Nintendo Labo, il primo passo verso un'esperienza creativa!

Nintendo Labo rappresenta una nuova esperienza interattiva che permette a tutti i videogiocatori di costruire i personalissimi Toy-Con capaci di interagire e sfruttare tutte le funzionalità di Nintendo Switch e dei due controller Joy-Con. 

Siamo stati ospiti di Nintendo per provare questa nuova concezione di gioco fatta di cartone e in questo articolo vi illustreremo le nostre considerazioni preliminari a riguardo.

NL1

Nintendo Labo è innanzitutto un progetto che si suddivide in tre precisi step: Monta, Gioca e Scopri. Ciascuna fase racchiude una serie di attività che il giocatore deve compiere per costruire la propria esperienza videoludica. Il workshop organizzato dalla società permetteva appunto di apprendere queste particolari dinamiche.

Monta

Il primo passo è certamente quello più laborioso di tutti, infatti tutti gli appassionati - grandi e piccini - sono chiamati a costruire con le proprie mani un Toy-Con. La forma varia dal kit acquistato, ma grossomodo si possono montare macchine radiocomandate, canne da pesca, tute per diventare robot e persino un pianoforte

Durante la nostra prova abbiamo avuto la possibilità di costruire una macchinina e soprattutto personalizzarla con simpatici sticker, nastri e tanti colori. Certo, non siamo particolarmente creativi data la nostra veneranda età - spoiler, 23 anni -, ma abbiamo dato il massimo per ottenere un discreto risultato (impreziosito da una testa a forma di elefante).

Nintendo Labo Workshop (11)
In questa foto la mascotte di Tom's Hardware non era completa, ma potete immaginare il risultato finale.

Tutti i Toy-Con sono fatti di cartone - come indicato in precedenza - e di conseguenza possono deteriorarsi e rompersi, tuttavia l'applicazione di Switch permette anche di riparare le creazioni tramite una guida che spiega come fare e quali materiali da usare.

Gioca

Una volta costruito il proprio giocattolo cartonato si passa alla seconda fase dell'esperienza congegnata dagli sviluppatori. Il kit presenta una cartuccia in cui è contenuta l'applicazione che permette di interfacciare Toy-Con, Joy-Con e Switch (la stessa che guida il giocatore lungo tutte queste attività). Tutte le creazioni "prendono vita" inserendo il controller destro o sinistro negli appositi slot e per pura magia inizia il divertimento

L'esperienza generale offerta da questa stravagante soluzione è sostanzialmente geniale perché non è particolarmente facile riuscire a coniugare un complesso di tecnologia - come Nintendo Switch - a normalissimo cartone colorato. Tuttavia, dobbiamo precisare che nutriamo alcuni dubbi sulla profondità e longevità dei giochi perché abbiamo avuto modo di provare soltanto versioni beta. 

Scopri

L'ultima fase di Nintendo Labo è quella più interessante per chi ha intenzione di approfondire i meccanismi che permettono di far interagire tutti questi strumenti. L'applicazione infatti consente di visionare il funzionamento attraverso una semplice guida e illustra efficacemente il contenuto di tutti i Toy-Con (dalla canna da pesca alla casetta e dal pianoforte al mech super-corrazzato). 

L'interazione avviene con l'ausilio della telecamera a infrarossi, del giroscopio e dell'accellerometro contenuti nei due Joy-Con. Mentre dentro i cartonati sono collocati alcuni adesivi riflettenti o semplici corde.

Nintendo Labo Workshop (16)

Nella fase della scoperta è presente anche una compagine che permette di creare nuove esperienze. La modalità in questione, chiamata Garage, è un tool capace di collegare diversi Toy-Con o altri oggetti per creare nuovi progetti. 

L'elemento caratteristico di quest'ultima modalità è certamente la creatività, infatti i giocatori saranno costantemente incentivati a usare questi strumenti per crearne altri nuovi. Tutto questo grazie a un tutorial semplice da padroneggiare. 

Conclusione 

Nintendo Labo è fondamentalmente un progetto dalle grandi potenzialità. L'idea di generare queste figure di cartone e unirle agli accessori di Switch è semplicemente geniale - non abbiamo altri termini per definirlo. 

L'esperienza che viene generata, insomma, può unire grandi e piccini alla creazione di nuove soluzioni stravaganti e soprattutto divertenti. L'unico dubbio, come accennato in precedenza, è relativo alla profondità dei giochi, ma non possiamo certamente nascondere il nostro interesse per Labo. 

Non ci resta altro che attendere al debutto ufficiale di Nintendo Labo previsto per il prossimo 27 aprile. 


Tom's Consiglia

Se siete interessati a costruire un bellissimo esoscletro di un mech, potete prenotare il Kit 02 Nintendo Labo sfruttando le offerte Amazon.

Nintendo Labo: Toy-Con 01 Nintendo Labo: Toy-Con 01
   
Nintendo Labo: Toy-Con 02 Nintendo Labo: Toy-Con 02
   

Pubblicità

AREE TEMATICHE