Hot topics:
News su Black Friday 2017
11 minuti

Recensione Lenovo Moto G4 Plus

Lenovo porta alla quarta generazione il suo Moto G, uno smartphone che ha trovato grande fortuna in passato grazie alla combinazione di ottime specifiche, prezzo basso e una versione di Android che è praticamente quella di base. Ora c'è anche una versione Plus, che non è più così economica.

Recensione Lenovo Moto G4 Plus

Moto G 4Plus

 

Il Moto G4 Plus è la più recente incarnazione del più fortunato tra i recenti smartphone Motorola, ma anche il primo prodotto da Lenovo.

motorola moto g4 plus r

Il Moto G, nelle sue versioni passate, si è guadagnato una grande fama e l'apprezzamento del pubblico. Ci è riuscito perché i modelli precedenti non avevano solo un prezzo molto vantaggioso, ma anche un insieme notevole di pregi con ben pochi difetti. 

DSC 2637
DSC 2639

Con la quarta generazione presentata a maggio 2016, Moto G4, Lenovo devia un po' da dal sentiero tracciato da Motorola, ma non troppo. Il nuovo Moto G continua a essere un ottimo prodotto, e continua a essere "non troppo costoso". Tuttavia rispetto al passato costa un po' di più, in particolare la versione che abbiamo provato, il Moto G Plus. Nella versione da 16 GB costa ufficialmente 300 euro circa. È una cifra ragionevole, ma non incredibilmente conveniente come negli anni passati.

Per questo test abbiamo usato un Moto G4 Plus da 16 GB, con inserita una SIM Fastweb (e una H3G per il test di autonomia). Il sistema operativo installato era Android 6.0.1, build MPJ24.139-23.1, e la patch di sicurezza quella di maggio 2016.

Hardware

A prima vista il Moto G Plus non è molto diverso da tanti altri smartphone Android in circolazione. Gli angoli sono arrotondati e c'è una leggera bombatura tutto intorno, che lo rende un po' più ingombrante tra le mani rispetto ad altri modelli da 5,5 pollici.

Non c'è traccia di metallo da nessuna parte, ma le plastiche scelte da Lenovo sono di buona qualità e l'assemblaggio risulta molto solido - del tutto in linea con i migliori modelli in questa fascia di prezzo.  Frontalmente lo schermo ha cornici non troppo sottili ma nemmeno enormi, per un rapporto tra corpo e schermo (BTSR, Body to screen ratio) pari al 71,2%. Sopra allo schermo c'è una feritoia orizzontale che nasconde la capsula telefonica: è funzionale, ma il sottile bordo cromato è bruttino. Accanto è visibile la fotocamera frontale. Sotto allo schermo c'è invece lo scanner per impronte digitali, che durante i nostri test si è rivelato preciso e velocissimo.

Tutto intorno al telefono corre una cornice in policarbonato, grigia nel nostro caso, che risulta piacevole al tatto e molto liscia. I pulsanti sono due, volume e attivazione, entrambi sul lato destro. Sopra trova posto la presa jack da 3,5 mm, in posizione centrale. Qui il design della cornice disegna una curva dall'ampio raggio per accogliere tale connettore - funzionale ma non molto bello. Sotto invece c'è la porta microUSB, mentre il lato destro è totalmente sgombro.

Altro
Nome alternativo  
Caratteristiche Fisiche
Peso 155 grammi
Dimensioni (HxWxD) 153 x 76.6 x 9.8 mm
Connettività
GPS Si
Bluetooth 4.1
Wi-Fi 802.11 a/b/g/n
NFC No
3G Si
4G / LTE Si
Velocità LTE Cat 4
Dual sim Si
Hardware
Processore Qualcomm Snapdragon 617 (MSM8952)
Velocità processore 1.5 GHz
Quantità Core 8
Memoria RAM 2
Processore Grafico Adreno 405
Memoria archiviazione 16
Espansione memoria Fino a 200GB
Batteria 3.000 mAh
Schermo
Dimensione 5,5 "
Tecnologia IPS LCD
Risoluzione 1920x1080 pixel
Fotocamera
Dimensione Sensore 16 Mpx
Flash Dual LED
Apertura diaframma f/ 2.0
Lunghezza focale  
Fotocamera secondaria
Dimensione Sensore 5 Mpx
Sensori
Accelerometro Si
Luminosità Si
Prossimità Si
Magnetometro No
Giroscopio Si
Lettore impronte digitali Si
Software
Sistema operativo Android 6.0
Prezzo
Prezzo di listino 299

La cover posteriore è rimovibile, realizzata con una plastica flessibile ed economica. La finitura ruvida aiuta a garantire una presa sicura nonostante le dimensioni notevoli di questo smartphone. L'unità fotografica è posizionata centralmente, con gli elementi uno sopra l'altro verticalmente: laser per l'autofocus, lente e flash bitonale. Il tutto è circondato da una cornice cromata. Poco sotto c'è il logo Motorola, inserito in un incavo che dovrebbe facilitare l'impugnatura dello smartphone.

DSC 2636

Rimuovendo la cover posteriore, un'operazione davvero molto facile, si arriva a due slot per nanoSIM e a quello per la microSD. La batteria da 3.000 mAh non è rimovibile. A questo punto si nota un primo piccolo bonus: negli slot delle SIM sono inseriti gli adattatori necessari per chi ha una (o due) micro SIM.

Vale la pena notare che in molti casi bisogna scegliere tra doppia SIM, oppure una SIM più scheda MicroSD. Il Moto G4 Plus invece non ha questo limite, che per alcuni consumatori potrebbe essere determinante. 

 

Prestazioni e autonomia

Il Moto G ha al proprio interno il SoC Qualcomm Snapdragon 617 (MSM8952, 1,5 GHz, GPU Adreno 405, 28 nm) con 2 GB di RAM - mentre i modelli da 32 e 64 GB hanno rispettivamente 3 e 4 GB. Sulla carta una piattaforma hardware di fascia media, me all'atto pratico questo smartphone non ha mai mostrato alcun rallentamento, né ci ha mai fatto aspettare più del dovuto nell'avviare o nell'usare le varie applicazioni.

DSC 2634

Anche nei momenti di intenso multitasking è sempre stato quasi del tutto fluido, con qualche piccolo lag -difficile da notare - quando abbiamo aperto il task switcher o tornando a Home da un'app. È successo però con tante applicazioni attive e la RAM praticamente esaurita. I test confermano la validità di questo smartphone, che dal punto di vista delle prestazioni è del tutto soddisfacente pur piazzandosi lontano dai top di gamma.

L'autonomia è nella media: con il Moto G4 Plus, nella versione che abbiamo testato, potrete aspettarvi che la batteria duri un'intera giornata, anche fino a tarda sera se non lo si usa troppo intensamente. Nel mio caso parliamo di due account di posta molto attivi, Facebook, Twitter, Instagram, Whatsapp, qualche sessione di gaming, un'ora circa di streaming audio. Staccando il telefono intorno alle 06:00 del mattino, si spegneva alle 23:00 circa. Il test conferma l'esperienza pratica, con un risultato pari a 8 ore e 48 minuti. Non è tra i migliori, ma si comporta abbastanza bene per la sua fascia di prezzo. Il processore fornisce piena compatibilità con la ricarica Quick Charge 3.0, inoltre, ma bisognerà comprare a parte un caricatore compatibile.

Schermo e Audio

Il Motorola Moto G4 Plus ha uno schermo IPS LCD 5,5 pollici con risoluzione FullHD (1080p), per una densità di 401,5 PPI. All'analisi si rivela uno schermo di qualità solo nella media. L'errore cromatico è basso, con un DeltaE pari a 1,48. La copertura cromatica tuttavia arriva all'86,4% dello spettro sRGB, e la temperatura colore predefinita è molto buona (6763 K). 

MotoG4

Per quanto riguarda l'audio invece questo smartphone si comporta discretamente, ma anche da questo punto di vista non eccelle. Il volume massimo registrato arriva a 74.5 dB, e si posiziona tra i più potenti che abbiamo testato. Come con tanti altri modelli, anche con questo Moto G4 Plus si possono vedere video e comprendere bene l'audio, si può usare la funzione vivavoce senza problemi. Per la musica, invece, è meglio usare un paio di auricolari - che non sono inclusi nella confezione. 

Continua a pagina 2
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Smartphone Android?
Iscriviti alla newsletter!