Hot topics:
News su Black Friday 2017
9 minuti

Plex Media Server, guida essenziale per il cinema a casa

Una grande collezione di film e serie TV non è un granché senza un software adeguato. Plex è la migliore scelta possibile per la gestione dei contenuti multimediale a casa. Installarlo e configurarlo è molto semplice, alla portata anche dei meno esperti salvo problemi specifici. E le funzioni più importanti sono disponibili gratuitamente.

Plex Media Server, guida essenziale per il cinema a casa

Plex, guida essenziale per il cinema a casa

Plex, guida essenziale per il cinema a casa

Ormai siamo in tanti ad avere un'enorme collezione di contenuti multimediali: tra film, musica e fotografie si arriva facilmente a parecchi terabyte. Ma lo spazio è un problema relativamente semplice da risolvere, alla fine basta comprare gli hard disk che servono, esterni o interni. C'è un'altra domanda a cui è più interessante rispondere: qual è il modo migliore per godersi questi contenuti?

In tanti se la cavano con il solo PC: tutti i file sono al suo interno, o su un disco esterno, e con un programma come VLC o simili te la cavi. Facile e indolore, ma anche limitato.

Prendiamo il mio esempio, che poi è quello di tantissime persone: in casa siamo in quattro e ognuno vuole potersi guardare un film o ascoltare un disco. E ogni tanto annegare nella nostalgia riguardando le vecchie fotografie. Servizi come Google Photo, Spotify, Google Play Music e simili sono di grande aiuto, soprattutto in abbinamento alla Google Chromecast, ma non bastano.

Screenshot 2016 11 10 15 33 45

Magari il PC e il televisore sono troppo lontani ed è scomodo collegarli con un cavo, magari non hai spazio per posizionare un HTPC (Home Theatre PC), magari vuoi guardare una volta sulla TV del salotto, un'altra su quella della cucina, un'altra ancora sul tablet in camera da letto. Sono tante le possibili ragioni per cui è una buona idea avere in casa un unico server con tutti i contenuti, a cui accedere con tanti dispositivi diversi.  

Un server dove conservare tutto risolve la questione hardware. Potete scegliere un NAS vero e proprio o usare un vecchio PC riciclato, magari aggiungendo qualche hard disk - anche quelli esterni al limite possono andare bene. Avrete un "posto" dove tenere i vostri terabyte di film e serie TV - non vi chiederemo dove li avete presi.

Se non sapete da dove cominciare, il nostro consiglio è l'HP Microserver, da abbinare ai dischi che vi servono. Segnaliamo che non ha l'uscita HDMI e non lo si può usare come riproduttore collegato al televisore; ha una porta VGA a cui collegare un monitor, e che userete solo per una veloce configurazione. Dopodiché funziona in modalità headless, cioè collegando solo il cavo di alimentazione e quello di rete. Il Wi-Fi non è integrato, e lo sconsigliamo per un server. La RAM è già installata di fabbrica, mentre l'unità ottica è opzionale.

Resta da risolvere la questione software, e il nostro consiglio spassionato è Plex. Molti di noi in redazione ormai lo usano abitualmente e ne siamo tutti soddisfatti. Si compone di due parti: Plex Media Server e Plex Media Player.

Screenshot 2016 11 10 15 33

Non è obbligatorio, visto che si può accedere ai file in tanti altri modi, compresa la riga di comando. Ma Plex offre una fantastica interfaccia, facilità ed efficacia nel cercare i contenuti (la ricerca è importante quando sono tanti), compatibilità multipiattaforma, riconoscimento automatico dei contenuti e molto altro.

Plex Media Server

Una volta che avete il vostro server con un sistema operativo installato e funzionante, il passo successivo è scaricare Plex Media Server dalla pagina dedicata. C'è per tutti i principali sistemi operativi desktop, ma anche per FreeBSD e per tutti i SO dedicati ai NAS, come quelli di Synology, QNAP, Western Digital e così via. Plex Media Server può funzionare anche in cloud (opzione a pagamento) e su alcuni router. Se avete un sistema non compatibile possiamo solo farvi i complimenti per l'eccezionale scelta anticonformista.

Dopo la prima installazione la configurazione è piuttosto semplice. Il primo passo è creare un account Plex, accedere e dare un nome al server (utile nel caso ne abbiate più di uno). Dopodiché dovremo creare un canale, diciamo Cinema, e assegnare ad esso una o più cartelle.

HP Microserver 2
HP Microserver

Al momento di creare un canale dovremo scegliere se conterrà film, serie TV, Musica, video personali o fotografie.  È un passaggio importante perché Plex cerca copertine e informazioni da aggiungere, e questa classificazione rende il lavoro più semplice. Con le serie TV permette inoltre la riproduzione automatica dell'episodio seguente - se siete tipi da binge watching.

Dopo questo passaggio bisogna dare a Plex un po' di tempo per analizzare i file e creare un'anteprima con locandina e piccola descrizione per ogni elemento. Più è grande la collezione e più tempo ci vorrà; potete passare subito alla fase seguente, ma consigliamo di lasciare il server in pace e tornare dopo qualche ora.

Con la stessa procedura è anche possibile aggiungere canali Internet; teoricamente è interessante ma in pratica i canali disponibili sono pochi, anche se alcuni molto interessanti. Non sono molti comunque quelli utilizzabili in Italia.

A questo punto abbiamo terminato il lavoro sul server. A meno che non si renda necessaria una specifica configurazione delle porte sul router, ma nella maggior parte dei casi non è necessario. Piuttosto semplice, vero?

Plex Media Player

Per usare Plex da un computer (che non sia il server) serve Plex Media Player. Dal computer basterà andare sul sito plex.tv, entrare con il proprio account cliccando su Sign In in alto a destra e poi attendere qualche secondo affinché questa web app trovi il server locale. È importante che il server e il computer siano sulla stessa rete, ma non dovrebbe essere un problema a casa. Si fa tutto via browser, più o meno come se fossimo su Youtube, ma in verità state leggendo i file sul vostro server.

Screenshot 2016 11 10 15 52

Se volete accedere ai filmati da smartphone bisogna invece scaricare l'applicazione per iOS, Android o Windows Phone. Plex offre applicazioni specifiche anche per Windows Phone, Roku, Apple TV, Nvidia Shield, Android TV, Xbox One, PS4, Xbox 360, PS3, diversi modelli di SmartTV e impianti home theatre. Anche in questo caso quindi difficilmente avrete problemi di compatibilità. Funziona persino su Raspberry Pi. Trovate tutti i link sul sito di Plex.

L'applicazione di Plex per tablet e smartphone, inoltre, si può usare anche come telecomando per quella sul televisore o la console, oltre che naturalmente per avviare la riproduzione su Google Chromecast. È un bel vantaggio, perché scorrere il catalogo sul touchscreen è molto più comodo e veloce rispetto al telecomando del televisore o al pad della console.

Opzioni a pagamento

Quanto abbiamo descritto si può ottenere con la versione base di Plex, che è totalmente gratuita se si usano solo i computer. Chi ha un dispositivo iOS deve mettere in conto 5 euro per attivare l'app dopo il download gratuito, ma crediamo che ne valga la pena. Se avete più di un oggetto iOS non dovete spendere di più, perché vale l'acquisto registrato su un singolo account App Store; in altre parole, comprata l'app su iPhone, ce l'avrete anche su iPad.

002

Con Plex avrete lo strumento ideale per godere in casa dei vostri contenuti su ogni tipo di dispositivo, e anche su più di un dispositivo alla volta. La qualità della trasmissione e le prestazioni in generale dipenderanno, infatti, solo dalla vostra rete, dalla potenza del server e da quella del dispositivo che esegue la riproduzione. Usando le impostazioni avanzate di Plex Media Server si possono apportare molte regolazioni che possono aiutare a spremere il massimo dal proprio sistema. Se potete avere un IP fisso (chiedete al vostro operatore o usate un servizio ddns come noip) e una banda in upload adeguata, potrete persino guardare i contenuti in streaming quando siete fuori casa.

Per chi vuole ancora di più poi c'è Plex Pass. Costa 5 euro al mese (meno se si acquista un pacchetto più grande) e offre diverse opzioni interessanti.

  • Plex Cloud per trasferire online la propria collezione, ma bisognerà aggiungere un abbonamento Amazon Cloud con spazio illimitato.
  • Mobile Sync permette di scaricare i contenuti sullo smartphone o sul tablet, così da riprodurli anche quando si è in viaggio.
  • Cloud Sync per sincronizzare la propria libreria con alcuni provider di storage online. È una funzione di backup.
  • Funzioni musicali avanzate, come riconoscimento dei brani, mix automatici, aggiunta dei test.
  • Utenti Multipli. Una funzione interessante in famiglia, perché consente a ognuno di avere il proprio Plex con contenuti specifici. Va di pari passo con il controllo parentale, per assicurarsi che i bambini non possano accedere a cosa inadatte alla loro età.
  • Trailer dei film e contenuti extra
  • Sincronizzazione automatica delle foto fatte con lo smartphone
  • Accesso anticipato alle nuove funzioni

Resterebbero da approfondire le configurazioni avanzate di Plex, le impostazioni del router, l'uso dell'accelerazione hardware, l'ottimizzazione del Wi-Fi e qualche altra cosa. Sono però argomenti sofisticati che vanno oltre l'obiettivo di questo articolo: farvi conoscere quello che per noi è il miglior strumento in assoluto per la gestione della collezione multimediale a casa.

Se per qualche ragione Plex non vi piace, comunque, potete dare una possibilità a Kodi o Nero Media Home, che esiste tanto come prodotto stand-alone quanto come parte della Nero Multimedia Suite. Sono due ottimi prodotti, e Kodi in particolare recentemente ha avuto alcuni aggiornamenti davvero notevoli.

Qualunque cosa scegliate, non dovreste avere più ragioni per navigare ancora per cartelle come se fossimo ai tempi di Norton Commander. Ci siamo divertiti tanto a spostare file di qua e di là, a condividere cartelle, a litigare con le configurazioni, a esultare quando finalmente si riusciva a far partire un video. Ma siamo ancora più contenti oggi di avere strumenti come Plex.

HP Proliant Microserver G8 HP Proliant Microserver G8
  
Western Digital WD Caviar Blue 4TB Western Digital WD Caviar Blue 4TB
  
TV LED 32'' TOSHIBA TV LED 32'' TOSHIBA
  
Continua a pagina 2
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Software?
Iscriviti alla newsletter!