Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
3 minuti

MacBook Pro e 32 GB di memoria: Apple spiega i motivi del no

Il capo del marketing di Apple, Phil Schiller, torna a parlare l'impossibilità di montare 32 GB di memoria sui nuovi MacBook Pro svelando ulteriori dettagli.

MacBook Pro e 32 GB di memoria: Apple spiega i motivi del no

Molti non hanno gradito l'impossibilità di montare 32 GB di memoria sui nuovi MacBook Pro, limitati a 16 GB di memoria per l'intera durata di vita. Sul perché Apple abbia preso questa decisione si è detto molto; in prima battuta il capo del marketing dell'azienda, Phil Schiller, aveva parlato di una scelta dettata dalla volontà di contenere i consumi.

macbook pro touch bar
Il nuovo MacBook Pro giunto in redazione

In seguito a un articolo dello sviluppatore Ben Slaney, Phil Schiller è tornato sull'argomento, chiarendo maggiormente i problemi tecnici che hanno limitato i nuovi MacBook Pro a 16 GB di memoria.

"Il MacBook Pro usa 16 GB di memoria LPDDR molto veloce, fino a 2133 MHz. Supportare 32 GB avrebbe richiesto l'uso di memoria DDR che non è a basso consumo e avrebbe inoltre imposto un progetto differente della scheda madre, limitando lo spazio per le batterie. Entrambi i fattori avrebbero ridotto l'autonomia", ha scritto Schiller.

Leggi anche: MacBook Pro con Touch Bar, brutta notizia: l'SSD è saldato

Lo sviluppatore, nel suo articolo, spiegava che i nuovi MacBook Pro usano memoria a basso consumo chiamata LPDDR3E, il cui massimo è oggi pari a 16 GB. Passare ai 32 GB avrebbe richiesto il salto alle DDR4, ma la variante a basso consumo di questa memoria non è supportata dai processori Intel Skylake montati sui portatili.

Secondo Slaney se Apple avesse optato per le DDR4 i MacBook Pro sarebbero stati in grado di assicurare un'autonomia in standby inferiore a una settimana e la memoria avrebbe impattato sui consumi per il 20/30%, rispetto al 10% dell'attuale configurazione. Con lo strumento iStat Menus lo sviluppatore ha determinato che in normali condizioni la LPDDR3E richiede 1,5 watt contro i 3-5 watt di una DDR4 - valore stimato con test su notebook Windows.

Leggi anche: Intel a Tom's Hardware: con le CPU Skylake meglio non usare le DDR3

Apple è stata quindi frenata da Intel nello sviluppo di MacBook Pro più attraenti? O forse, come qualcuno potrebbe ritenere, l'azienda ha perso un po' di spirito innovativo negli ultimi anni? Steve Jobs avrebbe approvato un MacBook Pro con questo limite? Tutte domande lecite, a cui si aggiunge un retropensiero sul fatto che, in fin dei conti, questo limite di memoria ad Apple non dispiaccia affatto: chi vorrà 32 GB dovrà acquistare il MacBook Pro del futuro.

Apple MacBook 12 Apple MacBook 12
  
Apple MacBook 12 Apple MacBook 12
ePRICE
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Mac?
Iscriviti alla newsletter!