Hot topics:
2 minuti

Kaspersky agli USA: "Il vostro agente hackerato dalla Cina"

Dopo le accuse del governo statunitense, la società di sicurezza pubblica il risultato di un'indagine interna che esclude qualsiasi responsabilità.

Kaspersky agli USA: "Il vostro agente hackerato dalla Cina"

Kaspersky e il governo USA ormai se le suonano come due pugili al centro del ring. La vicenda è quella dell'attacco hacker che ha colpito un contractor dell'NSA e che secondo il governo degli Stati Uniti avrebbe coinvolto Kaspersky, il cui antivirus sarebbe stato usato dai servizi segreti russi per rubare documenti e software dell'NSA.

La società russa, dopo essersi difesa dalle accuse di essere in combutta con i servizi del Cremlino, è però passata all'attacco. E lo ha fatto pubblicando un corposo report che contiene le conclusioni di un'indagine mirata a chiarire cosa sia successo in quel fatidico autunno del 2014.

kaspersky

Secondo i ricercatori, si legge nel report, il materiale top secret sarebbe stato rubato da "hacker ignoti" che però usavano un server registrato da una società cinese.

Nel report Kaspersky ribalta inoltre le accuse sul contractor, accusandolo in buona sostanza di essere un incompetente. La backdoor utilizzata per sottrarre il codice sorgente degli strumenti di spionaggio dell'NSA, infatti, sarebbe finita sul computer proprio per colpa sua.

L'agente segreto avrebbe infatti installato sul suo PC una versione pirata di Office che conteneva un trojan e, per farlo, avrebbe disattivato l'antivirus che bloccava l'esecuzione del crack scaricato insieme al programma pirata.

Per saperne di più leggi l'articolo completo su Security Info, il sito dedicato completamente alle news e agli approfondimenti sul tema della sicurezza informatica.

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Sicurezza?
Iscriviti alla newsletter!