Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Accessori PC e Gaming

Visita alla sede di Coolermaster e test PSU, tastiere e dissipatori

Introduzione

Abbiamo recentemente visitato la nuova sede di Coolermaster in Olanda, Eindhoven, ed è stata l'occasione per vedere quello che sono stati in grado di creare in soli sei mesi – qualcosa di impensabile in Italia -, ma anche per mostrarci alcuni nuovi prodotti. La nuova sede olandese è il punto nevralgico per l'Europa, è da qui che vengono gestiti tutti gli ordini dei vari distributori, anche se la maggior parte viene spedita direttamente da Hong Kong. Ma è qui che c'è un grande magazzino da dove vengono spediti tutti i pezzi di ricambio per i prodotti in garanzia, e probabilmente in futuro diverrà una sede logistica più importante. A tal proposito, vi ricordiamo il nostro forum di supporto dedicato a Coolermaster.

Per i curiosi, qui sotto potete vedere una galleria della nuova sede europea di Coolermaster.

###old3163###old

Tastiere e Mouse

Bram Rongen, Product Marketing Specialist per la serie Storm, ci ha mostrato un nuovo set mouse e tastiera, il modello Octane, una sorta di evoluzione del kit Devastator. Tasti a membrana, controlli multimediali e retroilluminazione LED in sette colori differenti – la risposta a chi si lamentava dell'illuminazione a singolo colore della Devastator. Anche il mouse è dotato di una retrolluminazione a sette colori, mentre la rotellina e la parte anteriore sono illuminati da un LED bianco.

###old3164###old

Il mouse, un modello con sensore da 3500 DPI, è dotato di un tasto per cambiare velocemente la precisione del sensore su quattro differenti livelli – usa un sensore ottico Avago 3050. Altre specifiche potete vederle dall'immagine qui sotto. Molto simpatico il design che, visto dall'alto, ricorda la faccia di un "Trasformer".

C'è anche una nuova tastiera (già vista al Computex di giugno), un prodotto per appassionati, il modello Novatouch TKL. Quando si parla di appassionati di tastiere si pensa ai videogiocatori, ma in questo caso Coolermaster intende proprio gli appassionati di tastiere, cioè chi vuole il meglio della tecnologia sotto i polpastrelli.

La Novatouch TKL strizza comunque l'occhio ai giocatori, più che altro per la tipologia di tasti adottati, una versione meccanica modificata che si chiama Hybrid Capacitive Switches, con una corsa di 4 mm (che si può ridurre di 1 mm con degli appositi gommini), ed è compatibile con i tasti Cherry MX.

###old3165###old

All'atto pratico, la corsa è lunga e morbida come le tastiere meccaniche, ma il comando viene inviato dopo un'escursione minima, superiore a qualsiasi altra tastiera attualmente in commercio, e il tasto torna in posizione originaria più velocemente. Il vantaggio di mantenere lo stesso incastro dei tasti Cherry MX è la possibilità di personalizzare la tastiera con facilità. Girovagando sul Web si trovano siti specializzati nella vendita di tasti personalizzati, come ad esempio www.qwer.io. Se poi siete più temerari, potete stamparveli da soli con una stampante 3D. Novatouch è una tastiera fuori dal comune, anche per il prezzo di 150 euro circa; probabilmente per alcuni sarà una pazzia, ma i veri appassionati la apprezzeranno.

Alimentatori

Abbiamo poi passato un po' di tempo con René Grau, esperto di alimentatori, con cui abbiamo testato il modello RS-700 B1 ver.2.

La piattaforma di test adottata da Coolermaster è la stessa che abbiamo usato in alcune nostre comparative, e si basa essenzialmente su una scheda a cui vengono collegati i connettori dell'alimentatore, una serie di carichi per le varie tensioni e gli strumenti necessari per le misurazioni. Con questo sistema (Chroma) possiamo caricare l'alimentatore a differenti percentuali: 100%, 50%, 20%, 10% e idle. Per ogni carico possiamo valutare l'efficienza dell'alimentatore (la differenza tra la potenza in entrata e quella nominale massima dell'alimentatore o del livello di carico scelto).

###old3173###old

Inoltre è possibile testare la massima potenza dell'alimentatore, alzando le tensioni di alcune linee fino al punto in cui l'alimentatore si spegne (quando interviene il sistema di protezione). Possiamo scendere anche più nel dettaglio, misurando il Ripple Noise per differenti carichi e i sistemi di protezione. Insomma, un quantità di test in grado di dire tutto di un alimentatore, risultati che una volta incrociati con prezzo, rumorosità e caratteristiche aggiuntive, riescono a definire la qualità generale di un prodotto.

Il Coolermaster RS-700 che abbiamo testato ha riportato i valori di efficienza che potete vedere nel seguente grafico:

Con una massima efficienza dell'87.7% a un carico del 50%, il risultato è sicuramente ottimo. L'efficienza scende sotto l'80% solo in idle, con un carico del 2%, mentre in tutti gli altri casi si mantiene su livelli piuttosto alti. Nominalmente su un prodotto da 700 Watt, la potenza massima erogabile è di oltre 850 watt.

Sistemi di raffreddamento

Abbiamo dato anche uno sguardo veloce al Nepton 240M, un nuovo sistema di raffreddamento a liquido compatto. Il sistema di test in questo caso non è basato su un vero PC, ma viene applicata a una basetta (l'heatspreader del processore), un determinato carico che si trasforma in calore. Il dissipatore viene montato sulla basetta di controllo e si misura la temperatura raggiunta. Il Nepton 240, ad esempio, mantiene il nostro processore simulato, caricato con 130 watt – una condizione di overclock – a una temperatura di 33 gradi circa con la ventola alla massima velocità (a 12 volt), mentre abbassandola d'intensità (7 volt), la temperatura sala ad appena 36 gradi centigradi, eliminando però quasi completamente la rumorosità della ventola di raffreddamento.

Case

E i case? In verità al momento non sono stati presentati nuovi case, ma Coolermaster ha in serbo per tutti i suoi appassionati tante novità, quindi rimanete sintonizzati perché presto arriveranno tante novità. Vi lascio con alcune foto di quello che Coolermaster chiama "il museo", cioè una sfilata di tutti i casi creati nei prcedenti anni.