Software

Vediamo la funzionalità Curve Optimizer di AMD in azione su una MSI B450 Tomahawk

Diverso tempo fa, AMD aveva annunciato l’introduzione di una nuova funzionalità chiamata Curve Optimizer come parte di Precision Boost Overdrive 2. Stando alla compagnia, questo set di funzionalità sarà introdotto con AGESA 1.1.8.0, ma sembra che già il firmware AGESA 1.1.0.0 patch D della scheda madre MSI B450 Tomahawk consenta di abilitare tale caratteristica.

AMD aveva precedentemente confermato che l’aggiornamento con Curve Optimizer sarebbe stato disponibile all’inizio di gennaio, ma, secondo Wccftech, MSI lo lancerà tra pochi giorni per B450 Tomahawk.

Ricordiamo che l’algoritmo adattivo PBO vi consentirà di avere le massime prestazioni dal vostro chip. Come con il PBO di prima generazione, il nuovo PBO2 permette al processore di superare i limiti di potenza del socket AM4 per aumentare le prestazioni in base alle capacità dei chip, alla qualità dell’alimentazione e alla soluzione di raffreddamento.

Le immagini a corredo della notizia, pubblicate dai colleghi di KitGuru, vi consentono di farvi un’idea di come funziona la funzione Curve Optimizer su MSI B450 Tomahawk, sulla quale è stato montato un Ryzen 9 5900X. A differenza di altre funzionalità dei processori Ryzen che possono essere attivate nel software Ryzen Master, Curve Optimizer è abilitato direttamente nel BIOS.

Oltre agli screenshot, sono stati confrontati anche i risultati di questo sistema a default e con la funzione Curve Optimizer abilitata. Le impostazioni del BIOS erano impostate per applicare Curve Optimizer a tutti i core, “All Core Curve Optimizer Sign” era impostato su “Negative” e “All Core Curve Optimizer Magnitude” era impostato su 15. La tabella seguente mostra i risultati ottenuti su Cinebench Benchmark R20 nT e 1T.

CURVE OPTIMIZER = DISABLED CPU FREQUENCY CPU TEMP CINEBENCH R20 SCORE
Cinebench R20 nT 4350-4550MHz 72.3C 8346
Cinebench R20 1T 4900MHz Max 68.6C 630
Curve Optimizer = -15 CPU frequency CPU Temp Cinebench R20 Score
Cinebench R20 nT 4450-4675MHz 72.1C 8513
Cinebench R20 1T 4950MHz Max 67.3C 640

Come potete vedere, Curve Optimizer è in grado di aumentare le prestazioni pur lasciando il processore leggermente più freddo. L’aumento delle prestazioni nel benchmark Cinebench R20 single-thread e multi-thread è aumentato solo di quasi il 2%, con la frequenza single-core maggiore di 50MHz e la frequenza su tutti i core aumentata di 100-125MHz.

Il sistema è stato anche testato con “All Core Curve Optimizer Magnitude” impostato su 30, ma lo ha reso instabile perché il Vcore è stato ridotto a un valore che non consentiva al Ryzen 9 5900X di funzionare correttamente.

Cercate una buona scheda madre da accoppiare ai nuovi processori Ryzen? ASUS ROG Strix X570-F con 14 fasi di alimentazione potrebbe essere una buona scelta. La trovate su Amazon ad un prezzo interessante.