I paracadute della Orion superano l'ultimo test

La NASA ha condotto ieri il test finale per qualificare i paracadute per l'atterraggio della navicella spaziale Orion destinata a trasportare equipaggi umani sulla Luna e oltre. Un passaggio di fondamentale importanza per la buona riuscita delle missioni a cui è destinata e per l'incolumità degli astronauti.

La navicella Orion per la precisione dispone di 11 paracadute divisi in quattro serie. Il primo set è costituito da tre paracadute che agiscono durante l'ingresso in atmosfera. Passata questa fase critica si dispiegano altri due paracadute che hanno l'obiettivo di stabilizzare e rallentare il veicolo spaziale. Successivamente, vengono aperti tre paracadute pilota che hanno la funzione di sollevare e far aprire correttamente i tre paracadute principali. La complessità di questo sistema è altissima, basti pensare che bisogna dispiegare circa 16.000 metri di cavi e poco meno di 10.500 metri quadri di superficie.

Orion test finale con i paracadute 5
Orion test finale con i paracadute. Crediti: James Blair / NASA

Nel test di ieri una capsula di test (non la vera Orion) è stata espulsa dalla stiva di un velivolo C-17 che volava oltre i 10mila chilometri di altitudine, per verificare che il complesso sistema di cannoni simili a mortai e dispositivi pirotecnici aprisse gli 11 paracadute nella precisa sequenza che è stata programmata, così da ottenere una discesa lenta e un atterraggio sicuro. In tutto la discesa è durata circa 10 minuti e il sistema ha rallentato la capsula dalla velocità di circa 480 Km all'ora a circa 32 Km all'ora.

Orion test finale con i paracadute 4
Il sistema di paracadute della navicella spaziale Orion. Crediti: NASA

Nel corso del test sono stati raccolti moltissimi dati che verranno passati al setaccio nelle prossime settimane. Le prime indicazioni generali che hanno dato i responsabili sono che quest'ultima prova è stata un successo e la capsula di test è atterrata senza problemi allo U.S. Army's Yuma Proving Ground in Arizona.

Mark Kirasich, responsabile del programma di Orion, ha spiegato che i tecnici stanno "lavorando duramente non solo per assicurarsi che Orion sia pronta a portare gli astronauti più lontano di quanto lo siano stati prima, ma per assicurarsi che tornino a casa sani e salvi. [...] il sistema di paracadute è complesso e i test ripetuti dei paracadute ci danno la certezza che saremo pronti per qualsiasi tipo di situazione di atterraggio".

Orion test finale con i paracadute 3
Crediti: NASA

L'astronauta NASA Randy Bresnik ha commentato durante la diretta della NASA Television che "se tutto va secondo programma siamo pronti per il volo". I paracadute per la prossima prova di volo senza equipaggio, la Exploration Mission-1, sono già installati sul veicolo che si trova presso il Kennedy Space Center.

Ricordiamo che Orion volerà per la prima volta con un equipaggio umano a bordo durante la Exploration Mission-2 (non prima del 2019), una missione della durata di due settimane che entrerà nell'orbita lunare, trasportata da un razzo Space Launch System della NASA. Nel progetto è prevista la successiva costruzione del Lunar Orbiting Platform Gateway  (una stazione spaziale in orbita attorno alla Luna) e ancora più in là nel tempo le missioni verso Marte.


Tom's Consiglia

Se siete appassionati di paracadutismo non dimenticatevi di immortalare le vostre discese con una action cam di alta qualità come la GoPro Hero!

Pubblicità

AREE TEMATICHE