Software

Windows 11, ecco quali saranno i processori compatibili

Microsoft ha finalmente annunciato Windows 11 dopo aver visto una copia trapelata circolare sul web per giorni. Ma le build trapelate e incomplete non significano nulla quando si tratta di capire quale sia l’hardware compatibile con la versione finale del sistema operativo. Per fortuna, Microsoft ha ora delineato esattamente quali processori saranno necessari per eseguire la versione ufficiale di Windows 11 verso la fine dell’anno o la versione Insider la settimana prossima.

L’elenco dei processori è ampio, anche se non siamo sicuri che includa proprio tutti i processori compatibili, e Microsoft lo ha diviso in tre categorie separate: una per AMD, una per Intel e una per Qualcomm. Qui potete trovare l’elenco dei processori supportati di AMD: sono supportati processori che vanno da AMD Ryzen 3 3250C a AMD Ryzen Threadripper PRO 3995WX. L’elenco di Intel copre quasi tutti i chip Intel rilevanti o semi-rilevanti presenti sul pianeta, mentre quello di Qualcomm limita il supporto a sette processori Snapdragon, escludendo lo Snapdragon 835 di prima generazione.

L’elenco ufficiale di Microsoft non sembra menzionare la serie di chip Intel “Skylake” di sesta generazione, uscita intorno al 2015. Ciò lascerebbe fuori anche alcuni dispositivi Surface di Microsoft come Surface Book 1 e Surface Pro 4, il che è interessante.

Microsoft in ogni caso ha pubblicato anche dei requisiti minimi perché un PC sia in grado di far girare Windows 11 in modo adeguato:

  • CPU: con due o più core a 64-bit da 1GHz o maggiore e che facciano parte della lista di processori compatibili;
  • RAM: 4GB o maggiore;
  • Archiviazione: è richiesto uno spazio di almeno 64GB;
  • GPU: compatibile con DirectX 12 o successivo, con driver WDDM 2.0;
  • Firmware: UEFI;
  • TPM 2.0
  • Display: almeno 720p e almeno 9”.

È interessante vedere come Microsoft abbia deciso di tagliare fuori i dispositivi aventi meno di 4GB di memoria RAM e meno di 64GB di spazio di archiviazione, caratteristiche invece presenti in alcuni notebook di fascia bassa o su alcuni mini PC recenti, che però soddisfano i requisiti del processore. Ricordiamo che Windows 10 richiedeva invece 2GB di memoria RAM e 32GB di archiviazione. Ma come riporta Windows Central, molto probabilmente sarà possibile comunque installare Windows 11 nei dispositivi non supportati ufficialmente con alcuni workaround.