Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
12 minuti

Powermat, il caricabatteria senza fili è realtà

Powermat inventa il caricabatterie wireless. Scopriamo presente e futuro di questa tecnologia.

Introduzione

Powermat si presenta al mercato con un prodotto di cui, già da tempo, si vociferava: il caricabatteria senza fili. Più precisamente presenta due prodotti, l'Home and Office Mat e il Portable Mat, il primo studiato per un uso stazionario, e il secondo, pieghevole, per essere facilmente trasportato.

Il funzionamento del Powermat è abbastanza facile da capire: una base collegata alla presa elettrica abiliterà la ricarica dei vari dispositivi semplicemente poggiandoceli sopra.

Cerchiamo di capire meglio come funziona il dispositivo Powermat e diamo un'occhiata alla Home e Office Mat. Poi approfondiremo lo stato di questa tecnologia, e guarderemo agli sviluppi futuri con un'intervista a Stefano Godio, referente PowerMat.

Home and Office Mat

La base dell'Home and Office Mat è larga circa 30 cm, spessa 1,5 cm,  e permette di ricaricare contemporaneamente fino a tre dispositivi. Nella parte posteriore è presente il connettore per l'alimentatore, una presa USB (per ricaricare un quarto dispositivo tramite connessione con filo) e due pulsanti, che permettono di gestire gli avvisi sonori e ottici della base.

Nella confezione, assieme alla base, viene ovviamente fornito l'alimentatore da presa elettrica.

Come funziona

La base di ricarica, da sola, non è sufficiente per ricaricare in maniera wireless il vostro telefono. Ogni smartphone, console portatile o lettore musicale deve essere abbinato a un "sistema di controllo", che permetta alla base di "dialogare" con il dispositivo.

In pratica, il Powermat deve "conoscere" il modello del telefono, o del lettore, che si vuole ricaricare, e il suo stato di carica, così da fornirgli la giusta potenza e interrompere la ricarica quando la batteria è piena. Ciò avviene tramite un chip RFID, unico per ogni dispositivo: nel caso dell'iPhone, questo è integrato in un guscio protettivo, per i BlackBerry si tratta di una cover sostitutiva della batteria, per gli iPod di una base, e così via.

Quando avete munito il vostro iPhone, per esempio, del guscio con chip RFID, e collegato la base alla presa elettrica, potrete attivare la ricarica, semplicemente poggiando il telefono sopra la tavola. Un avviso sonoro e un LED, vi indicheranno che il dispositivo è in ricarica.

Continua a pagina 2
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Smartphone Android?
Iscriviti alla newsletter!