Pannelli QLED meglio di quelli OLED? Prime delusioni

Al SID, la fiera internazionale dei display, l'azienda cinese BOE, produttrice di pannelli per computer, smartphone e tablet, ha mostrato in anteprima due pannelli nativi QLED con tecnologia Quantum Dot, ma la risoluzione ha deluso. I due prototipi infatti sono rispettivamente un 5 pollici da 320 x 240 pixel e 80 PPI e un 14 pollici da 960 x 540 pixel, sempre da 80 PPI

, valori davvero troppo bassi per un impiego sul mercato attuale.

170529 logo

La tecnologia dunque non è ancora sufficientemente matura e secondo alcuni analisti ci vorranno ancora almeno 5 anni prima di raggiungere il livello di maturazione tecnologica che consenta la produzione di massa di schermi per TV e altri dispositivi.

Leggi anche: Schermi LCD, vita prolungata da una ricerca rivoluzionaria?

Alcuni di voi si staranno sicuramente chiedendo perché nella notizia si parli di prototipi QLED quando Samsung è già sul mercato con TV basate su questa tecnologia. A scanso di equivoci bisogna chiarire dunque che quelli del produttore coreano non sono pannelli Quantum Dot nativi, ma utilizzano semplicemente uno strato di questi nanocristalli semiconduttori o punti quantistici per filtrare la luce proveniente dai LED per la retroilluminazione, al fine di offrire una resa cromatica elevatissima sfruttando le caratteristiche dei cristalli. Non a caso infatti Samsung parla di una copertura del 100% dello spazio colore DCI-P3.
4K quantom dots

A differenza dei materiali organici come quelli utilizzati negli OLED, questo materiale inorganico non solo è foto-attivo (fotoluminescente), ma può essere anche elettro-attivo (elettroluminescente), non necessitando dunque di sistemi di retroilluminazione dedicati. Proprio su questa seconda e più avanzata implementazione della tecnologia sta dunque lavorando l'azienda cinese, a quanto pare però con risultati ancora acerbi.

Leggi anche: Panasonic, un super LCD con contrasto di 1.000.000:1

Nonostante i vantaggi potenzialmente offerti da questa tecnologia, è dunque necessario attendere qualche altro anno affinché lo sviluppo consenta di migliorarne la risoluzione. Nel frattempo però chissà dove saranno giunte tecnologie più mature come OLED e LCD, che ultimamente hanno visto l'introduzione di diverse novità significative. La partita nel settore degli schermi TV dunque sembra ancora apertissima tra le varie soluzioni concorrenti e non sembra al momento profilarsi all'orizzonte un vincitore certo.


Tom's Consiglia

Se volete godervi la qualità cromatica offerta dalle TV Samsung QLED potete prendere in considerazione il modello UE55KS7500U da 55 pollici.

 

Pubblicità

AREE TEMATICHE