Hot topics:
11 minuti

Recensione Fitbit Blaze

Test del Fitbit Blaze, dispositivo a cavallo tra fitness tracker e smartwatch che si colloca tra Charge HR e Surge. Costa 230 euro ed è sprovvisto di GPS; si affida allo smartphone per quella funzione.

Recensione Fitbit Blaze

Fitbit Blaze

 

Il Fitbit Blaze è un prodotto a metà tra fitness tracker e smartwatch.

Fitbit Blaze

Introduzione

Fitbit Blaze è un orologio per il fitness che funziona grazie alla connettività Bluetooth con lo smartphone, dove risiede l'app Fitbit che permette di monitorare vari parametri e molto altro.

Fitbit Blaze costa 230 euro sul sito ufficiale nel momento in cui scriviamo, ma si può trovare a circa 200 euro online. Non certo pochi, tanto che entra in rotta di collisione con alcuni smartwatch Android Wear. Prima di entrare nel vivo della nostra prova d'uso, vediamo dove si posiziona nella gamma Fitbit e le specifiche tecniche di questo orologio smart.

Fitbit Blaze tra Charge HR e Surge

Il Blaze si posiziona nell'offerta di Fitbit tra il Charge HR e il Surge (che costano rispettivamente 150 e 250 euro). Il primo è una fitness band tradizionale con un piccolissimo schermo monocromatico, ma dal punto di vista delle funzionalità è in gran parte simile al Blaze.

Fitbit Blaze foto 02

Il Charge HR è indicato quindi più per il periodo dell'attività sportiva che per il quotidiano: insomma, non è elegante quanto il Blaze, anche se certo non sfigura al polso.

Il Surge ha lo stile del Blaze, sembra quindi un orologio da polso in tutto e per tutto, ma ha uno schermo monocromatico e il GPS integrato (e la bussola digitale), cosa di cui è sprovvisto il Blaze.

Fitbit Blaze, specifiche tecniche

Il Fitbit ha un touchscreen rettangolare a colori da 1,66 pollici (240 x 180 pixel). All'interno troviamo un accelerometro a tre assi, un altimetro, un sensore di luce ambientale e un motorino per la vibrazione. C'è anche il monitoraggio del battito cardiaco, come visibile dalla parte posteriore del dispositivo. Il sensore registra i battiti a intervalli di 1 secondo durante il monitoraggio attivo e a intervalli di 5 secondi in altri momenti.

Fitbit Blaze foto 06

La memoria interna può registrare 7 giorni di dati di movimento e i dati della giornata degli ultimi 30 giorni. Il Blaze è dotato di connettività Bluetooth 4.0 per sincronizzarsi con i dispositivi iOS, Android e Windows. Il prodotto non integra il GPS, interfacciandosi con quello dello smartphone quando richiesto - modalità corsa o ciclismo.

La batteria interna ai polimeri di litio impiega 2 ore per la ricarica e secondo Fitbit dura 5 giorni. È davvero così? Ne parleremo nelle prossime pagine. Nella scatola è disponibile un cavo USB al cui finale è presente un guscio in cui riporre il "quadrato" che compone il Blaze, al fine di ricaricarlo. 

Fitbit Blaze, cosa permette di fare

Il cinturino di Fitbit Blaze è in gomma, simile a quello usato in molti orologi sportivi. Montatura e fibbia sono in acciaio chirurgico inossidabile. Blaze è resistente al sudore, alla pioggia e agli schizzi, ma non è possibile usarlo quando si nuota. Insomma, non potete indossarlo per tracciare come e quanto nuotate, e anche portarlo in doccia è sconsigliato.

Fitbit Blaze foto 05

Fitbit Blaze è più di un fitness tracker ma non è uno smartwatch. Non è un prodotto come Apple Watch o uno smartwatch Android Wear, corredati da app che consentono integrazioni di vario genere (leggere email, giocare, ecc.), almeno al momento non è così che funziona.

Permette di leggere le notifiche degli SMS, gli avvisi del calendario e di chiamata, rispondere o agganciare le telefonate. Dovrete essere dotati di cuffie Bluetooth con microfono per parlare con il vostro interlocutore oppure impostare subito il vivavoce - ma un uso del genere non ha senso.

Fitbit Blaze foto 09

Come altri prodotti di Fitbit il Blaze è un fitness tracker abbastanza completo: permette di contare i passi e di stimare i chilometri percorsi, nonché le calore bruciate. Permette anche di tenere conto, grazie all'altimetro, dei piani saliti e i minuti attivi. Si appoggia al GPS dello smartphone per contare con maggiore precisione i chilometri percorsi. Dal Blaze potete anche tenere sotto controllo il battito cardiaco, costantemente o in alcuni momenti, avendo sempre un riferimento dei battiti a riposo. Sul dispositivo di Fitbit c'è anche un rudimentale controllo della musica in riproduzione sul vostro smartphone (potete regolare il volume e riprodurre, interrompere e saltare i brani).

Il prodotto permette il monitoraggio automatico del sonno e consente d'impostare sveglie silenziose per alzarsi un po' meno traumatizzati al mattino, o semplicemente per ricordarsi di fare qualcosa durante la giornata. Con Blaze è anche presente la funzione di timer e di cronometro.

Ci sono altre due schermate. La prima si chiama Allenamento e permette di tracciare in modo specifico Corsa, Pesi, Ciclismo, Tapis roulant, Ellittica e altri esercizi. Se per Corsa e Ciclismo si connette al GPS, per le altre modalità offre alcune informazioni come ad esempio il tempo trascorso, i chilometri percorsi e i battiti cardiaci. Non tutte sono ugualmente utili. 

Nella modalità pesi, per esempio, non conta le ripetizioni di un esercizio o le serie (peccato!). Insomma, è un modo elegante di tracciare la sessione di allenamento, qualunque essa sia, con alcuni parametri base. La seconda è FitStar, una delle app di fitness più popolari (acquistata proprio da Fitbit), che possiamo definire come un personal trainer al polso. Permette di fare riscaldamento o allenamento per 7 minuti e addominali per 10 minuti. Un'utile integrazione per chi vuole iniziare a fare sport.

Continua a pagina 2
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Fitness Tracker?
Iscriviti alla newsletter!