Recensione Apple iPhone 7

Cosa cambia e cosa rimane uguale

Eccoci all'appuntamento annuale con la recensione del nuovo iPhone. Si chiama iPhone 7, ma rappresenta la decima incarnazione dello smartphone Apple, tralasciando i modelli "extra", come il 5c o l'SE. Come al solito ci siamo presi il tempo necessario per usarlo in maniera approfondita e per potervi raccontare dettagliatamente quello che pensiamo di questo nuovo iPhone. Nel frattempo vi abbiamo già riportato le varie informazioni preliminari e le notizie quotidiane, e se vi interessa particolarmente il mondo Apple, vi ricordiamo che potete seguire la pagina dedicata al tag iPhone 7, o il sito verticale dedicato ad Apple.

iPhone 7 Plus 17

Apple nel corso degli anni ci ha abituato a un determinato ritmo, a "regole", che spesso influenzano anche le notizie e le voci di corridoio che compaiono in rete nei mesi antecedenti a una nuova presentazione. Abbiamo anche capito che l'azienda di Cupertino è in continua evoluzione, ed è pronta a cambiare le regole quando gli pare. La novità di quest'anno è che l'iPhone 7 è praticamente identico, nell'aspetto, a quello dello scorso anno. Già perché fino a questo momento, ogni due anni, abbiamo assistito a un cambio di design, ma ciò stavolta non è avvenuto. iPhone 7 e 7 Plus hanno le stesse dimensioni e lo stesso peso di iPhone 6 e 6 Plus.

Questo non significa che non ci sono cambiamenti, poiché l'iPhone 7 e 7 Plus hanno una fotocamera migliore, un processore più potente, uno schermo migliore, non hanno più il jack delle cuffie, sono ufficialmente impermeabili, l'audio è stato migliorato e il tasto home non è più un vero pulsante.

Cambio di paradigma?

Nel corso degli anni c'è sempre stato un passaggio comune nelle conclusioni delle recensioni dei nuovi iPhone, che accumunavano buona parte di tutti i recensori, e cioè: chi ha già un iPhone dell'anno prima non avrà reali motivazioni per passare al nuovo modello, mentre per tutti gli altri il passaggio valeva la pena. L'unico modello che ha infranto questa regola è stato l'iPhone 6, poiché si passava da un modello con schermo da 4" a due modelli, uno da 4.7" e l'altro, il Plus, da 5.5", differenze che cambiavano radicalmente l'ergonomia e il modello d'uso dello smartphone.

iPhone 7 Plus 01

Il fatto che l'iPhone 7 sia identico al 6S e al 6, potrebbe far sorgere il dubbio che solo i possessori di iPhone 5 dovrebbe considerare l'aggiornamento, ma non è così. Possiamo già dire che chi ha un iPhone 6S (o 6S Plus) ha solo alcuni motivi per passare a iPhone 7, ma chi ha un iPhone 6 ha motivazioni molto più convincenti per fare l'acquisto, ma vediamo nel dettaglio.

Nota: per questa recensione abbiamo utilizzato un iPhone 7 Plus, in alcuni casi faremo riferimento a entrambi i modelli di iPhone 7 (normale e Plus), mentre nel caso di test specifici ci riferiremo solo a iPhone 7 Plus. Aggiorneremo successivamente questo articolo con il testo di iPhone 7.

Estetica e perdita del jack audio

iPhone 7 Plus 09

Come già detto gli iPhone 7 sono identici ai modelli che sostituiscono, e la più grande differenza è la perdita del jack audio da 3.5mm. Questo è sostituito dalla presa Lightning, utilizzata anche per gestire l'audio. All'interno della confezione sono presenti i nuovi auricolari con presa Lightning. Ma cosa fare con il vostro auricolare classico con jack? Tranquilli, non dovrete buttarlo, nella confezione è presente un adattatore Lightning-jack.

Per l'iPhone 7 Plus l'altro cambiamento riguarda il doppio obiettivo della fotocamera posteriore che vede la protuberanza della fotocamera allargarsi leggermente. Questo cambiamento è sufficiente per rendere inutilizzabili le cover dell'iPhone 6S Plus.

iPhone 7 Plus 13
iPhone 7 Plus 06
iPhone 7 Plus 08

Un'altra novità estetica è la disponibilità di due nuovi colori, oltre all'argento, oro rosa e oro, e cioè del nero lucido (Jet Black) e nero opaco, che poi sono gli unici due ad essere neri anche nella parte anteriore mentre tutti gli altri sono bianchi.

Due parole veloci sul modello Jet Black. A colpo d'occhio è veramente molto bello, sembra completamente in vetro, senza soluzione di continuità tra schermo e tutto il resto. Basta però solo sfiorarlo per lasciare impronte digitali ovunque. È inoltre più delicato degli altri modelli, quindi lo consiglio vivamente solo ai più attenti, a chi ha molta cura dei propri oggetti tecnologici, e di certo non a chi rischia di infilarselo nella stessa stessa tasca dove è solito custodire le chiavi.

È così grave la perdita del jack audio?

La mancanza del jack audio non è di per sé un gran problema, dato che l'inclusione di un adattatore permette di utilizzare qualsiasi cuffia, e dovrete solo collegarlo alla cuffia che più usate e dimenticarlo. Probabilmente l'unico problema che viene in mente è l'impossibilità di utilizzare una cuffia e contemporaneamente ricaricare la batteria. Ma, statisticamente, quanto spesso accade? Certo per qualcuno sarà inaccettabile, ma non è difficile affermare che l'autonomia dell'iPhone, e più in generale quella di qualsiasi smartphone moderno, è tale da permette di evitare questa situazione.

iPhone 7 Plus 04

Oltretutto il futuro, e per molti anche il presente, è fatto di auricolari senza filo. Credo tuttavia che il motivo di questa scelta sia da ricercare a metà tra una volontà di evoluzione e una necessità tecnica. Da una parte sembra essere la "solita" mossa un po' supponente di Apple che vuole essere diversa dagli altri - carattere distintivo che ha anche contribuito al successo del marchio -, dall'altra parte un po' di spazio in più all'interno dello smartphone fa comodo, ed eliminare la necessità di un altro foro nello smartphone facilità la certificazione di impermeabilità.

Quindi no, non crediamo sia così grave perdere il jack audio, sarebbe stato più grave se non ci fosse stato l'adattatore all'interno della confezione. Oltretutto non ci sorprenderà se presto qualche altro marchio seguirà la stessa strada.

Continua a pagina 2

Pubblicità

AREE TEMATICHE