Hot topics:
News su MWC 2018
2 minuti

Internet of Things, la sicurezza in un super chip del MIT

Un gruppo di sviluppatori del MIT sta mettendo a punto un chip a basso consumo che consentirà ai sensori IoT di ottenere adeguata sicurezza.

Internet of Things, la sicurezza in un super chip del MIT

Il mondo dell'Internet of Things ha un serio problema di sicurezza, ma il MIT di Boston ha trovato una soluzione che potrebbe far dormire sonni tranquilli a imprese e consumatori.

È risaputo che oggi ci si affida a chiavi pubbliche di cifratura per proteggere le transazioni o le comunicazioni fra i computer. I protocolli che gestiscono ogni operazione sono affidati a software specifici che almeno per il momento richiedono risorse non indifferenti, o comunque non alla portata della sensoristica IoT a cui si chiede soprattutto un livello di consumo energetico minimo.

chip

Un gruppo di ricercatori del MIT ha sviluppato quindi un chip di cifratura (256-bit) che consuma 1/400 in meno e impiega 1/10 in meno di memoria di quanto richiederebbe un software che svolge il medesimo compito. Il tutto con una capacità di esecuzione 500 volte superiore. Insomma, quasi una soluzione miracolosa al problema della sicurezza.

In questi giorni, durante l'International Solid-State Circuits Conference di San Francisco, verranno svelati ulteriori dettagli del progetto. Al momento è stato confermato l'impiego della cosiddetta tecnica chiamata "elliptic-curve encryption" (Crittografia ellittica).

elliptic curve cryptography

"C'è molto dibattito su quale curva sia sicura e quale usare, e ci sono diversi governi con standard differenti che stanno emergendo parlando delle differenti modalità", ha spiegato Utsav Banerjee, ricercatore dell'MIT autore del documento. "Con questo chip, le possiamo supportare tutte, e si spera, quando ne arriveranno altre in futuro, che noi si possa supportarle analogamente".

In pratica la maggior parte delle funzionalità che oggi girano su software potrebbero migrare direttamente su hardware, riducendo consumi e costi. E anche per gli sviluppatori, secondo Xiaolin Lu, dirrettore dello IOT lab di Texas Instruments, quasiasi progetto sarebbe più facile da implementare.

Vuoi ricevere aggiornamenti su #Internet of Things?
Iscriviti alla newsletter!