Hot topics:
2 minuti

Limitazioni a VoIP e P2P? Il Garante indaga

L’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni analizzerà per 120 giorni le operazioni di gestione del traffico online dei provider

Limitazioni a VoIP e P2P? Il Garante indaga

In Italia si farà finalmente chiarezza sui comportamenti degli operatori mobili e dei provider, rispettivamente, nei confronti dei servizi VoIP e del traffico P2P. L'Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni ha infatti confermato di aver avviato un'indagine conoscitiva sui due settori, per rilevare eventuali comportamenti discriminatori attuati dagli operatori.


Affidarsi a sistemi di gestione del traffico non è illegale, anzi in molti casi migliora l'efficienza prestazionale dei network, ma la limitazione di alcune attività per eludere la concorrenza o semplicemente favorire le proprie attività di business non è consentito.

Secondo il Garante l'indagine "approfondirà i profili tecnici, economici e giuridici legati alla fornitura di tali prestazioni e valuterà se le strategie messe in atto da alcuni operatori mobili - di limitazione dei servizi in esame - siano compatibili con il quadro regolamentare vigente".

Insomma, per circa 120 giorni verranno valutate "eventuali pratiche discriminatorie a danno di talune categorie di utenza, e, più in generale, il rispetto del principio di trasparenza delle offerte al cliente finale". Sotto la lente l'intera filiera: operatori di rete e fornitori di servizi "al fine di garantire che non vi siano strategie che escludono o limitano la concorrenza nei mercati finali, a danno - in ultima analisi dei consumatori".

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #E-Gov?
Iscriviti alla newsletter!