Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
19 minuti

Intel SSD 750 da 400 GB vs. Samsung SM951 da 512 GB, sfida ad alte prestazioni

Intel SSD 750 da 400 GB e Samsung SM951 da 512 GB a confronto. I più veloci SSD PCIe delle rispettive categorie alla prova. Quali sono i vantaggi dell'uno e dell'altro?

Intel SSD 750 da 400 GB vs. Samsung SM951 da 512 GB, sfida ad alte prestazioni

Intel SSD 750 da 400 GB

L'SSD Intel 750 da 400 GB è tra gli SSD più veloci sul mercato. Samsung però ha una risposta molto convincente e in formato ridotto.

Intel SSD 750 da 400 GB

Introduzione

Gli SSD con connettività nativa PCI Express rappresentano per gli altri SSD ciò che gli SSD hanno rappresentato per gli hard disk. Il paragone è forte, ma serve a rendere l'idea. Grazie al collegamento diretto con la CPU l'archiviazione che sfrutta il PCI Express può ridurre ulteriormente la latenza, aumentare il throughput e dare agli appassionati un'esperienza ai massimi livelli. Senza i limiti dell'interfaccia SATA i prodotti NVMe sono in grado di fornire prestazioni fino a quattro volte maggiori rispetto agli SSD di precedente generazione frenati dal SATA 6 Gbps.

intel ssd 750
Intel SSD 750 Series - Clicca per ingrandire

L'archiviazione PCI Express non è esattamente nuova. Soluzioni come il RevoDrive di OCZ sfruttavano già il bus PCI Express. Le soluzioni migliori, finora, erano quelle di Fusion-io, che realizzò uno dei primi controller "PCIe to flash" nativi. Il RevoDrive provò a offrire prestazioni simili, ma per mantenere i costi ridotti si è avvalso di controller RAID SATA/SAS basati su PCIe. Il prodotto era in grado di raggiungere un throughput elevato, assicurando alte letture e scritture sequenziali, ma non la bassa latenza garantita da Fusion-io con accessi casuali.

Leggi anche: OCZ RevoDrive X2, un SSD su scheda PCI Express

Il PCIe nativo è la chiave di tutto. Potete pensare al controller dell'SSD come un "bridge", un ponte. In questo caso il controller connette il PCIe della CPU alla NAND Flash, dove sono ospitati i dati. Le soluzioni RAID come il RevoDrive e il G.Skill Phoenix Blade portano il PCIe verso un controller RAID, e poi tramite diverse interfacce SATA alla NAND Flash. Questi passaggi incrementano la latenza, aumentando il costo e riducendo l'efficienza.

Per rimanere focalizzati limitiamo il numero di SSD in questa comparativa. Intel, recentemente, ha presentato gli SSD 750 in due capacità. Abbiamo già provato il modello da 1,2 TB venduto a oltre 1200 euro, definendolo l'Extreme Edition degli SSD. Se avete bisogno di molta capacità e potete permettervelo, l'SSD 750 di Intel è il prodotto più capiente nella sua classe di prestazioni. Intel, comunque, ha introdotto un modello da 400 GB venduto a circa 450 euro.

L'unico concorrente diretto degli SSD NVMe di Intel è il Samsung SM951 da 512 GB, che usa lo standard AHCI. Nel prossimo futuro arriverà anche la versione NVMe. Per ora i modelli AHCI da 128, 256 e 512 GB sono gli unici disponibili. Nonostante questa differenza, molti lettori ci hanno scritto chiedendoci quale dei due SSD fosse il migliore. In questo articolo daremo una risposta.

Specifiche tecniche

Prima di confrontare l'SSD 750 da 400 GB con il Samsung SM951 da 512 GB (AHCI), diamo un'occhiata alle due offerte di Intel. C'è un chiaro gap di capacità tra i modelli da 400 GB e 1,2 TB e speriamo che Intel colmi questo vuoto con una versione da 800 GB. Pensiamo di aver capacito però perché ciò non è ancora avvenuto e magari non avverrà mai. Il modello da 1,2 TB usa 18 canali e quello da 400 GB esattamente la metà.

Inoltre, il modello da 1,2 TB ha 4 GB di buffer DRAM, mentre quello da 400 GB ne ha 2 GB. Un SSD 750 da 800 GB avrebbe infranto questa perfetta divisione. Inoltre se un SSD non possiede sufficiente DRAM per ospitare i "table data", le sue prestazioni soffrono. Teoricamente un modello da 800 GB richiede un buffer da 4 GB, con un effetto spiacevole sui costi. E un modello da 800 GB nella famiglia SSD 750 non avrebbe trovato spazio, almeno non nella struttura dei prezzi stabilita da Intel.

  Intel SSD 750 Series 400 GB Intel SSD 750 Series 1.2 TB
Capacità 400 GB 1200 GB
Controller Intel 3rd Gen Enhanced for NVMe Intel 3rd Gen Enhanced for NVMe
NAND Flash Intel 20nm MLC Intel 20nm MLC
DRAM 2GB 4GB
Lettura seq. Fino a 2200 MB/s Fino a 2400 MB/s
Scritt. seq. Fino a 900 MB/s Fino a 1200 MB/s
Lettura cas. KB Fino a 430,000 IOPS Fino a 440,000 IOPS
Scrittura cas. 4KB Fino a 230,000 IOPS Fino a 290,000 IOPS
Resistenza 70 GB Per Day 70 GB Per Day
Flusso d'aria richiesto 100 LFM 300 LFM
Garanzia 5 anni 5 anni

Con la metà dei canali che collegano controller e memoria NAND Flash, e metà della DRAM, si potrebbe ipotizzare che le prestazioni del modello da 400 GB potrebbero soffrire più di quanto suggeriscano le specifiche di Intel. Siamo invece rimasti sorpresi nel riscontrare che i numeri dell'azienda sono precisi; i nove canali dell'SSD 750 da 400 GB hanno un impatto prestazionale moderato.

Le prestazioni in lettura sequenziale scendono a 2200 MB/s rispetto ai 2400 MB/s del modello da 1,2 TB. Le prestazioni in scrittura sequenziale calano leggermente di più, passando a 900 MB/s rispetto a 1200 MB/s.

L'SSD 750 da 400 GB fornisce inoltre un throughput casuale elevato: 230.000 IOPS con letture di blocchi 4 KB e 430.000 con scritture di blocchi 4KB. Si tratta di prestazioni incredibili, sulla carta. Il pedigree enterprise di questo prodotto Intel indica tuttavia che si tratta di numeri che si raggiungono solo con molti comandi in coda. La maggior parte degli utenti raramente va oltre una queue depth di otto, per cui questa è un'area che dovremo esplorare con grande attenzione.

Prezzo a parte, l'SSD 750 da 400 GB di Intel ha un vantaggio sul modello più capiente: richiede un terzo del flusso d'aria per essere raffreddato. Questo rende il prodotto migliore per sistemi SFF (small form factor, di piccole dimensioni) privi di grandi ventole che immettono aria fresca nel case. Nel nostro test entrambi i modelli SSD 750 non hanno evidenziato alcun problema termico. Questa serie di prodotti è la prima, tra gli SSD client, a usare il protocollo NVMe. Abbiamo parlato di NVMe in dettaglio nella nostra recensione dell'SSD 750 da 1,2 TB.

Accessori, garanzia e prezzo

L'SSD 750 da 400 GB in versione "scheda PCI Express" costa 450-500 euro su Eprice. Intel include un CD con i driver e il software. Esiste anche una versione da 2,5 pollici degli SSD 750, venduta a un prezzo simile, ma richiede di affrontare alcuni ostacoli ulteriori dato che i produttori di motherboard non hanno ancora inserito un connettore speciale sulle schede madre della serie 9.

Intel SSD Toolbox

Sospettiamo che questo connettore farà parte delle nuove piattaforme Skylake attese nei prossimi mesi (agosto/settembre). Intel offre anche un supporto HHHL per installare la scheda in un server 2U. Gli SSD 750 sono compatibili con il software SSD Toolbox per chi è alla ricerca delle prestazioni ottimali. La garanzia è di 5 anni o fino a quando l'indicatore WMI non legge "0%" sul parametro che riguarda la vita rimanente.

Continua a pagina 2
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #SSD?
Iscriviti alla newsletter!