Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:

La tecnologia è diventata di una noia mortale?

La tecnologia non è più stimolante, e non ci sono più molte ragioni per cambiare lo smartphone, il tablet o il computer. Un recente sondaggio di Accenture porta alla luce l'opinione di quasi 30.000 consumatori in tutto il mondo, e suona un campanello d'allarme per tutte le aziende del settore.

La tecnologia è diventata di una noia mortale?

Un recente sondaggio di Accenture, svelato al CES 2016 di Las Vegas, ci offre qualche informazione sul perché il mercato della tecnologia è stagnante, e perché probabilmente continuerà ad andare piuttosto male anche nel prossimo futuro. L'enorme società di consulenza e analisi ha intervistato 28.000 consumatori in 28 paesi, scoprendo che siamo sostanzialmente annoiati e/o spaventati dai nuovi prodotti tecnologici.

Solo il 48% degli intervistati prevede di cambiare telefono nei prossimi dodici mesi; il 6% in meno rispetto all'anno scorso, ma è soprattutto la prima volta che questo valore scende da quando Accenture fa le sua analisi. Ancora una volta è la Cina a far pesare di più il proprio ruolo: in questo paese il valore è passatto dall'82% al 61%.

ragioni non acquistare nuovo dispositivo Accenture 658x282

Tra coloro che non cambieranno lo smartphone nel corso dell'anno, il 47% ha deciso così perché trova il proprio attuale terminale sia ancora valido. Non ci sono ragioni valide per cambiare smartphone, in altre parole, e lo stesso vale per computer (si parla di notebook in particolare) e tablet. Altri (26%) hanno appena comprato un dispositivo, mentre il 14% dice di non potersi permettere un nuovo smartphone. Il 4% dice che i nuovi modelli non hanno nulla di interessante.

Guardando alle nuove categorie di prodotto le cose non vanno meglio: vi rientrano smartwatch, gadget per il fitness, strumenti per la sorveglianza domestica e la domotica, droni personali. Le intenzioni di acquisto restano basse e gli utenti interessati, in percentuale, sono sempre quelli.

Accenture si concentra in particolare su quel gran calderone di oggetti che è la categoria "Internet of Things", dispositivi grandi e piccoli che dovrebbero migliorare la nostra vita grazie a una costante connessione a Internet. Ebbene, la maggior parte degli intervistati trova che siano troppo costosi rispetto ai vantaggi che offrono (62%), ma sono molti (47%) quelli preoccupati della propria privacy, e delle informazioni personali che questi oggetti potrebbero trasmettere senza che ce ne rendiamo conto. Il 23% degli intervistati inoltre non ha ancora capito bene quali dispositivi IoT gli potrebbe essere utili, e il 17% trova tutto il tema ancora troppo confuso.

accenture iot concerns

In conclusione, Accenture suggerisce alle aziende lo sviluppo di proposte che abbiano un grande valore aggiunto, che "assicurino al cliente un'esperienza di alto livello". E suggerisce anche di lavorare molto sulla sicurezza e sul rapporto di fiducia. Saranno questi gli elementi che determineranno il successo e il fallimento nei prossimi anni, più delle specifiche hardware o di funzioni accessorie dall'utilità discutibile.

"In altre parole", commenta Matt Rosoff su Business Insider, "la rivoluzione mobile è praticamente finita, e tutti stanno aspettando la prossima cosa da comprare. Le aziende devono fare un lavoro migliore nel creare nuovi prodotti che piacciano alle persone, e devono spiegare perché non dovrebbero averne paura".

Il quadro che emerge è sicuramente interessante, e tutti possiamo guardarci intorno cercando conferme o smentite: pensate di cambiare smartphone nell'immediato futuro? Che cos'hanno di interessante i modelli nuovi? Smartwatch e fitness tracker hanno un qualche interesse? La privacy e la sicurezza hanno un qualche peso nella decisione di acquisto?  Insomma, gli oggetti hi-tech in commercio sono diventati noiosi? 

facebook

 

AREE TEMATICHE
Vuoi sapere di più su #CES 2016? Scopri la nostra pagina dedicata!