Computer Portatili

Thunderobot ST-Plus con GTX 1050 Ti a 1300 euro

Thunderobot ST-Plus

 

L'assistenza 7 giorni su 7, 24 ore su 24, è il punto di forza di Thunderobot, il produttore di notebook che entra in Europa offrendo a 1300 euro un prodotto con GeForce GTX 1050 Ti e CPU Core i7.

IMG 20170628 084737


Thunderobot, nome celebre in Asia fra i produttori di notebook gaming a basso costo, sbarca in Europa con modello ST-Plus che offre una configurazione molto diffusa in questo momento: CPU Core i7-7700HQ, 8 GB di memoria. Il tratto distintivo di questo prodotto è la grafica GeForce GTX 1050 Ti, con cui il produttore punta su una soluzione leggermente più potente delle 1050 di base, senza far lievitare il prezzo.

Come abbiamo fatto notare in altre occasioni, alla luce dei test il salto di prestazioni dalla 1050 alla 1050 Ti c'è, e benché non sia schiacciante vale la pena fare un investimento minimo per averla. Va da sé che sia un affare portare a casa un prodotto con la 1050 Ti allo stesso prezzo di uno con la 1050. 

Rispetto alla concorrenza spicca inoltre il servizio di assistenza remota 24 ore al giorno, 7 giorni la settimana.

Usabilità, tastiera e touchpad

Il Thunderobot ST-Plus è un prodotto di fascia economica con uno chassis che da lontano ricorda esteticamente il Lenovo Legion, l'Acer VX 15 o l'Asus Strix, ma con un coperchio dal rivestimento un po' troppo flessibile.

IMG 20170628 084906

Al contrario la base ha un'intelaiatura interna abbastanza solida.  Le dimensioni di 378 x 267 x 26,9 mm, per un peso di 2,5 Kg, mettono l'ST-Plus allo stesso livello dell'Acer Aspire VX 15 e del Lenovo Legion Y520.

I connettori abbondano: a destra si contano una porta USB 3.0, una USB 2.0 e 2 prese jack separate per microfono e cuffia – che al giorno d'oggi sono merce rara. A sinistra invece ci sono il connettore Ethernet standard, due mini Display port, l'uscita video HDMI, un connettore USB-C e uno USB 3.0, oltre al vano per le schede di memoria.

IMG 20170628 084853

La tastiera con retroilluminazione RGB ha un piano d'appoggio solido. I tasti a isola sono ben distanziati, ma hanno una corsa breve e con un atterraggio secco, compensato da una forza di attuazione piuttosto alta. I colori della retroilluminazione sono personalizzabili tramite l'apposita utility, che permette inoltre di impostare macro e di visualizzare le statistiche di pressione dei tasti. Per i colori dell'illuminazione potete preferire una tinta unica per tutta la tastiera o dividerla in tre aree, e per ciascuna selezionare uno dei 256 colori possibili. Non mancano poi effetti vari di lampeggiamento (intermittente, graduale, eccetera).

Cattura2Il touchpad non è eccezionale. La superficie sensibile misura 10,1 x 5,6 cm, che è sufficiente per tracciare le gesture multitouch. Tuttavia la ricezione dei comandi è un po' legnosa. I giocatori in genere usano un mouse esterno che consente un migliore controllo, quindi  il problema è marginale.

IMG 20170628 085052

Schermo

Il Thunderobot ST-Plus che abbiamo ricevuto in prova ha in dotazione uno schermo da 15,6 pollici Full HD che ha una luminosità di 239 candele al metro quadro, una via di mezzo fra le 220 candele del Legion Y520 e le 247 candele dell'Aspire VX 15, che non è sufficiente per oltrepassare la media della categoria. Come abbiamo già avuto modo di notare, tutti i notebook che abbiamo provato finora e hanno dotazione simile a quella dell'ST-Plus hanno schermi simili, di qualità accettabile ma non eccelsa.

Si consolida il sospetto che probabilmente siamo davanti a una sorta di "allineamento" della categoria esordiente per consentire ai produttori di proporre soluzioni senza sforare la soglia di prezzo dei 1400 euro. Del resto, per quanto le prestazioni delle GTX 1050/1050 Ti siano molto meglio di quelle delle soluzioni passate di fascia bassa, siamo comunque di fronte a un'offerta entry level.

 

In ogni caso è da apprezzare il trattamento opaco, che consente comunque una discreta leggibilità dei contenuti anche in condizione di luce ambientale intensa.

Prestazioni

Il modello che abbiamo ricevuto in redazione ha in dotazione un processore Core i7-7700HQ, affiancato da 8 GB di memoria RAM e da un sottosistema disco composto da un SSD da 128 GB e da un disco fisso tradizionale da 1 TB a 5400 RPM. Nella prova empirica abbiamo aperto una ventina di schede di Chrome, Word, la chat, Spotify senza notare alcun rallentamento.

Le prestazioni sono perfettamente allineate con quelli dei concorrenti della stessa categoria, come confermano sia i test grafici sia Geekbench 3.0, in cui l'ST-Plus ha registrato 12.917 punti, sostanzialmente pareggiando i conti con l'Aspire VX 15 (12.748 punti). Il Lenovo Legion ha fatto di meglio ma solo in virtù della maggiore dotazione di RAM – dato che gli altri componenti sono identici.

 
 

Geekbench 4 ha invece registrato un punteggio inferiore, che per gli stessi motivi spiegati sopra è a nostro avviso un'anomalia, che si è ripetuta nelle innumerevoli volte in cui abbiamo ripetuto la prova. Non teniamo conto del punteggio ai fini della valutazione.

Per quanto riguarda la grafica, rispetto ai due concorrenti di Acer e Lenovo il Thunderobot ha quel qualcosa in più, dato dalla GPU GeForce GTX 1050 Ti al posto della 1050, a parità di memoria dedicata in dotazione. Come potete vedere dai grafici i punteggi incassati nei benchmark sintetici 3D Mark Fire Strike e 3D Mark Ice Storm Unlimited sono lievemente superiori o al più allineati.

 
 

Con i videogiochi il Thunderobot se la cava bene. Con il benchmark integrato di Far Cry Primal in Full HD, qualità grafica ultra e Texture Pack in alta definizione il notebook ha fatto registrare un framerate medio di 38 FPS, con un picco minimo e massimo pari a 31 e 46 FPS.

Con le opzioni grafiche al massimo dei dettagli grafici manca un po' di benzina in più alla scheda video per arrivare alla fatidica soglia dei 60 FPS, ma regolando le impostazioni si può raggiungere un buon compromesso.

Come abbiamo fatto notare in altre occasioni, la conclusione sulla giocabilità alla luce dei test è che il salto di prestazioni dalla 1050 alla 1050 Ti c'è, e benché non sia schiacciante vale la pena fare un investimento minimo per averla. Va da sé che sia un affare portare a casa un prodotto con la 1050 Ti allo stesso prezzo di uno con la 1050. 

L'ambito in cui invece non brilla questo notebook è l'autonomia. Con il nostro test di navigazione web tramite Wi-Fi con retroilluminazione dello schermo a 100 candele l'ST-Plus è stato acceso per 4 ore e 46 minuti, meno delle 7 ore e 10 minuti dell'Aspire VX 15 e delle 5 o re e 55 minuti del Lenovo Legion Y510. A tenere il record della categoria resta l'Inspiron 15 7000 Gaming, che con 11 ore e 23 minuti è titolare del record di categoria. Con attività più impegnative, come per esempio i giochi, l'autonomia ovviamente scende fino ad essere più che dimezzata.

 

Il raffreddamento della base è efficace, e per mediare fra le temperature e il rumore delle ventole si può intervenire dal Control Center, una utility preziosa che permette di scegliere fra tre impostazioni di fabbrica, o di intervenire manualmente regolando temperature di soglia e velocità di rotazione delle ventole.

Immagine

Conclusioni

L'annuncio delle GPU di fascia bassa 1050 e 1050 Ti di Nvidia ha dato vita a una nuova famiglia di prodotti che mirano ad attirare l'attenzione dei numerosi utenti alla ricerca di un notebook gaming "da spendere poco". In effetti la soglia d'ingresso per una gaming machine è ora compresa fra 1200 euro e 1300 euro, in tutti i casi per prodotti che – al contrario di quanto avveniva in passato – consentono di giocare in maniera soddisfacente anche se non al massimo dei dettagli.

Le configurazioni sono tutte allineate: al momento tutti i prodotti che abbiamo provato hanno CPU Core i7 7700HQ, 8 o 16 GB di RAM e soluzioni ibride per il sottosistema di archiviazione, che permettono di contenere i costi senza penalizzare troppo le prestazioni. In tutti i casi gli schermi non sono il massimo della qualità, e almeno per il momento nessuno esce dal coro né in positivo né in negativo.

Acer e Lenovo hanno optato per la GTX 1050, Thunderobot che ha preferito investire invece su una 1050 Ti per spingere di più sulle prestazioni grafiche.

Per farvi un'idea precisa della differenza di prestazioni fra le 1050/1050 Ti e le 1060 date un'occhiata alla prova completa dell'Acer Predator Helios, che riepiloga in maniera esaustiva le potenzialità grafiche delle nuove GeForce di fascia media e bassa consentendo una scelta più consapevole del modello più adatto a voi.

Caratteristiche fisiche
Dimensioni (HxWxD) 378 x 267 x 26,9 mm
Peso 2,5 Kg
Hardware
Processore Intel Core i7-7700HQ
Memoria RAM 8 GB espandibili a 32 GB
Processore Grafico Nvidia GeForce GTX 1050 Ti con 4 GB di memoria
Hard Disk SSD da 128 GB e HDD da 1 TB a 5400 RPM
Schermo
Dimensione 15,6 pollici opaco
Risoluzione FHD (1920 x 1080)
Connettori Video
HDMI
Display Port 2x mini DisplayPort
Altri  
Connettività Dati
Wi-Fi
Ethernet Si
Bluetooth
Connettori Dati
USB 2.0 1
USB 3.0 2
Thunderbolt 1 USB Type-C
Lettore di schede di memoria
Audio
Connettore Microfono Presa jack da 3,5 millimetri
Connettore Cuffia Presa jack da 3,5 millimetri
Sicurezza
TPM 2.0
Sistema Operativo
Windows 10 Home a 64 bit
Garanzia
Durata 2 anni
Tipologia assistenza Da remoto 24 ore, 7 giorni a settimana con oersonale Gamer qualificato e connessioni remote per le incidenze di software.
Prezzo
Prezzo 1299 euro

 

Tom's Consiglia

I giocatori non possono fare a meno di un ottimo mouse, provate il Logitech G302 Daedalus Prime MOBA.