Microsoft E3 2018: tutte le novità dalla conferenza

Le conferenze E3 2018 cominciano a entrare nel vivo, dopo EA Play, infatti, è Microsoft la seconda a scendere in campo con la divisione Xbox, e lo fa nella nuova bellissima location del Microsoft Theatre. Sarà riuscita l'azienda di Redmond a tenere un briefing di alto livello e far sognare i consumatori di Xbox One e Windows10? Scopritelo insieme a noi in questo recap, dove potrete trovare tutte le novità annunciate.

La trinità e qualche sorpresa

Microsoft parte in quarta con la sua IP per antonomasia: Halo, e lo fa con  Halo: Infinite, che da poco è stato confermato da Microsoft come il seguito di Halo 5 Guardians e quindi a tutti gli effetti può considerarsi come Halo 6, tra l'altro, era stato in parte già rumoreggiato qualche giorno fa. Il trailer era in engine ed è stato fatto per mostrare le potenzialità del nuovo motore grafico: Slip Space e non, quindi, uno story trailer. Non sappiamo ancora la data di rilascio e nemmeno le meccaniche di gameplay, ci toccherà aspettare ulteriori delucidazioni.

1

Finito l'antipasto, si è continuato con il meraviglioso Ori and the Will of the Wisps, che si è mostrato con un incredibile trailer gameplay da brividi. Il gioco è atteso per un 2019 generico. Da citare anche il ritorno in stage di Crackdown 3, molto migliorato rispetto all'ultima dimostrazione, ma al di sotto di quello che ci si aspettava, inoltre, la data d'uscita non aiuta: previsto per febbraio 2019 si dovrà confrontare con Metro Exodus - mostrato con un trailer gameplay in conferenza - Anthem di Bioware e Days Gone di Sony Bend. Torna anche Gears of War con ben tre titoli, - di cui uno esclusivo per Android ed Apple Store - Gears Tactics, strategico molto simile a XCOM che a tutti gli effetti conferma un rumor di un paio di settimane fa, e il tanto desiderato Gears of War 5 che si mostra con un lungo filmato in game che, possiamo dirlo, lascia senza fiato per qualità tecnica, nuove meccaniche e tipologie di nemici, spostando l'attenzione su Kaith, personaggio già molto amato in Gears 4 e che diventa a tutti gli effetti la protagonista della prossima vicenda. Purtroppo non si hanno date di uscita, né periodi di rilascio, bisognerà attendere il 2019 per saperne di più.

2

Ogni conferenza deve avere la sua sorpresa e quella di quest'anno è veramente inaspettata: torna infatti Battletoads con un titolo di non precisata tipologia che vedrà la luce nel 2019, sempre, ovviamente, in esclusiva Xbox One e Windows10.

Finito l'antipasto, si è continuato con il meraviglioso Ori and the Will of the Wisps, che si è mostrato con un incredibile trailer gameplay da brividi. Il gioco è atteso per un 2019 generico. Da citare anche il ritorno in stage di Crackdown 3, molto migliorato rispetto all'ultima dimostrazione.

A sorprendere più di tutti, però, è Forza Horizon 4, quarto capitolo della famosa saga open world arcade racing di Playground Games che sposta l'attenzione sull'inghilterra, introducendo meteo dinamico, stagioni dinamiche, mondo condiviso da tutti i giocatori e distruttibilità ambientale migliorata, un impressionante titolo che su One X potrà girare a 60fps. Il gioco è atteso per il 2 ottobre 2018.

5

Conclude la rassegna stampa di esclusive, una varia lista di esclusive temporali, previste prima su Xbox e successivamente su altre console. Tra questi figurano: il DLC di Cuphead (che probabilmente spingerà il gioco su PlayStation 4), Session -un gioco di skateboard che ricorda molto la saga Skate-, Tunic, un indie game dallo stile incredibile e Black Desert, già annunciato allo scorso E3 e che vedrà la luce alla fine del 2018. Piccola citazione anche per un trailer sui prossimi DLC di Sea of Thieves: Cursed Sails e Forsaken Shores, e su riproposizioni di Ashen e Below, di cui però, non sappiamo ancora una data certa.

Multipiattaforma e focus sui first party

Le terze parti hanno svolto un ruolo cruciale all'interno del briefing Microsoft, con una serie di giochi da strapparsi i capelli: dal già citato Metro Exodus, The Division 2 a Shadow of the Tomb Raider e Sekiro Shadow Die Twice di From Software, fino ad arrivare ad annunci incredibili come Jump Force, Dying Light 2 -sviluppato da TechLand con Chris Avellone, mica pizza e fichi-, Devil May Cry 5, Just Cause 4 e a Captain Spirit, spin off di Life is Strange che vedrà la luce gratuitamente durante il 26 giugno del'anno corrente.

6

Non sono però mancati prodotti già annunciati che abbiamo avuto modo di vedere nuovamente e in una nuova veste, come: Kingdom Hearts 3 che conferma il mondo di Frozen, Fallout 76 che si conferma come spin-off online e Nier Automata che sbarca finalmente su Xbox One il prossimo 26 giugno 2018. Torna anche, con una veste rinnovata, Tales of Vesperia Definitive Edition. La vera bomba terze parti, però, si è vista in chiusura di conferenza; lo schermo si frastaglia come un hacker che cerca di entrare in un sistema, il risultato è: Cyberpunk 2077 di CD Projekt Red che finalmente si fa ammirare in un tutta la sua bellezza stilistica, e lo fa con un trailer cinematic dove vengono approfonditi personaggi, mondo di gioco e armamenti.

7

I third party sono importantissimi, ma mai quanto i first party e Spencer questo lo sa. La vera, clamorosa bomba della conferenza Microsoft è proprio l'acquisizione di 4 team: Ninja Theory, Playground Games, Undead Labs e Compulsive Games che svilupperanno esperienze di vario tipo per Microsoft da qui in avanti. Da citare anche il nuovo studio fondato a Santa Monica che ha finalmente un nome: The Iniziative. Quest'ultimo sarà impiegato nello sviluppare esperienze fortemente narrative e single player, ma anche Playground Games conferma di essere al lavoro su un RPG Open World di incredibile spessore che non vediamo l'ora di vedere nel prossimo futuro e che contro ogni probabilità sarà Fable. Sono 5, quindi, i nuovi first party con cui Microsoft Xbox affronterà il futuro.

I third party sono importantissimi, ma mai quanto i first party e Spencer questo lo sa. La vera, clamorosa bomba della conferenza Microsoft è proprio l'acquisizione di 4 team: Ninja Theory, Playground Games, Undead Labs e Compulsive Games che svilupperanno esperienze di vario tipo per Microsoft da qui in avanti. Da citare anche il nuovo studio fondato a Santa Monica che ha finalmente un nome: The Iniziative.

C'è stato spazio anche per parlare di Xbox Game Pass che introduce Fallout 4, The Division e che vedrà l'arrivo di Forza Horizon 4 e Crackdown 3 nei prossimi mesi. Da sottolineare anche lo sviluppo del sistema Fast Start che consisterà nella possibilità di avviare i videogiochi più velocemente durante il download.

Conclusioni

La conferenza Microsoft è stata di buona fattura, tante novità, tanti videogiochi, una line up per il 2019 che sembra interessante e scarnita da un ritmo vincente e da tantissimi multipiattaforma di incredibile pregio. Nonostante la bellezza di giochi come Gears of War 5, Ori Will and the Wisps e Forza Horizon 4, manca però un'esclusiva originale che potesse davvero far sobbalzare il pubblico; questa non c'è  stata, è vero, ma l'acquisizione dei 4 studi e l'introduzione di un nuovo first party creato da zero, testimoniamo una netta voglia di rivincita per la prossima generazione, che già da ora comincia già a sembrare molto interessante.


Tom's Consiglia

È il momento giusto per acquistare una Xbox One S o la più performante Xbox One X, approfittate dei prezzi vantaggiosi Amazon!

Pubblicità

AREE TEMATICHE

Evento

Vuoi sapere di più su #E3 2018? Guarda la nostra pagina dedicata!