Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
News su Guide ai regali di Natale
20 minuti

Test - Recensione di HTC One X e One S, smartphone di fascia alta con sistema operativo Android e interfaccia Sense 4.

Audio

Entrambi gli smartphone sono dotati di Beats audio, il che significa che abilitando questa funzione è possibile ampliare artificialmente lo spettro audio, ma all'interno della confezione saranno presenti auricolari classici, quindi non Beats.

HTC One X - Clicca per ingrandire

Abbiamo già incontrato questa caratteristica con i modelli Sensation XL e XE, di cui vi riproponiamo un estratto della valutazione:

Il profilo Beats può essere abilitato e disabilitato, quindi è abbastanza semplice determinarne l'effetto.

[...] Attivando Beats Audio lo spettro si amplia verso il basso e verso l'alto. Piacevole la maggior corposità data dalla potenza delle frequenze basse, ma è eccessiva l'apertura verso l'alto. Con alcune voci, soprattutto femminili, si nota molto questo sbilanciamento.

Cosa significa tutto ciò? Che l'iniziativa Beats permette a HTC di abbinare ai suoi smartphone degli auricolari di qualità superiore alla media e di sfruttare, di conseguenza, un'equalizzazione aggressiva della musica. Provato il sistema con altri auricolari, anche se con diverse sfumature, ci si ritrova a sperimentare cambiamenti simili, il che ci porta a dire che si tratta principalmente dell'attivazione di un profilo d'equalizzazione.

Purtroppo non possiamo esprimerci a riguardo su questi HTC One, poiché i sample che abbiamo ricevuto erano sprovvisti di auricolari. Quanto a potenza sono simili, 67,1 decibel per il modello One X e 67,9 per il One S.

Ricordiamo che testiamo la massima potenza in uscita dell'altoparlante interno. Questo parametro indica la potenza sonora del dispositivo, e non ha nulla a che vedere con la qualità della stessa. Deve inoltre essere confrontata con gli altri dispositivi che abbiamo testato e non può essere considerata un valore assoluto.

Pagina precedente

Benchmark

In questi grafici i risultati ottenuti con i benchmark Quadrant, Linpack, NeoCore, AnTuTu, NenaMark e NenaMark 2. Inoltre, a partire da questa recensione introduciamo altri due benchmark nella nostre suite di test per gli smartphone e i tablet Android: Smartbench 2012 e AndEBench. Ricordiamo che potete confrontare i risultati con quelli degli altri smartphone che vi interessano, poiché tutte le nostre prove sono fatte con gli stessi parametri, così da permettere una confronto diretto.

Navigazione Internet

Adottiamo tre benchmark, Rightware Browsermark e Vellamo che restituiscono un indice di qualità della navigazione internet e Javascript Sunspider, che mette alla prova il sistema nella risoluzione di comandi Javascript.

Continua a pagina 14
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Smartphone Android?
Iscriviti alla newsletter!