Recensione Asus Zenfone 3

Estetica e specifiche tecniche

Estetica e specifiche tecniche

Asus Zenfone 3

 

Asus inaugura con ZenFone 3 l'evoluzione della sua serie di successo, oggi con smartphone più belli esteticamente ma dal prezzo sempre contenuto.

1464617888 Asus Zenfone 3 Deluxe 2

In pochi anni Asus è stata in grado di ritornare nel mercato degli smartphone e guadagnarsi una posizione di tutto rispetto. Tutta la sua fortuna si deve alla linea ZenFone, un mix ideale tra caratteristiche, qualità e prezzo. Quest'ultimo è fondamentale, oggi più di ieri, considerando l'invasione dei brand asiatici.

Zenfone 01

A giugno, durante il Computex di Taiwan, Asus ha presentato il rinnovamento della linea con gli ZenFone 3, e oggi proviamo il primo modello, che si chiama semplicemente "ZenFone 3". Sono già disponibili altri modelli, come il Deluxe e il Max, che proveremo il prima possibile.

Estetica

Fino a questo momento, sopratutto per contenere il prezzo, Asus si era affidata alla plastica, e c'è da dire che il design non era tra i punti forti. Tutti gli ZenFone 2 sono un po' più grandi e pesanti del desiderabile, caratteristica su cui si può anche soprassedere considerando il posizionamento di prezzo, ma la buona notizia è che lo ZenFone 3 è un telefono tutto diverso: fatto in metallo e vetro, è un bel vedere.

Dire che somiglia almeno da lontano a un iPhone sarebbe scontato, ma è la realtà; tuttavia potremmo dirlo per tanti altri smartphone. Diciamo quindi che Asus si è conformata allo stile moderno seguito dal molti marchi.

Zenfone 06
Zenfone 08
Zenfone 07
Zenfone 09

I bordi sono arrotondati e il vetro ha una curvatura 2.5D. La sensazione generale che comunica è quella di un prodotto di fascia alta. Nel bordo inferiore c'è il connettore USB-C, assieme alle feritoie per altoparlante e microfono.

Nel bordo sinistro c'è invece unicamente il carrellino per l'inserimento della scheda Micro SIM e Micro SD, mentre è possibile installare una seconda scheda SIM (nano-SIM) nel vano della Micro SD, abilitando una configurazione dual-sim e facendo a meno dell'ampliamento della memoria.

Zenfone 14

Nel bordo opposto c'è il pulsante di accensione e il bilanciere del volume, mentre nel bordo superiore c'è il jack da 3.5mm per l'audio. I tasti sono a sfioramento e posizionati sotto allo schermo. La batteria non si può rimuovere.

Dietro vediamo l'obiettivo della fotocamera, un po' sporgente, il flash e il lettore d'impronte digitali.

Hardware

Come piattaforma hardware è stato scelto il SoC Qualcomm Snapdragon 625, un octa-core Cortex-A53 funzionante alla massima velocità di 2 GHz, affiancato al sottosistema grafico Adreno 506 e a 4 GB di memoria RAM.

 

Lo spazio di archiviazione è di 64 GB espandibili tramite Micro SD  (massimo 2 TB). La connettività prevede una connessione LTE (300/150), Wi-Fi AC, Bluetooth 4.0, GPS, e un pacchetto di sensori ambientali.

Schermo

Lo schermo da 5.2" Full HD è un modello LCD IPS. La densità pixel è di 423 PPI, ed è tale da permettere la visualizzazione di immagini nitide e precise.

Zenfone 13

L'analisi statica rivela che siamo davanti a uno schermo con una luminosità massima di quasi 550 cd/m2, un valore che pone lo ZenFone nella parte alta della classifica. Non è tra i più luminosi, ma questo valore è abbastanza elevato da offrire un buon comfort di visione anche in condizioni di elevata luminosità ambientale.

Lo spazio colore visualizzato è ristretto rispetto a molti altri LCD provati ultimamente, con un valore di 86,2% dello spazio sRGB, in compenso i colori sono molto precisi, considerando l'errore DeltaE medio di 1.47, mentre la gamma di 2.11 è più bassa del desiderato. È possibile regolare la resa cromatica dalle impostazioni, rendere i colori più vivaci, attivare il filtro per la luce blu (cioè avere colori più caldi) e regolare anche la temperatura colore.

Un po' carente infine l'angolo di visione, abbiamo visto IPS più efficaci sotto questo punto di vista.

specchietto display

Insomma, lo schermo è buono per definizione e luminosità, ma solo discreto quanto a resa cromatica.

Prestazioni, fotocamera e verdetto

Audio

C'è un solo altoparlante, posto nel bordo inferiore, una soluzione che consideriamo una via di mezzo tra quella peggiore (posizionamento dietro) e quella migliore (davanti). Non c'è nessun particolare novità dal punto di vista della qualità, ZenFone 3 è nella media insieme a molti altri smartphone, mentre la massima potenza misurata è stata di 77,1 dB.

 

Prestazioni

Il SoC Snapdragon adottato non è un top di gamma, ma come abbiamo visto già su altri smartphone, i modelli di fascia media e bassa attuali sono molto differenti rispetto a quelli di qualche anno fa, e offrono prestazioni sufficienti per gestire tutte le applicazioni e i giochi. Di seguito vi mostriamo i risultati di alcuni benchmark.

 
 
 
 

ZenUI 3.0

Android è installato in versione 6 modificato con la ZenUI 3.0. La grafica è stata rivista, la schermata di blocco permette di mostrare molte informazioni, come quelle meteo e accedere velocemente a varie applicazioni.

Per cambiare il look velocemente sono disponibili dei temi, completamente personalizzabili e realizzabili da zero. Con un gesto dal basso verso l'alto si attiva la schermata di personalizzazione e accesso veloce alle impostazioni. Un gesto dall'alto al basso, invece, apre una schermata con le ultime applicazioni utilizzate nonché la possibilità di effettuare delle ricerche per nome. Anche le schermate di Home sono completamente personalizzabili, basta "pizzicare" lo schermo.

Zenfone 02

Modificato anche il menù delle impostazioni veloci, che si può personalizzare al massimo. C'è un'applicazione che permette di ottimizzare il sistema eliminando dalla memoria le applicazioni aperte in background. É rimasto l'app drawer, che offre vari filtri di visualizzazione.

Ci sono diverse applicazioni già installate, anche un po' troppe. Alcuni utili, come quella per regolare le impostazioni cromatiche dello schermo o Mobile Manager che raggruppa in un unico posto tutto quello che serve per gestire le prestazioni dello smartphone, altre meno come i link allo shop di Gameloft. Un po' meno bloatware sarebbe gradito.

Nonostante le modifiche pesanti del sistema, l'esperienza Android è rispettata, ma difficilmente piacerà ai puristi.

Fotocamera

Zenfone 03

La fotocamera posteriore è composta da un sensore da 16 megapixel con obiettivo f/2.0, autofocus laser e stabilizzatore ottico. Ritroviamo quella che Asus chiama PixelMaster, una fotocamera con varie modalità, tra cui HDR, controlli manuali e un sacco di altre modalità più o meno creative.

Lasciamo alla prova pratica il giudizio sulle foto, ecco qui alcuni scatti di prova.

P 20161005 170253 vHDR Auto
P 20161005 170325 vHDR Auto
P 20161005 170408 vHDR Auto
P 20161005 170506 vHDR Auto
P 20161005 170603 vHDR Auto
P 20161005 170725 vHDR On
P 20161005 170805
P 20161005 170858

La fotocamera anteriore è composta da un sensore da 8 megapixel, sempre con obiettivo f/2.0. Ecco qui un paio di scatti.

P 20161007 043628 BF
P 20161007 043728 BF
P 20161007 043851 BF

Verdetto

Asus ha fatto un salto di qualità. Vetro e metallo hanno sostituito la plastica, le dimensioni sono più contenute, e lo smartphone risultante è molto più bello e prezioso di prima. E la cosa più interessante è il prezzo. Asus non ha fatto l'errore di offrire un prodotto più attraente, e di farlo pagare molto di più, infatti lo ZenFone 3 costa poco più di 300 euro.

Zenfone 15

L'esperienza d'uso è soddisfacente, le caratteristiche tecniche sono in linea con l'attuale offerta del mercato e non ci sono particolari difetti.

Non è una fascia di prezzo semplice, ma se vi piace il software, o magari avete già avuto uno ZenFone di precedente generazione, lo ZenFone 3 ha ottime chance di diventare il vostro futuro smartphone.

Continua a pagina 2

Pubblicità

AREE TEMATICHE