Hot topics:
News su SMAU 2017
29 minuti

Overclock estremo, 10 CPU Ryzen sotto azoto liquido

Dieci CPU Ryzen, dal 1800X al 1400, alla prova con raffreddamento ad azoto liquido.

Overclock estremo, 10 CPU Ryzen sotto azoto liquido

Processori a -196 °C

intro

I processori Ryzen di AMD offrono un rapporto tra prezzo e prestazioni davvero interessante. Nonostante supportino appieno l'overclock, a partire dal moltiplicatore sbloccato, molti appassionati faticano a portare i processori oltre i 4 GHz. Abbiamo già pubblicato un articolo sull'OC di Ryzen ad aria e liquido (Come overcloccare le CPU AMD Ryzen), quindi per tornare a parlare di overclock abbiamo deciso di concentrarci sul caro e vecchio azoto liquido.

In questo articolo vedremo come si comportano le CPU Ryzen a -196 °C. Il nostro esperimento metterà in relazione lo scaling della frequenza con temperatura, tensione e numero di core.

Configurazione di prova

La generosità di AMD ci ha permesso di mettere le mani su tutti i processori Ryzen in commercio. A disposizione abbiamo avuto due Ryzen 7 1800X, tre Ryzen 7 1700 e un modello ciascuno di Ryzen 7 1700X, Ryzen 5 1600X, 1600, 1500X e 1400.

processori
Clicca per ingrandire

I processori usati per questo test sono differenti dai chip che abbiamo usato per il nostro precedente articolo sull'overclock. Ci aspettiamo di conseguenza risultati differenti. Al fine di mettere sotto torchio queste CPU abbiamo usato hardware all'altezza.

La motherboard che usiamo è una Asus Crosshair VI Hero, dotata di quel che serve per l'overclock estremo. L'unica cosa che manca è un secondo BIOS, utile per recuperare la situazione dopo un overclock fallito.

Ryzen 7 1800X Ryzen 7 1800X
   
Ryzen 7 1700X Ryzen 7 1700X
   
Ryzen 7 1700 Ryzen 7 1700
   
Ryzen 5 1600X Ryzen 5 1600X
   
Ryzen 5 1600 Ryzen 5 1600
   
Ryzen 5 1500X Ryzen 5 1500X
   
Ryzen 5 1400 Ryzen 5 1400
   

Su questa motherboard della serie ROG abbiamo inserito due moduli G.Skill Flare X DDR4, sviluppati specificatamente per Ryzen. Inoltre sono dotati di chip Samsung "die B", noti per il margine di overclock. Per alimentare il tutto abbiamo usato un Cooler Master MasterWatt Maker 1200.

Preparare la motherboard

mobo 01

Siamo partiti facendo alcune piccole modifiche alla scheda madre. I punti di rilevazione sono sul PCB, ma Asus ha scelto di non includere connettori. Di conseguenza sta a voi toccare con precisione i pad indicati con un multimetro al fine di raccogliere le misurazioni.

Di norma non sarebbe un problema, ma quando si tratta di overclock estremo, le tensioni devono essere tenute sott'occhio accuratamente e non sempre le mani sono libere. Così abbiamo aggiunto qualcosa per permetterci misure più semplici con il nostro voltmetro.

Modalità LN2

Alcuni preparativi sono più semplici di altri. Abbiamo semplicemente spostato il jumper "LN2 MODE" al fine di attivarla. Una volta fatto, la scheda madre si è avviata automaticamente con tensioni maggiori. Questo ci permetterà di avere un supporto migliore alle condizioni estreme che abbiamo intenzione di applicare. Inoltre, si sbloccano alcuni profili nascosti nel BIOS.

mobo 02

Non abilitate il jumper LN2 MODE se pensate di overcloccare a temperatura ambiente. In seguito all'attivazione di questa modalità il PLL (Phase Locked Loop) passa da 1,8V a 2,1V. Se avete letto l'articolo precedente, abbiamo spiegato che portare PLL da 1,8 a 1,9V ci ha restituito un aumento della temperatura di 8 °C. Portare PLL a 2,1V con raffreddamento ad aria è da evitare!

Isolamento

Quando si overclocca con l'azoto liquido bisogna fare attenzione a proteggere l'hardware. Si forma del ghiaccio e non vorrete rischiare che gocce d'acqua cadano sui componenti elettrici. Abbiamo illustrato diversi modi per farlo in "Core i7-7700K scoperchiato e overcloccato con acqua e azoto".

Per iniziare abbiamo rimosso l'heatsink che copriva i VRM della motherboard. Non è un passaggio obbligatorio, ma ci ha facilitato nell'isolamento che vi spiegheremo dopo, e ci ha permesso di togliere una grande quantità di metallo che potrebbe rappresentare un rischio per la formazione di condensa.

mobo 03

Una volta arrivati alla "nuda" motherboard, abbiamo creato un'armatura fatta di panni di stoffa. Questo strato protettivo deve essere messo nel modo più compatto possibile al fine d'impedire che la condensa raggiunga il PCB.

mobo 04
Clicca per ingrandire

Gli slot RAM inutilizzati sono stati riempiti con dei panni. Lo spazio tra i componenti montati sulla superfice è stato sottoposto allo stesso trattamento. Per finire, del neoprene è stato adattato attorno al socket. Questa protezione serve come ultima linea di difesa, anche se speriamo che la condensa si fermi ben prima di giungere a questo stadio.

mobo 05
Clicca per ingrandire

Se tutto è stato fatto correttamente, questa ultima protezione è sufficiente per schermare l'hardware senza danneggiarlo, e può essere facilmente rimosso. Una volta che il tolotto - in cui viene inserito l'azoto liquido per raffreddare la CPU - è stato posizionato, abbiamo messo ulteriori coperture.

Continua a pagina 2
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #CPU?
Iscriviti alla newsletter!