Tom's Hardware Italia
Software

Ubuntu 14.10 si chiama Utopic Unicorn, l’Unicorno Utopico

La prossima versione di Ubuntu ha un nome: sarà Utopic Unicorn

Ubuntu 14.10 si chiama Utopic Unicorn, l'unicorno utopico. È il nome ufficiale scelto proprio nelle scorse ore, che come fa seguito a Trusty Tahr (Ubuntu 14.10), Saucy Salamander (13.10), Raring Ringtail (13.04) e tutti gli altri che sono venuti prima.

La notizia è stata data dal fondatore di Canonical Mark Shuttleworth, che ha pubblicato un articolo acutamente intitolato "U Talking to me?". Il titolo riprende la lettera "U" (i nomi seguono l'ordine alfabetico), e cita l'indimenticabile De Niro in Taxi Driver (1976). L'articolo è fortunatamente un po' meno aggressivo e instabile del personaggio Travis Bickle.

Il post di Shuttleworth è senz'altro stato sfruttato anche per divertirsi con i giochi di parole, e sembra scritto più da uno scherzoso linguista che ha un programmatore e imprenditore. Vale la pena di goderselo in originale, se non altro per contare tutte le "U come in Unicorno Utopico".

It's a good time to shine a light on umbrageous if understandably imminent undulations in the landscape we love – time to bring systemd to the centre of Ubuntu, time to untwist ourselves from Python 2.x and time to walk a little uphill and, thereby, upstream. Time to purge the ugsome and prune the unusable. We've all got our ucky code, and now's a good time to stand united in favour of the useful over the uncolike and the utile over the uncous. It's not a time to become unhinged or ultrafidian, just a time for careful review and consideration of business as usual.

Let's make something amazing. Something unified and upright, something about which we can be universally proud. And since we're getting that once-every-two-years chance to make fresh starts and dream unconstrained dreams about what the future should look like, we may as well go all out and give it a dreamlike name. Let’s get going on the utopic unicorn.

Chissà come sarà questo Unicorno Utopico. Sarà un sistema operativo pieno di sogni irrealizzabili o quasi, un essere mitologico portatore di magia e stupore? Lo scopriremo nei mesi che ci separano da ottobre, quando uscirà Ubuntu 14.10.