Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
23 minuti

Recensione Asus PB328Q, monitor da 32 pollici AMVA QHD

Test del monitor Asus PB328Q, una soluzione da 32 pollici con pannello AMVA a risoluzione QHD.

Recensione Asus PB328Q, monitor da 32 pollici AMVA QHD

Asus PB328Q

 

Asus PB328Q è un monitor da 32 pollici con pannello AMVA davvero sorprendente.

Asus PB328Q

Introduzione

Che cosa rende un monitor un ottimo prodotto? È una domanda che molti si fanno quando sono alla ricerca di un nuovo display. Questo è il motivo per cui vi proponiamo recensioni di nuovi prodotti, specialmente quando integrano miglioramenti tecnologici.

Una lista di buone caratteristiche non consente a uno schermo di far parte automaticamente della migliore categoria, bisogna tenere conto anche dell'impiego di tale prodotto. I giocatori per esempio vogliono refresh rate elevati e un processing video avanzato. I fotografi vorranno un colore accurato e un gamut ampio. La maggior parte degli utenti cerca semplicemente uno schermo che faccia tutto bene e, cosa più importante, non costi molto.

a angle2

Abbiamo recensito molti monitor di fascia alta fondamentalmente perché offrono le ultime tecnologie. Se uno schermo coniuga tecnologie e prestazioni a un buon prezzo, lo mettiamo in risalto. Finora non abbiamo trovato la perfezione - e forse non arriverà mai un prodotto davvero perfetto - ma il PB328Q di Asus è tra gli schermi con le migliori prestazioni su cui finora abbiamo posato gli occhi. Questo pannello AMVA QHD da 32 pollici, semplicemente, fa tutto bene.

Abbiamo citato le virtù dei pannelli VA nelle nostre precedenti recensioni del BenQ BL3200PT e più recentemente di prodotti come il BenQ XR3501, il Philips BDM4065UC e l'HP Envy 34c. Il grande vantaggio dei pannelli VA rispetto agli IPS e ai TN è il contrasto; in alcuni casi abbiamo riscontrato un contrasto cinque volte maggiore. L'unica ragione per un valore simile è rappresentata dai minori livelli di nero. Un pannello VA non è in alcun modo più luminoso, ma i neri sono super profondi grazie alla struttura dei sub-pixel che blocca la retroilluminazione in modo più efficace.

Asus PB328Q
Pannello e retroilluminazione AMVA / W-LED, edge array
Dimensioni e aspect ratio 32 pollici / 16:9
Risoluzione e refresh 2560x1440 @ 75Hz
Profondità colore nativa & gamut 10-bit / sRGB
Tempo di risposta (GTG) 4ms
Luminosità 300cd/m2
Speaker 2 x 3 watt
Ingressi video 1 x DisplayPort 1.2, 1 x HDMI 1.4 1 x DVI, 1 x VGA
Audio ingresso stereo 3,5 mm, uscita cuffie 3,5 mm
USB v3.0 - 1 x up, 4 x down
Consumi 89,9 watt tipici, 0,5 watt standby
Dimensioni pannello con base (WxHxD) 735 x 625 x 242 mm
Spessore pannello 67 mm
Ampiezza cornice 9 mm
Peso 11,8 chilogrammi
Garanzia 3 anni

Nel caso del PB328Q sarebbe riduttivo parlare solamente del contrasto. È anche davvero accurato come vedrete nei nostri test. Non è classificato come schermo professionale, ma si comporta come se lo fosse. Non è nemmeno destinato ai giocatori, ma il refresh rate a 75 Hz è piuttosto utile. Inoltre offre una profondità colore nativa a 10 bit. E tutto questo a un prezzo inferiore ai 600 euro nei casi migliori, ma mediamente intorno ai 650 euro nel momento in cui scriviamo questa recensione.

Oggi i 27 pollici sembrano la dimensione più in voga, ma i 32 pollici anche se richiedono molto spazio sulla scrivania possono offrire benefici notevoli.

Provando il BenQ BL3200PT abbiamo amato la sua risoluzione QHD. Una densità di pixel di 92 PPI significa avere caratteri e oggetti di dimensione ideale senza alcun scaling DPI in Windows. L'esperienza di gioco è davvero ottima e lavorare sugli elementi grafici è un piacere. Sulla carta l'Asus PB328Q sembra fantastico, ma per dirlo con certezza lasciamo la parola ai test.

Asus PB328Q Asus PB328Q
monclick
Asus PB328Q Asus PB328Q
redcoon
Asus PB328Q Asus PB328Q
  

Base e montante sono già assemblati, quindi basta collegare il pannello e il gioco è fatto. Il bundle degli accessori è piuttosto completo e include un cavo di alimentazione, cavi per connessioni DisplayPort, HDMI, DVI e VGA, insieme a un cavo USB 3.0 e l'audio analogico. Anche se è difficile immaginare qualcuno che connetta una fonte analogica a questo monitor, non vi sarà impedito da un cavo mancante. C'è anche una guida rapida e un cartoncino per la garanzia. Manca il CD con il manuale, scaricabile dal sito di Asus.

Faccia a faccia con il PB328Q

a angle

Il PB328Q ha una cornice ridotta. Quando lo schermo è spento vedrete con fatica la striscia metallica di nove millimetri attorno al bordo. Questo vi permette di posizionare più monitor affiancati sulla scrivania, godendo di un'immagine quasi ininterrotta. Il resto dello chassis è fatto di un materiale plastico di alta qualità con finitura opaca "texturizzata".

Lo strato anti riflesso dello schermo è simile alla maggior parte dei monitor che abbiamo recensito e riduce i riflessi più netti senza introdurre artefatti o incidere sull'immagine. La chiarezza è eccezionale, non solo per quanto riguarda il dettaglio ma anche per la profondità dell'immagine. Il pannello AMVA usato in questo caso offre un contrasto tre volte superiore ai migliori schermi IPS che abbiamo visto.

a portrait

Lo stand ha un compito che va oltre il sostegno del pesante pannello. È possibile inclinare, girare e modificare l'altezza, oltre che usare il monitor in modalità ritratto (portrait).

a controls

Per mantenere la cornice sottile Asus ha posto i tasti di controllo nella parte posteriore, insieme a un joystick che facilita la navigazione nell'OSD. Quest'ultimo è estremamente intuitivo e, una volta che avrete imparato a usarlo, non avrete più bisogno dei tasti.

a side

Il PB328Q ha uno stile squadrato, già visto su altri prodotti di Asus. Non ci sono curve, solo un'ampia superficie piatta connessa a bordi ben definiti. Il profilo appare più sottile di quello che è realmente, tuttavia l'area al centro dello schermo è ideale per il montaggio a muro. Sul bordo sinistro ci sono quattro porte USB 3.0.

a back

Lungo la parte posteriore vedrete diverse feritoie per la ventilazione e due piccoli speaker stereo, che "suonano" verso l'alto. Offrono più bassi, volume e presenza rispetto ad altre soluzioni. Il suono è decisamente sopra la norma. Togliere il montante svela il montaggio 100mm VESA.

a inputs

Il pannello posteriore ha un ingresso per tutto: c'è l'HDMI 1.4 e il DisplayPort 1.2, ma anche una dual-link DVI e una porta VGA, piuttosto rara. L'audio analogico è supportato da un ingresso da 3,5 mm e un jack cuffie. Sulla destra potete vedere la porta USB 3.0 upstream.

Quick Fit

Come i monitor della serie ProArt, il PB328Q include Quick Fit. Non solo avete tre griglie di allineamento, ma ci sono 10 dimensioni di documenti più usate che potete sovraimporre sullo schermo. Sono molto precise quindi potete creare un vero schermo WYSIWYG dove le immagini hanno una dimensione pari a quella della carta.

a quick1

Quick Fit sceglie di apparire quando premete il terzo tasto di controllo. Potete coprire l'intero schermo con una griglia completa di un centimetro o quadrati da un pollice. O potete avere una matrice a nove zone. Scegliendo la dimensione della carta, l'area che circonda l'immagine viene ingrigita. Poi potete spostare il template con il joystick.

a quick2

Abbiamo griglie da 8x10 e da 5x7 in entrambi gli orientamenti, panorama e ritratto. Quick Fit è qualcosa che abbiamo visto sugli schermi professionali di Asus e pensiamo sia una caratteristica davvero utile.

Continua a pagina 2
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Monitor?
Iscriviti alla newsletter!