Hot topics:
4 minuti

Incidente mortale, un po' è colpa anche di Tesla

L'auto si schiantò contro un camion che le aveva tagliato la strada. I sistemi non avevano rilevato l'ostacolo e il guidatore non era attento. Il sistema Tesla non era in grado di controllare che l'uomo alla guida fosse effettivamente attento alla strada.

Incidente mortale, un po' è colpa anche di Tesla

L'incidente mortale che coinvolse una Tesla con Pilota Automatico attivo è almeno in parte colpa della stessa Tesla. Ad affermarlo è la Commissione Sicurezza dei Trasporti degli Stati Uniti (NTSB), ente incaricato dal governo, tra le altre cose, di indagare sugli incidenti e le loro cause.

Si tratterebbe, secondo gli esperti di NTSB, di un problema di progettazione. Il software Tesla infatti "ha portato a un'eccessiva fiducia del guidatore nei confronti dell'automazione del veicolo". Il comunicato stampa riporta che "il design ha permesso un distacco prolungato dalla guida e messo il guidatore nelle condizioni di usarlo (il sistema automatico, NdR) in modi incompatibili con gli avvisi e i suggerimenti del produttore".

White Cruise 1440[1]

Come conseguenza, la Commissione ha emesso nuove raccomandazioni e reiterato quelle precedenti. Ricordando in particolare come l'automazione alla guida abbia in effetti il potenziale per salvare decine di migliaia di vite, ma "finché tale potenziale non sarà realizzato le persone dovranno ancora guidare i propri veicoli in sicurezza".

Leggi anche Auto a guida autonoma, cosa prevedono le 5 classi

I sistemi odierni di guida autonoma, come appunto Tesla Autopilot, sono un aiuto alla guida e non possono in nessun caso sostituire l'attenzione umana. Sono sistemi che "richiedono al guidatore di essere sempre attento e in grado di riprendere il controllo immediatamente se c'è qualche problema", ha affermato il presidente di NTSB Robert L. Sumwalt III.

Nel caso dell'incidente, il sistema Tesla si è rivelato inadeguato perché mancavano misure di sicurezza che "avrebbero dovuto impedire al guidatore di usare il sistema di automazione su certe strade [...] e gli effetti combinati di errore umano e mancanza di sistemi di sicurezza adeguati hanno portato a una collisione fatale".

tesla model s autopilot software 70[1]

Il rapporto ufficiale riconosce che il sistema della Tesla non era progettato né era in grado di riconoscere il camion che tagliò la strada all'auto, ma nemmeno di comprendere che il guidatore stava facendo qualcosa che non avrebbe dovuto - cioè distogliere lo sguardo dalla strada per molto tempo. "Se i sistemi di automazione del veicolo non limitano le proprie condizioni operative ai livelli per cui sono stati progettati, restano i rischi di abuso", si legge sul comunicato stampa.

Sulle Tesla, come alcuni lettori sapranno, c'è un sistema che controlla se il guidatore ha le mani sul volante. Una soluzione che secondo NTSB non è sufficiente né adeguato, come dimostra questo incidente. Altri produttori, in effetti, usano una videocamera per assicurarsi che chi è alla guida stia effettivamente guardando la strada.

Dopo l'incidente, Tesla ha aggiornato il proprio software per ridurre il tempo "senza mani" consentito prima che scatti un allarme. L'update inoltre modifica il sistema di avviso a seconda del tipo di strada che si sta percorrendo.

2014 volvo autonomous drive me testing 01 0430 1417x944[1]

La Commissione ha emesso raccomandazioni affinché i veicoli siano dotati di scatola nera per registrare ciò che accade in caso di incidente, e che i dati siano registrati in un formato standard leggibile immediatamente. Suggerisce anche che siano introdotti sistemi di controllo più stringenti, almeno fino a che non si passerà al livello 3 e successivi. Chiede anche ai produttori di comunicare incidenti di ogni tipo, in particolare se sono coinvolti veicoli autonomi.

Al momento della stesura di questo articolo, né Tesla né Elon Musk hanno commentato le affermazioni della Commissione Sicurezza dei Trasporti.


Tom's Consiglia

Guidare senza preoccuparsi delle conseguenze si può, basta farlo in videogioco! Provate Assetto Corsa e sentitevi veri piloti!

 

Vuoi ricevere aggiornamenti su #Auto e Moto?
Iscriviti alla newsletter!