Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
15 minuti

Abbiamo dato uno sguardo ai tre sistemi operativi oggi disponibili sul mercato. Quali sono i pro e i contro di ognuno per l'utente finale?

Video e audio

Alla fine degli anni '90, avevamo da un lato la coppia Windows 98/Me e dall'altra Mac OS 9. I due sistemi operativi Microsoft erano considerati troppo instabili e difficili da gestire, ed erano quindi poco considerati dalle software house che si occupano di fotoritocco e di creazione di contenuti multimediali. Chi voleva modificare o creare contenuti multimediali doveva ripiegare sul sistema operativo Mac.

Video e audio: esiste il "migliore"?

L'uscita di Windows XP, più stabile e semplice da usare, ha in parte cambiato la situazione. Le software house hanno iniziato a sviluppare i loro prodotti per entrambe le piattaforme, in modo da consentire a chi non ama Mac di lavorare sotto Windows. La maggior parte dei software moderni sono disponibili sia per Mac OS sia per Windows, ma Mac rimane sempre la piattaforma di riferimento per immagini e video. Windows Vista, a distanza di un anno dalla sua uscita, stenta ancora a scalzare XP a causa della mancanza di drivers e dell'incompatibilità con i software esistenti.


Modifica di immagini

Linux, ignorato dalle grandi software house come Adobe, consente ugualmente di ritoccare foto e montare video. Programmi come GIMP (fotoritocco) e Cinelerra (montaggio video), sono utilizzati in ambito professionale, e vantano potenza e gratuità.


The Gimp

Pagina precedente

Video e audio: fatti in casa?

Grazie alla potenza dei moderni computer, chiunque può montare i video girati durante le vacanze o ritoccare in modo semplice e veloce le proprie foto. Apple offre il pacchetto iLife, che comprende diversi programmi per il montaggio video, l'organizzazione ed il ritocco di foto, e la creazione di pagine Web.


iMovie 8

Windows Vista integra Windows Movie Maker, equivalente a iMovie, e la sua galleria foto, simile a iPhoto. Sono disponibili anche numerosi programmi gratuiti per Windows, come Paint.Net o PhotoFiltre, solo per citarne alcuni.

Anche Linux ha previsto il fotoritocco domestico, ma bisognerà destreggiarsi tra una moltitudine di software che, sostanzialmente, fanno le stesse cose. Ricordiamo infine che Google mette a disposizione degli utenti Windows e Linux, un software chiamato Picasa che permette facilmente di organizzare, condividere e ritoccare le immagini presenti sul proprio PC.

Video e Audio: quale scegliere?

Windows è riuscito a colmare la distanza che lo separava da Mac OS X, per quel che riguarda la creazione e la modifica di contenuti multimediali. Linux continua ad essere snobbato dalle grandi software house, ma si distingue dagli altri SO perché offre tantissimi programmi di ritocco e montaggio molto efficaci. Chi non è intimorito da interfacce talvolta pesanti e poco chiare, può provare a usare Linux. Gli altri, è meglio che rimangano fedeli a Windows o a Mac OS X.

I videogiochi

Windows è stato, e continua ad essere, il sistema di riferimento per chi gioca. I motivi sono molto semplici: più utenti, più hardware supportato, più ricavi per le software house che sviluppano videogiochi.

A Mac OS e a Linux solo le briciole

Con simili premesse, cosa rimane a Mac OS e a Linux? Si sta osservando un crescente interesse nei confronti del SO Apple, e i produttori di videogiochi non sono stati a guardare: alcuni di essi, infatti, offrono i loro titoli anche per Mac OS X. In molti altri casi, invece, bisogna accontentarsi di un'emulazione Windows. Se siete interessati alla possibilità di giocare su Mac in emulazione, vi consigliamo di non entusiasmarvi troppo, e di leggere prima il nostro articolo "Giocare su Mac: il test verità".

Linux non è nato come SO per videogiochi. Sono tuttavia disponibili diversi motori di Quake per Linux. Esistono inoltre numerosi giochi, più o meno riusciti, per questo SO. Ricordiamo che è possibile utilizzare alcuni giochi Windows mediante l'emulatore Wine o la sua controparte a pagamento Cedega.

Continua a pagina 8
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Software?
Iscriviti alla newsletter!