Quanto è sicura una VPN? Il test che lo rivela

C'è un test che permette di sapere se una VPN (Virtual Private Network) è davvero sicura. Collegandosi a Internet da qualsiasi parte del mondo, è ormai sempre più complicato rimanere davvero protetti senza l'utilizzo di una Virtual Private Network. Il problema, è che i provider di questi servizi, a volte, commettono degli errori. E a rimetterci, sono gli utenti.

Possono infatti verificarsi i cosiddetti leak in una VPN. Si tratta delle perdite di dati sensibili che, proprio grazie alla VPN, dovrebbero rimanere criptati. Una parte delle informazioni scambiate appare "in chiaro" durante la fase di crittografia. Quindi, gli hacker potrebbero intercettarle per identificare una persona e scoprire il luogo in cui si trova. Ciò avviene quando un canale cifrato non è stato configurato nel modo giusto.

Test per controllare i leak di una VPN

vpn sicura IP leak test

Fortunatamente, si possono effettuare dei test online gratuiti per capire se una VPN è realmente sicura. In particolare, i controlli da eseguire riguardano:

  • DNS leak (perdita dei DNS forniti dal provider internet)
  • Indirizzo IP leak (perdita dell'indirizzo IP pubblico assegnato dall'ISP)
  • WebRTC leak (vulnerabilità correlata al protocollo STUN)
  • Torrent IP leak (perdita di informazioni sensibili durante l'apertura di un magnet link)
  • Posizione GPS leak (rilascio delle coordinate GPS reali da parte della VPN)

In tutti i casi sopracitati può avvenire una perdita di informazioni sensibili, che comprometterebbe la sicurezza online. Per capire in un attimo se una VPN è sicura, basta connettersi al sito ipleak.net. Una volta collegati, bisogna prima effettuare il test usando la connessione internet senza VPN, quella fornita dal proprio ISP. Dopodiché, si deve eseguire nuovamente il test con la VPN attiva.

Leggi anche: Geo-blocking e streaming TV, come usare al meglio la VPN

Concluso l'esperimento, i risultati dovrebbero essere completamente diversi. Nessuna informazione correlata al proprio ISP dovrebbe apparire nei risultati del test quando si è connessi alla VPN. Nell'immagine di esempio, ci siamo connessi tramite la VPN Windscribe, che ha svolto il suo compito nel modo giusto. Difatti, indirizzo IP, DNS e altre informazioni risultano differenti da quelle reali, che sono state nascoste.

Leggi anche: Anonimato online: cosa sono Tor e il Deep Web

In questo modo, si può essere certi di navigare in anonimo. Nel caso si trovassero falle di sicurezza in una VPN, bisognerebbe contattare il supporto tecnico del provider. In alternativa, si potrebbe pianificare un cambio VPN e, nel frattempo, usare TOR e i suoi nodi per restare nell'ombra. Si avrà una connessione più lenta, ma almeno non si potrà essere spiati.

Pubblicità

AREE TEMATICHE