Quanti adattatori servono ad Apple? L'azienda risponde

Quant'è brutta quella scheda SD che spunta dal portatile, meglio levare del tutto il lettore e fare un computer più bello ed elegante. E poi, dice Phil Schiller, è colpa di Nikon, di Canon e degli altri produttori di macchine fotografiche. Sono loro che non si sono adattati ai tempi che corrono, mica Apple poteva stare ad aspettarli, giusto?  

Il dirigente Apple ripropone la filosofia dell'azienda, che vediamo e rivediamo confermata a ogni

loro nuovo prodotto. Meno porte e più bellezza sarebbe un modo di dirlo. Belli sono belli, gli iPhone e i Macbook, su questo è difficile dare torto ad Apple.

adattatori apple

Forse però non sono proprio pratici, e forse Apple lo sa. Tant'è che sbirciando sul sito ufficiale, che include un negozio online, si trovano più di 30 adattatori di ogni genere. Togliamo quelli con il vecchio connettore a 32 pin, perché magari saranno ormai pochissimi quelli che hanno un iPhone 4s o precedenti. Ma si resta comunque abbondantemente sopra le due decine.

Per il nuovo MacBook Pro in particolare Apple ne propone tre relativi al connettore USB-C, che diventa USB-A, uscita VGA più USB-A. Più gli altri, prodotti da fornitori come Belkin, per leggere schede SD o collegare il cavo Ethernet. Chi sceglie il nuovo notebook Apple avrà bisogno come minimo dell'adattatore USB-A, da usare anche solo per collegare un pendrive o un lettore di schede di memoria multi formato. 

Un adattatore per usare le cuffie con il solito jack per chi perde o rompe quello incluso nella confezione di iPhone 7. Un adattatore, anzi più di uno, per trasformare la porta USB-C sul Macbook in qualcosa che serva anche per collegare un monitor, un mouse, una tastiera. Addirittura per leggere la scheda di memoria della reflex - dopotutto sono parecchi i fotografi che scelgono Apple, ne avranno pur bisogno no?

Sì, i nuovi MacBook Pro possono gestire ben 4 schermi 4K tutti insieme. Sul tavolo o sotto di esso ci sarà un bel caos di cavi o cavetti, quindi quattro adattatori in più magari non si notano. Si noterà il costo? Tra un adattatore e l'altro, chi ha davvero bisogno di questi accessori potrebbe vedersi costretto a spendere parecchio: diciamo che con un centinaio di euro te la puoi cavare, ma potrebbero diventare anche il doppio.

Ad Apple lo sanno: sanno che tutti questi adattatori sono una seccatura necessaria. E sanno che i loro clienti dovranno farsene una ragione. Pazienza se bisogna spendere qualcosa in più, e pazienza se il "portatile" ogni tanto andrà accompagnato con due o tre accessori. Qualcuno si sentirà preso in giro e deciderà di passare a un PC Windows? Probabile, ma Apple siede su una montagna di soldi e non le è mai interessato essere mainstream. Hanno la loro nicchia redditizia e tanto basta.

Pubblicità

AREE TEMATICHE