Diverso lo scenario invece per chi lavora: i test workstation evidenziano le ottime prestazioni dei chip AMD. Chi fa un po' uno e un po' l'altro, deve invece valutare su base soggettiva.

Lo scenario di mercato potrebbe cambiare a breve con l'avvento dei chip Ryzen 5, che saranno offerti a prezzi più bassi. Staremo a vedere. Nel frattempo ci concentriamo su Ryzen 7 1700, di cui parleremo in un prossimo articolo.