Software

Windows 10, una notifica permanente spinge a usare Edge anziché Chrome

Il vostro browser predefinito non è ancora Edge? Ci pensa Microsoft stessa a ricordarvi della sua esistenza con un’accanita pubblicità non rimovibile.

Il team di Redmond nell’ultimo periodo ha puntato molto sul browser predefinito di Windows 10: sono stati infatti molti gli aggiornamenti atti a rendere Edge uno tra i principali competitor nel settore, con l’obiettivo di migliorare sempre più. Tra i principali avversari ovviamente vi è Google Chrome, primo avversario da battere in questo campo e che da anni domina quasi incontrastato.

Nonostante però il predominio di Google Chrome, lo sforzo fatto da Microsoft per migliorare Edge gli è valso il secondo posto come browser più utilizzato al mondo. Solo due mesi fa vi riportavamo infatti la notizia che vedeva appunto Edge al secondo posto della lista con una percentuale pari a 7.59, sotto all’incredibile cifra riguardante Crome: utilizzato da ben il 68.50% della popolazione mondiale.

È chiaro quindi che Microsoft vorrebbe vedere al primo posto il suo amato Edge, proprio per tali ragioni a seguito dell’ultimo aggiornamento di Windows 10 è apparsa nel menù di avvio una finestra di raccomandazione che, in maniera insistente, vi consiglia di passare a quest’ultimo. Fin qui tutto rientra nella norma, eccetto il fatto che tale notifica non può essere rimossa in alcun modo. Apprendiamo la curiosa notizia da bleepingcomputer e, tra l’altro, sempre i colleghi del blog hanno eseguito diversi tentativi per cercare di rimuovere l’insistente notifica, senza però alcun risultato.

A seguito dell’ultimo aggiornamento quindi, chi utilizza la barra della ricerca del menù di avvio per provvedere di conseguenza a cercare il proprio browser preferito, si troverà difronte ad un’avviso che gli consiglierà di passare per l’appunto a Microsoft Edge. Come state vedendo dalla schermata qui sotto, cercando ad esempio Chrome, appare proprio il famoso annuncio.

Dai test eseguiti pare che tale notifica esca a seguito di determinate parole digitate, ad esempio: Firefox, Chrome, Opera, Safari, oppure internet. Per disabilitare questa notifica come detto sono state provate invano diverse operazioni, tra cui: la disattivazione di Bing e la relativa funzione di ricerca integrata in Windows Search, la disattivazione dei suggerimenti o consigli nel menù start, infine è stato utilizzato anche il software di debugging HTTP Fiddler, per analizzare il proxy server, così da verificare ipotetici filtri da parte di Microsoft.

Come ultima chance poi, il team di bleepingcomputer si è direttamente rivolto a Microsoft, chiedendo appunto ai diretti interessati se esista un metodo per disattivare l’insistente notifica.

Al momento della scrittura di questa notizia non ci sono aggiornamenti per la questione in quanto Microsoft non si è ancora fatta avanti. E voi, avete per caso ricevuto l’annuncio?

Siete in cerca di un’ottimo SSD M.2 NVMe economico e performante? Date uno sguardo al modello SP Silicon Power acquistabile su Amazon.