Memorie

Volete un nuovo PC oggi? Consigli per gli acquisti

Dato che memoria e scheda video sono componenti centrali di ogni PC da gioco (e non solo) che si rispetti, qualche giorno fa abbiamo scritto che rifarsi il PC in questo momento è una cattiva idea. La situazione di mercato è sotto gli occhi di tutti, inutile negarlo, un bel po' di tempo fa si potevano fare ben altri affari.

Purtroppo davanti a un problema hai due possibilità: affrontarlo oppure chiudere gli occhi. In questo articolo vediamo come salire sulla tavola da surf per cavalcare l'onda di un mercato pazzo, con una produzione di memoria che non copre la domanda e fa lievitare i prezzi e schede video introvabili e costosissime a causa dei grandi acquisti dei miner di criptomonete.

computer gaming

Chiudere gli occhi, come scritto poco sopra, vuol dire in realtà mettersi alla finestra e aspettare. C'è chi non ha particolari urgenze e cambia hardware più per curiosità e passione che necessità. Quel pubblico può benissimo attendere che il mercato torni alla normalità, magari anche grazie a nuovi prodotti in arrivo nei prossimi mesi.

C'è però chi vuole rifarsi oggi il PC, perché magari è troppo vecchio e vi sta per abbandonare, o magari proprio perché si è guastato e non potete aspettare. Per cui pensiamo a come ovviare al momento sfavorevole.

Anzitutto va detta una cosa: mettendo da parte RAM e GPU, ci sono componenti che potete acquistare subito. Processori (in gran parte), motherboard, SSD, alimentatori, case e altri componenti non hanno prezzi gonfiati da dinamiche esterne. O quantomeno non sono tali da impattare così negativamente come è stato per memorie e schede grafiche.

SSD

Qualcuno potrà obiettare: avete scritto SSD? Sì, anche gli SSD, che per molto tempo hanno visto schizzare i listini a livelli altissimi – anche qui per colpa del solito rapporto tra domanda e offerta -, adesso hanno prezzi adeguati e non mancano gli affari. I nuovi Crucial MX500 ad esempio sono convenienti e aspettatevi nuove unità a partire dalle prossime settimane che faranno vacillare l'amore per il vostro attuale SSD.

Leggi anche: Test Crucial MX500 da 1TB, SSD SATA al top del settore

Sono in particolare le unità più capienti a essere un buon acquisto, in quanto i produttori si stanno spostando verso memorie sempre più dense e quindi riescono a produrre con più facilità i modelli più capienti. L'affare è minore con i tagli sotto i 500 GB, ma anche lì i prezzi non sono più ai picchi di un tempo.

Processori

Sul fronte dei processori va fatta una piccola precisazione: i processori Ryzen sono molto convenienti di norma, quindi possono rappresentare una buona base da cui partire, mentre le CPU Intel di ultima generazione (Coffee Lake, serie 8000) patiscono un problema di disponibilità che ne fa salire in genere il prezzo. Intel sta correndo ai ripari, quindi la situazione dovrebbe migliorare in futuro.

ryzen

A ogni modo i Ryzen rappresentano una buona base per un nuovo PC anche perché sono abbinabili a schede madre dai prezzi contenuti, a partire da circa 60 euro. Purtroppo Intel non ha ancora motherboard per le nuove CPU all'infuori di quelle Z370. Attendiamo quindi nuovi chipset, ma per ora la spesa minima per una Z370 parte da 100 euro circa. Non è poi molto sensato abbinare un Core i3 / i5 bloccato a una Z370, sebbene sia possibile e senza controindicazioni.

Hard disk

In tema di hardware conveniente, non possiamo dimenticare gli hard disk. Le alluvioni che hanno colpito gli impianti produttivi sono un ricordo e ora i listini sono stabili o in calo, per cui se dovete acquistare un hard disk, procedete senza problemi. Magari potreste appunto optare per un solo hard disk meccanico, e prendere tempo per un SSD, anche se come detto pocanzi, i listini non cambieranno molto.

Motherboard e altri componenti

Come scritto prima, le motherboard hanno prezzi in generale stabili e lo stesso vale per gli altri componenti come i case, le ventole, i dissipatori e chi più ne ha ne metta. Tutto è dettato dalle dinamiche del mercato. Insomma, acquistate senza problemi ciò che più vi aggrada.

Schede video

E per quanto riguarda le schede video? Alla fine è qui che si condensa una parte del problema. Purtroppo dobbiamo ripeterci e in particolare le schede di fascia alta sono introvabili e costosissime in moltissimi casi (l'eccezione sempre…).

Leggi anche: GPU introvabili e mining. Nvidia medita soluzioni

Sembra che i miner siano particolarmente ghiotti di Radeon RX 580, RX 570, GTX 1070, GTX 1060 6GB. Per cui o siete disposti a spendere molto oppure dovete virare come soluzione momentanea su schede video minori come la GTX 1050 Ti e la RX 560 (4 GB per entrambe, se possibile).

Alcuni di voi però possono aspettare: se avete già una buona scheda video, la soluzione ideale per voi è quella di installarla nel nuovo PC per qualche mese, in attesa che migliori il mercato. Molti di voi hanno una GTX 970, una GTX 960 e anche una GTX 950 (ma siamo al limite) che possono ancora tenere il passo per qualche tempo. Se avete una scheda video Nvidia più vecchia (GTX 750 o precedenti), allora la GTX 1050 Ti 4GB è il consiglio migliore oggi come oggi.

Sul fronte AMD, la serie RX 500 e 400 sono identiche, quindi se avete una RX 400 non fatevi problemi a montarla nel vostro nuovo PC. Allo stesso tempo una R9 270X / HD 7870 potrebbe ancora andare bene per qualche tipologia di gioco (occhio ai dettagli), ma se avete qualcosa di più vecchio meglio passare alla RX 560 4GB.

Il consiglio, se create il PC da zero, di montare tutto il resto e inserire la vecchia scheda video, fare delle prove e vedere se potete andare avanti ancora un po'. Nel frattempo fate scorta di soldini come gli scoiattoli con le provviste per l'inverno.

Certo, anche i listini delle schede che abbiamo citato sono saliti, ma meno di altre. Anche queste proposte risentono in parte di problemi di disponibilità, legati al fatto che mancano le altre schede video e in tanti vi stanno ripiegando. Un ripiego che comunque vi consentirà di giocare in Full HD a molti titoli.

Memoria Ram

Per quanto concerne le RAM, la situazione è ancora più difficile. Senza andare a citare produttori particolari, ecco qualche consiglio generale su come provare a muoversi in fase di acquisto: potete optare per due moduli da 4 GB in dual-channel o ancora meglio un singolo modulo da 8 GB.

Otto gigabyte vi permettono di fare molte cose quotidiane, lavorare moderatamente e giocare. Certo, questo non vale per chi deve aggiornare una workstation, altro paio di maniche. Con 8 GB molti di voi possono mettere una pezza temporanea alla situazione, e sperare che nei prossimi mesi scendano i prezzi per acquistare un secondo modulo da 8 GB e arrivare alla pace dei sensi con 16 GB (o comunque abilitare il dual-channel con due moduli).

memoria

Un altro consiglio di massima, infine, è rivolgersi a memorie cosiddette "value", ossia quelle a basso costo prive di dissipatori, LED e altri particolari. Si tratta di prodotti che è più facile trovare a costi umani.

Certo, sempre che non possiate riciclare la vecchia DRAM dal sistema precedente, la cosa migliore che possiate fare oggi. Purtroppo però è per molti impossibile visto il passaggio generazionale dalle piattaforme DDR3 a quelle DDR4.