Netflix, per una Disney che esce c'è un Letterman che entra

Disney ha posto fine all'accordo stipulato con Netflix. La multinazionale statunitense ritirerà tutti i propri contenuti dalla celebre piattaforma di streaming a partire dal 2019. La decisione è conseguenza della volontà di proporre nei prossimi anni un servizio proprietario, assecondando i chiari segnali provenienti dal mercato dell'intrattenimento domestico.

Un recente report del Financial Times ha infatti evidenziato come, negli U.S.A., si stia verificando un progressivo abbandono della TV via cavo a favore dello streaming via web. Una tendenza che, in ottica futura, si verificherà anche a livello globale, aprendo le porte a nuove interessanti possibilità di business.

Disney Netflix

Non a caso, l'intenzione della Disney è proprio quella di immettersi direttamente in questo mercato. A partire dal prossimo anno proporrà un servizio dedicato a ESPN, la sua rete sportiva, offrendo 10.000 eventi dal vivo l'anno disponibili per abbonamenti, selezionabili anche in relazione allo sport preferito dall'utente.

Leggi anche: Netflix, da oggi c'è lo streaming in Dolby Atmos

Nel 2019 invece, anno in cui diventerà operativo il divorzio da Netflix, aprirà i battenti un servizio in streaming per i film Disney, che abbraccerà praticamente tutta la produzione dell'azienda (dai classici lungometraggi ai cartoni animati, fino ad arrivare ai telefilm più recenti).

Disney Netflix

Una mossa che richiederà un importante investimento, considerando come Disney non abbia a disposizione, in questo momento, il know-how tecnologico specifico per lo streaming. Per tale ragione, come riportato dal Wall Street Journal, l'azienda acquisirà il controllo della società BAMtecc LLc (già posseduta per il 33%) specializzata nel settore specifico, versando una somma pari a 1,58 miliardi di dollari.

Un quadro che, nell'immediato, sta avendo delle precise ripercussioni su Disney e Netflix. La prima ha subito una flessione in borsa del 3%, mentre il titolo della seconda è arrivato a perdere fino al 5,80% nelle contrattazioni after hours. Del resto, si profila una vera e propria rivalità nello stesso campo, e non a caso il colosso dello streaming ha cominciato già a correre ai ripari.

Disney Netflix

Nella giornata di ieri, attraverso una tempistica evidentemente dettata dalla mossa della Disney, Netflix ha annunciato l'accordo con David Letterman. Il celebre conduttore televisivo statunitense, che aveva lasciato le scene a maggio del 2015 dopo 33 anni di attività, tornerà con una nuova versione del suo show.

Si tratterà di sei episodi, ognuno della durata di circa 1 ora, che saranno trasmessi in esclusiva su Netflix nel 2018. Segreto assoluto circa i contenuti, anche se si parla di ospiti di assoluta importanza (come da tradizione per il David Letterman Show) oltre che di reportage dal vivo.

Letterman Netflix

Un vero e proprio colpo per Netflix, che si va ad aggiungere alla prima acquisizione operata dall'azienda in 20 anni di vita. Millarworld, l'etichetta comics creata nel 2003 dallo scrittore scozzese Mark Millar, è infatti entrata nella galassia del colosso dello streaming, con l'obiettivo di poter generare nuovi contenuti originali sui personaggi più rappresentativi di questa realtà.

Leggi anche: Narcos 3, il trailer annuncia una stagione più adrenalinica

Mark Millar è infatti il creatore di Kick-Ass, Civil War, Superior, Wanted, Starlight, solo per citarne alcuni. Netflix avrà dunque a disposizione tanto altro materiale da poter plasmare, al fine di arricchire ulteriormente la propria offerta. 

Millarworld Netflix

Il 2016 ha incoronato Netflix come leader del settore dello streaming on Demand: 93,8 milioni di abbonati (con 19,0 milioni di nuove attivazioni nette contro le 17,4 milioni nel 2015), 8.3 miliardi di ricavi (+35% annuo) e utili pari a 188 milioni (+54%).

Nonostante questi risultati e la netta posizione di supremazia, Netflix continua a investire. La logica è quella di preparare il terreno a quello che sarà il futuro del mercato dello streaming on Demand, con sempre più concorrenti a saturarlo e a renderlo competitivo. A partire dal 2019 ci sarà anche Disney nella mischia, e tante altre realtà la seguiranno a ruota.


Tom's Consiglia

Con un box-TV Android come ABOX A1 Plus, potrete trasformare il vostro televisore in una Smart-TV e godervi comodamente Netflix in salotto.

Pubblicità

AREE TEMATICHE