Un liceale italiano inventa LaserWan, 500 Mbps senza fibra

Si chiama "LaserWan" ed è una tecnologia rivoluzionaria che sfrutta i raggi infrarossi, emessi da speciali laser, per fornire connettività Internet da 500 Mbit/s nelle zone in digital divide.

L'ha inventata un sedicenne che frequenta il liceo scientifico Galilei di Nizza Monferrato e che poche ore fa ha vinto il primo premio della ventottesima edizione del Concorso giovani scienziati della Commissione UE.

laserwan

Valerio Pagliarino ha avuto la brillante intuizione quando ha iniziato a sentir parlare della battaglia per la fibra tra Enel e Telecom. Si parlava di tralicci dell'elettricità e lui ha pensato a un modo per sfruttarli. In pratica LaserWan si basa sull'installazione di ricetrasmettitori sui piloni dell'alta tensione che trasportano l'energia elettrica dalle città ai piccoli paesi. L'idea è di ottenere a minor prezzo prestazioni analoghe alla fibra e soprattutto senza inquinamento elettromagnetico.

"Dove vivo, Castelnuovo Calcea, la rete è lenta. Il gestore non ci porta i 7 mega perché costa troppo, navighiamo a 0,6", raccontò a La Stampa la scorsa primavera. "Stavo facendo esperimenti sulla trasmissione quando ho avuto l'illuminazione. In fondo la fibra ottica trasmette luce lungo un dispositivo fisico. Ma la tecnologia per trasmettere luce senza fili c'è, ed è il laser".

A dicembre 2015 su segnalazione della sua insegnante Giuseppina Bogliolo ha deciso di partecipare al concorso "I Giovani e le Scienze 2016". Ultimato il lavoro di sviluppo del progetto, Bogliolo si è resa conto di avere per le mani qualcosa di geniale e ha consigliato al ragazzo di brevettare l'idea.

Dopodichè è giunto il premio speciale Aica per il miglior progetto sulle tecnologie della comunicazione e dell'informazione. E adesso "LaserWan: connessione a banda ultralarga Laser" ha sbancato anche a Bruxelles.

Ok, ma quanto costa realizzare LaserWan? "L'ho già costruito, ho usato i pezzi di un vecchio aspirapolvere, due telecomandi rotti e un paio di schede elettroniche comprate online", ha spiegato Pagliarino. "Ho trasmesso un film in streaming e ha funzionato perfettamente. Secondo i miei calcoli la velocità di navigazione con questa tecnologia arriva a 500 mega al secondo sia in download che in upload".

Il colpo di scena però arriva quando si valutano le stime di costo per l'eventuale implementazione sul territorio. "Secondo quanto ho trovato online, posare la fibra ottica costa 1000 euro al metro. Il mio LaserWan abbatte i costi di 100 volte. Ogni chilometro, per servire 100 utenze, costerebbe 10 mila euro", ha sottolineato il giovane astigiano.

Già, ma ci sarà almeno un difetto. Sì, la nebbia. "Ma ho già la soluzione una sorta di telemetria in stile Formula 1 che modula il segnale e può bucare anche i banchi più fitti".

Telecom, Enel Open Fiber, Fastweb, Vodafone, avete sentito?

Pubblicità

AREE TEMATICHE