Software

Windows Mail non regge il confronto

Pagina 6: Windows Mail non regge il confronto

Windows Mail non regge il confronto

Windows Mail, rispetto al software Leopard, fa una magra figura. Il software Microsoft offre solo le funzionalità basilari, senza nulla di particolarmente originale. È pensato per inviare e ricevere mail. Ovviamente, permette di accedere facilmente alla rubrica indirizzi e appuntamenti, ma senza integrazioni come quelle di Leopard. Solo la gestione dei Newsgroup è migliore rispetto a quella Apple.


La Windows Mail di Vista


Un messaggio e-mail vuoto di Windows Mail

Navigazione Internet

La partita si fa dura per Apple, che deve affrontare Internet Explorer 7. Safari è emerso solo nel 2003, puntando tutto su leggerezza e velocità. Usa un motore di rendering HTML Webkit, basato su KHTML, e altri motori derivanti dal mondo open source.

Safari è stato a lungo criticato per l’incompatibilità con molti siti Internet. D’altra parte, per garantire la compatibilità al maggior numero di utenti, molti sviluppatori web tendono a concentrarsi quasi esclusivamente sui protocolli di Internet Explorer, ma sembra una posizione difficile da difendere.


La gestione dei favoriti di Safari 3

Oggi Safari, tuttavia, è molto migliorato, e solo pochi siti rimangono inaccessibili. È l’unico, assieme ad Opera, a passare indenne il test Acid2, un buon indicatore sul rispetto degli standard del web.
Per quanto riguarda l’ergonomia, abbiamo apprezzato particolarmente la gestione dei favoriti: un modello di chiarezza, che ora si apre istantaneamente, mentre con le precedenti versioni ci voleva qualche secondo di troppo.

IE 7, primo assoluto

Internet Explorer continua la sua corsa senza guardare in faccia nessuno. Dopo un lungo sonno, rappresentato dalla versione 6, il numero uno dei browser è stato bersagliato prima da FireFox. e poi da Safari, che ha fatto la sua comparsa sui sistemi Windows.


La gestione dei favoriti in Internet Explorer 7

La competizione ha spinto Microsoft verso l’innovazione e verso l’integrazione in IE7 di alcune funzionalità avanzate, come la navigazione a schede. Anche se Internet Explorer arranca con il test Acid2, è sempre quello compatibile con il numero maggiore di siti. Un piccolo dettaglio ergonomico offre un ulteriore vantaggio a IE: un click sulla barra superiore delle schede ne apre, mentre Safari non lo permette.
Safari si concentra sulla velocità, mentre Internet Explorer preferisce l’universalità.