Raffreddamento

Zalman: torneremo grandi dopo aver rischiato di chiudere

È passato circa un anno da quanto il produttore di sistemi di raffreddamento Zalman si è trovato, improvvisamente, in cattive acque. La casa madre Moneual era andata "a gambe all'aria" a causa di un truffa finanziaria: aveva truccato i dati sulle esportazioni per ricevere ingenti prestiti che poi non fu in grado di ripagare. I debiti di Moneual ammontavano a quasi 3 miliardi di dollari.

Zalman, un marchio apprezzato da molti appassionati, specie in passato, correva davvero il pericolo di chiudere. L'azienda fortunatamente chiarì che non era in alcun modo coinvolta nell'attività fraudolenta di Moneual e di conseguenza quest'anno ha subito un'opera di ristrutturazione, supervisionata da enti sudcoreani. In questo modo Zalman è scampata alla bancarotta, continuando a operare onorando la garanzie sui propri prodotti in commercio e gli accordi con le altre aziende.

dissipatore zalman

A un anno di distanza dalla spiacevole vicenda il technical marketing specialist, Michael Park, ha parlato con i nostri colleghi statunitensi per fare il quadro di cosa è successo in questi dodici mesi e spiegare quale futuro attende la nuova Zalman.

Tom's Hardware: quando la vicenda è arrivata ai media si diceva che anche Zalman era prossima alla bancarotta, ma non è andata così. In che modo le voci sulla bancarotta hanno influenzato il vostro business?

Michael Park: i partner produttivi hanno iniziato a richiedere pagamenti anticipati ed esitavano nel fornirci la merce. Gli acquirenti in tutto il mondo hanno ritardato i pagamenti per paura della prospettiva futura e lo sviluppo dei prodotti ha subito pesanti ritardi. Di conseguenza ci sono state carenze nell'inventario e le vendite sono fortemente calate. I consumatori hanno pensato che Zalman fosse fuori dal mercato ed erano preoccupati per la garanzia dei propri prodotti. Un'ondata di email e telefonate ha raggiunto il nostro supporto. Si è trattata di una reazione a catena seguita a una voce senza prove concrete.

TH: ci puoi parlare un po' del processo di ristrutturazione? Chi l'ha condotto? Che cosa ha significato?

MP: lo shock e la paura erano dominanti quando è emersa la notizia della ristrutturazione. Molti dipendenti non avevano opzioni mentre a quelli che le avevano è stato suggerito di cercare lavoro altrove. L'impatto del ridimensionamento è cessato nel giro di poche settimane, e l'atmosfera è rapidamente cambiata da caotica e triste ad energica e concentrata.

Per molti è stata una grande opportunità per fare marcia indietro è tornare al concetto originario di essere leader nel campo dell'innovazione. Di tutti gli sfortunati eventi che ci avevano portato a quel punto la cosa più importante è che siamo stati in grado di valutare noi stessi, come azienda e come singoli dipendenti per iniziare da nuove fondamenta.

TH: dev'essere stato molto difficile mantenere la forza lavoro durante la ristrutturazione, sia per i potenziali licenziamenti, sia perché immaginiamo che alcuni non abbiano voluto rischiare e hanno cercato un altro lavoro. Come ha fatto Zalman a gestire questo?

MP: poco dopo aver depositato la richiesta di ristrutturazione è stata condotta un'azione immediata per uscire dai business senza profitto, focalizzando le nostre risorse solo su dissipatori, case, alimentatori e dispositivi di input. In assenza di un amministratore delegato e di direttori, l'attuale CEO Keonwoong In ha preso le redini e ridotto il numero di dipendenti da 150 a 50 e formato un nuovo consiglio di amministrazione durante una riunione degli azionisti nel novembre 2014. Le divisioni legate a produzione, vendite e marketing sono state colpite meno dal ridimensionamento e hanno continuato a tenere sotto controllo il mercato, rafforzando il rapporto con i clienti e sviluppando nuovi prodotti. Un impiegato oggi si occupa mediamente del carico di lavoro che in precedenza era di tre persone.

TH: ci hai detto che i vostri fan più accaniti vi hanno supportato nei momenti difficili. Che cosa volevi dire con questo?

MP: Zalman negli anni ha attirato numerosi clienti fedeli e quelli che hanno amato i nostri prodotti hanno continuato a supportarci malgrado sembrassimo un'azienda prossima a scomparire. Sui forum, via email e sui social hanno simpatizzato con noi e ci hanno dato un grande incoraggiamento per andare avanti. Vorremmo quindi cogliere l'occasione per chiedere scusa per la piuttosto sgradevole sorpresa e ringraziare sinceramente i nostri clienti per essere stati così incredibili. Stiamo lavorando duramente per restituire il favore.

zalman

TH: che cosa c'è nel futuro di Zalman? Qual è oggi il vostro core business? Il problema finanziario è stato risolto? Cosa possono aspettarsi i consumatori?

MP: dalla ristrutturazione abbiamo ripreso i contatti con i fondatori e i veterani che hanno fatto di Zalman un nome familiare nel mondo dei componenti per PC. Se siete abbastanza vecchi da aver costruito un PC nei primi anni 2000, stiamo parlando delle stesse persone che hanno creato quei dispositivi di raffreddamento per le CPU e le schede video. Sono ansiosi di rimettere in moto l'innovazione per cui è nota Zalman e i consumatori possono aspettarsi grandi prodotti nei prossimi anni.

Attualmente, il core business di Zalman è quello di creare dispositivi di raffreddamento, case, alimentatori e periferiche per il gaming rivolti a chi cerca soluzioni economiche. Stiamo anche lavorando su moduli di raffreddamento termoelettrici per i clienti enterprise.

Per quanto riguarda la situazione finanziaria non possono discutere i dettagli per via di un procedimento legale in corso ma ci aspettiamo che il tutto si normalizzi nel prossimo futuro. In 2016 torneremo alle nostre radici e presenteremo cinque dissipatori AIO per CPU, cinque case dalla fascia bassa a quella alta, tre alimentatori, sei tastiere per il gaming e cinque mouse.