Hot topics:
News su SMAU 2017
3 minuti

Non accetti il bancomat? Multa di 30 euro, dice il governo

Sanzioni di 30 euro per ogni pagamento con il POS rifiutato: il governo pensa a un decreto da introdurre già a settembre.

Non accetti il bancomat? Multa di 30 euro, dice il governo

Il governo ha intenzione di introdurre sanzioni nei confronti di chi non accetta pagamenti con il POS. La notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno nella domenica più calda dell'anno.

La fonte è il viceministro dell'Economia, Luigi Casero, intervistato dal quotidiano La Repubblica. La sanzione ipotizzata è di 30 euro per ogni pagamento rifiutato e il provvedimento dovrebbe entrare in vigore già a settembre.

La bozza del decreto attuativo del ministero dell'Economia e di quello dello Sviluppo Economico - dice il viceministro - dovrà dare sostanza all'obbligo per esercenti e professionisti di dotarsi di POS e accettare appunto i pagamenti non in contanti a partire da 5 euro, come prevede la Legge di stabilità 2016. A voler prendere per buone le dichiarazioni del viceministro - "Vogliamo inserire questa norma all'interno di un quadro più ampio, per spingere tutto il sistema a un deciso spostamento verso i pagamenti elettronici in Italia" - stavolta si tratta di recepire una diretta europea anti elusione fiscale.

pagamento contanti

Uno dei motivi per i quali commercianti e professionisti resistono all'introduzione del POS sono le commissioni richieste dalle banche. Il viceministro ha una risposta anche per questo: "parleremo con le banche per ridurre i costi dei POS, che in Italia sono più alti che in molti altri Paesi europei".

In realtà quella delle commissioni sarebbe una leggenda, secondo il responsabile del PD per l'innovazione, il deputato Sergio Boccadutri: "Secondo dati ufficiali del governo siamo anche al di sotto di altri paesi, lo dimostrano anche i fatti con la diffusione POS la più alta in Europa: superiamo Francia e Germania. I commercianti dal 2016 beneficiano di un regolamento europeo che mette un tetto alle commissioni interbancarie, senza ribaltare il beneficio sui consumatori, inoltre sempre grazie allo stesso regolamento possono rifiutare le carte per loro più care, ovvero decidere di accettarle come servizio al cliente".

"La sanzione - sottolinea Boccadutri - è una leva necessaria in mano al consumatore che oggi di fronte al rifiuto o a chi fa melina non può che pagare in contanti".

E comunque in Italia le cose stanno cambiando, come rileva l'Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano, che a marzo ha diffuso i dati del 2016, quando "i pagamenti digitali con carta in Italia sono cresciuti del 9%, raggiungendo i 190 miliardi di euro, pari al 24% dei consumi delle famiglie italiane". Addirittura "Mobile POS e Contactless Payment raddoppiano il tasso di crescita, pari al +51% rispetto al 2015 e valgono il 16% del totale dei pagamenti digitali con carta".

L'introduzione delle sanzioni potrebbe accelerare il cambiamento anche se, visti i numerosi stop-and-go ai quali ci hanno abituato i governi negli ultimi anni, l'annuncio del viceministro Luigi Casero va preso con le pinze. 

Vuoi ricevere aggiornamenti su #E-Gov?
Iscriviti alla newsletter!