Nvidia e Continental, IA per la guida autonoma nel 2021

Nvidia e Continental collaboreranno allo sviluppo di sistemi di intelligenza artificiale da integrare sulla piattaforma Nvidia Drive per rispondere alle esigenze del settore della guida autonoma.

L'obiettivo è di sbarcare sul mercato nel 2021 con una soluzione capace di portare gli attuali veicoli di Livello 2 a tutte le funzioni di Livello 5. Da rilevare che quest'ultimo è il più elevato e prevede guida totalmente autonoma in ogni tipo di ambiente e strada: al conducente non viene richiesto alcun tipo di intervento.

xavier
Nvidia Drive Xavier

Nvidia Drive Xavier è l'ultima versione del system-on-chip per l'automotive del colosso statunitense. Il primo sample è stato svelato a gennaio, durante l'ultimo CES di Las Vegas. Entrando nel dettaglio bisogna ricordare che si tratta di una piattaforma basata su microarchitettura Volta (12 nm), composta da un elemento di computing Tegra, 8 chip ARM64 custom (Carmel), GPU Volta (512 CUDA) e memoria LPDDR. La potenza di calcolo dichiarata è di 30 trilioni di operazioni al secondo (TOPS) con consumi di soli 30 watt. Ovviamente il pacchetto è accompagnato da Nvidia Drive OS e software stacks Nvidia Drive AV.

L'apporto di Continental al progetto sarà soprattutto legato alla sua esperienza nella sensoristica per la sicurezza: dai radar, alle video-camere, fino all'impiego dei LIDAR 3D ad alta risoluzione.

Leggi anche: Nvidia in pole position sulla guida autonoma con Xavier

"Insieme con le prestazioni e la flessibilità delle soluzioni IA di guida autonoma di Nvidia, dal cloud all'auto raggiungeremo nuovi livelli di sicurezza, confort e personalizzazione per i futuri veicoli", ha dichiarato Elmar Degenhart, AD di Continental.

guida autonoma
Livelli guida autonoma

"Il nostro nuovo processore DRIVE Xavier, il nostro evoluto NVIDIA DRIVE, l'approccio cloud-to-car per il test, validazione e sicurezza funzionale, combinato con l'esperienza e la presenza globale di Continental, diffonderà le auto autonome nel mondo", ha aggiunto Jensen Huang, fondatore e AD di Nvidia.

Leggi anche: Nvidia, multicore e Italia: dal gaming alla guida autonoma

Per quanto riguarda le future sfide l'obiettivo è puntare all'impiego del deep learning basato sui dati raccolti non solo dall'auto ma anche dall'ambiente circostanti.

Durante la prima fase le due aziende si concentreranno sulle funzioni più avanzate di guida autonoma, inclusa la percezione a 360° del veicolo, il cambio automatico di corsia in autostrada e la guida nel traffico. Senza contare l'integrazione di mappe HD, capaci di migliorare la localizzazione e aggiornarsi nel tempo grazie alla conduzione.

Nel frattempo Samsung ha fatto sapere che il suo SoC per l'industria automotive chiamato Exynos Auto debutterà sulle prime auto nel 2019. Il primo marchio sarà Audi, considerata la partership consolidata avviata nel 2015.

Pubblicità

AREE TEMATICHE