Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
News su Guide ai regali di Natale
3 minuti

Microsoft: nuovi processori supportati solo da Windows 10

Microsoft supporterà i nuovi processori solo con Windows 10. Gli utenti Intel Skylake hanno 18 mesi di tempo per passare al nuovo sistema.

Microsoft: nuovi processori supportati solo da Windows 10

Microsoft annunciato che fornirà supporto software agli ultimi processori sul mercato solo con Windows 10. Una mossa che potrebbe indurre molti consumatori ad aggiornare il proprio sistema operativo al fine di usare le tecnologie integrate nei processori più recenti.

In passato la casa di Redmond ha sempre aggiornato le versioni di Windows disponibili sul mercato all'uscita di nuove CPU. Questi aggiornamenti a volte erano molto importanti per favorire il corretto funzionamento del sistema operativo con il nuovo hardware, come un update distribuito ai tempi dei Pentium 4 Prescott per vedere i core Hyper-Threaded in modo differente da veri e propri core fisici.

Un altro esempio riguarda un aggiornamento per i processori AMD Bullozer, con la loro architettura a moduli che non veniva gestita correttamente, con un conseguente impatto sulle prestazioni.

windows 10

"In futuro, con l'arrivo di nuove generazioni di chip, queste richiederanno l'ultima piattaforma Windows disponibile in quel momento per il supporto. Questo ci permetterà di focalizzarci nell'integrare profondamente Windows e il chip, mantenendo la massima stabilità e compatibilità con le generazioni precedenti della piattaforma e il chip. Per esempio Windows 10 sarà l'unica piattaforma Windows supportata sui futuri chip Intel Kaby Lake, il prossimo Qualcomm 8996 e i chip AMD Bristol Ridge", ha spiegato Terry Myerson, Executive Vice President di Microsoft.

Windows 7, 8, 8.1 e Windows 10 riceveranno gli update legati ai processori Skylake, ma quando arriveranno le future CPU Intel Kaby Lake e AMD Bristol Ridge Microsoft aggiornerà solamente Windows 10 al fine di garantirne il supporto. Se in quel momento starete usando Windows 7, per farvi un esempio, potreste essere in grado di usare quei processori, ma potreste incorrere in minori prestazioni, consumi maggiori e instabilità.

Microsoft, forse per indorare la pillola, ha spiegato che nonostante Skylake sia supportato da Windows 7, le prestazioni con Windows 10 sono fino al 30 volte maggiori sul fronte grafico e fino a 3 volte migliori per quanto riguarda la batteria, con "la sicurezza senza pari di Credentail Guard che usa la virtualizzazione supportata dal chip".

Terry Myerson ha aggiunto che gli utenti con vecchi sistemi operativi che oggi supportano Skylake, come Windows 7, dovrebbero iniziare a pianificare il passaggio a Windows 10: l'azienda smetterà di fornire aggiornamenti specifici per la piattaforma Skylake a questi sistemi operativi il 17 luglio 2017.

Ciò non significa che Windows 7 e 8.1 non riceveranno più update complessivamente: i due sistemi saranno supportati per sicurezza, affidabilità e compatibilità rispettivamente fino al 14 gennaio 2020 e 10 gennaio 2023.

Una decisione che farà certamente discutere molti appassionati, spesso poco inclini ad accettare imposizioni come questa (molti temono Windows 10 per questioni di privacy), ma che rende felici Microsoft, i produttori di PC e processori: da una parte la casa di Redmond induce i più restii a migrare a Windows 10, velocizzandone la diffusione, dall'altra porterà molte aziende ad aggiornare interamente il parco macchine per godere del massimo supporto possibile.

Intel Core i3-6300 Intel Core i3-6300
  
Intel Core i3-6100 Intel Core i3-6100
  

Offerte, contest e news in anteprima sulla pagina Facebook di Tom's Hardware. Diventa nostro fan!

 

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Software?
Iscriviti alla newsletter!