Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
News su MWC 2017
4 minuti

INGVterremoti, l'app ufficiale per informazioni corrette

L'informazione sugli eventi sismici come quelli che si stanno verificando in Centro Italia è fondamentale per non creare falsi allarmi e avere un quadro preciso e aggiornato della situazione. INGVterremoti è l'app ufficiale dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Diffidate delle imitazioni!

INGVterremoti, l'app ufficiale per informazioni corrette

Da ieri si sono verificate oltre 200 scosse di terremoto in Centro Italia, fra le Marche e l'Umbria, con magnitudo compresa fra 5.4 e 3 gradi, e stanno proseguendo tuttora. Molti - prima di tutto parenti e amici delle persone che abitano nelle zone colpite - appena appresa la notizia si sono messi comprensibilmente alla ricerca di informazioni. La rete abbonda di strumenti, e spesso le informazioni non sono veritiere o precise. Forse pochi sanno che tutti abbiamo a portata di mano uno strumento scientifico ufficiale, tempestivo e puntuale per avere informazioni in tempo reale.

Screenshot 2016 10 27 09 52 29

Parliamo di INGVterremoti, l'app ufficiale dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che esiste da tempo per iOS e Android e che in questi giorni è stata aggiornata e migliorata. La grafica è sobria, come si addice a uno strumento scientifico che ha l'obiettivo di informare la popolazione con dovizia di dettagli su eventi drammatici che avvengono nel nostro Paese, e con un livello di precisione inferiore per quelli di maggiore rilevanza che avvengono all'estero.

Le schermate sono essenziali: avviando oggi l'app ci si trova davanti l'elenco delle più recenti scosse di terremoto registrate in Italia dal Servizio di Sorveglianza Sismica dell'INGV, attivo 24h/24, 7 giorni su 7, disposte in ordine decrescente di tempo. Una scelta che punta sull'immediatezza dell'informazione, e che permette di monitorare quello che sta accadendo con informazioni verificate e precise.

Screenshot 2016 10 27 11 07 41

Purtroppo oggi sono Macerata e Perugia che si alternano nella lista. I parametri riportati per ciascun evento sismico comprendono il riferimento temporale rispetto al momento della consultazione (36 minuti fa, 1 ora fa, etc), la profondità e la magnitudo della scossa, oltre alle coordinate epicentrali, corredate da una mappa di Google Maps con cui la stragrande maggioranza degli utenti ha dimestichezza.

I dati si aggiornano entro 30 minuti dal verificarsi di un evento sismico. INGV spiega infatti che è necessario questo tempo tecnico per permettere, dopo la rilevazione del dato, di fare i controlli del caso e calcolare la migliore localizzazione possibile. Ecco perché fra l'accadimento dell'evento sismico e la sua pubblicazione ufficiale (sull'app, e su tutte le fonti ufficiali INGV) passa in media il tempo indicato. Eventuali informazioni "più veloci" possono essere inesatte, per questo è consigliabile affidarsi a strumenti ufficiali.

Screenshot 2016 10 27 11 07 21

Cliccando su ciascuno degli eventi in elenco si hanno tutte le informazioni dettagliate, dall'ora ai nomi dei paesi che si trovavano entro 10 Km dall'epicentro, e tra 10 e 20 chilometri.  Volendo - oltre che per data - si può scegliere la visualizzazione per magnitudo o per distanza.

Non solo, per chi fosse interessato non all'evento immediato ma a farsi un quadro completo della situazione sismica in Italia e nel mondo, sono disponibili le informazioni relative alla sismicità italiana dal 2005 in poi, a cui si accede mediante il menù, alla voce Ricerca Terremoti. Interessante anche la sezione News, che propone tutti gli aggiornamenti disponibili sul sito ufficiale INGV, facilmente consultabili da mobile.  

Screenshot 2016 10 27 10 55 35

Una parte che forse dovrebbero consultare tutti coloro che abitano in zone sismiche è quella relativa alle Informazioni, che rimanda alla pagina INGV in cui sono spiegati nel dettaglio tutti i dettagli relativi alla storia sismica del nostro Paese, la durata delle scosse, il calcolo della magnitudo, le aree a rischio e via dicendo. Lo stesso materiale, ufficiale, si trova online sul sito INGV, in questo caso è di facile consultazione con lo smartphone. Insomma, una app preziosa, per la quale ringraziamo gli autori e l'INGV. 

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Software?
Iscriviti alla newsletter!