Recensione LG G7 ThinQ, manca ancora qualcosa

Costruzione, schermo, prestazioni, autonomia

Costruzione, schermo, prestazioni, autonomia

LG G7 ThinQ

 

Con il G7, LG prova a recuperare terreno nel settore smartphone puntando soprattutto sulla combinazione tra qualità costruttiva, prestazioni e display.

LG G7 ThinQ

LG G7 ThinQ è un pò l'emblema della situazione dell'azienda sudcoreana all'interno del mercato smartphone. Un dispositivo che tocca l'eccellenza in alcuni ambiti, ma che è ancora qualche passo indietro alla concorrenza in altri. Il segmento dei top di gamma è ancora un affare a due tra Apple e Samsung, con Huawei che, grazie al P20 Pro, sembra stia ulteriormente colmando il gap anche in questa fascia. Insomma, tra i dispositivi di fascia alta è davvero difficile ritagliarsi spazio.

Probabilmente un prezzo di listino più aggressivo avrebbe aiutato in questo compito il G7. LG ha deciso di posizionarlo a 849 euro, una cifra importante, in parte adeguata alla piattaforma hardware messa a disposizione dallo smartphone, ma certamente poco indicata nella logica di dover recuperare terreno rispetto ai concorrenti. Come vedremo nella recensione, il dispositivo convince, ma manca ancora qualcosa per raggiungere l'eccellenza.

DSC01271 copia

Costruzione ed ergonomia

L'azienda sudcoreana ha compiuto un eccellente lavoro costruttivo con il G7. Sulla parte frontale il display è protetto da un Gorilla Glass 5 e anche la back cover è realizzata in vetro (sempre Gorilla Glass 5), con una doppia curvatura che termina perfettamente a ridosso della cornice in metallo. Il rapporto di forma in 19.5:9 fa sviluppare la scocca in lunghezza anziché in larghezza, migliorando l'ergonomia.

DSC01330 copia
DSC01329 copia

Nonostante l'utilizzo del vetro per la parte anteriore e posteriore, il G7 non è particolarmente scivoloso. Lo spessore della dual-camera posteriore è praticamente impercettibile, e questo contribuisce a non sentire l'esigenza di una cover. Anche perchè, il dispositivo può contare sulla certificazione IP68 e sul supporto allo standard militare MIL-STD 810G per le cadute e le vibrazioni.

Leggi anche: Smartphone LG con McAfee per proteggere i bambini

I pulsanti fisici (volume, accensione e tasto dedicato a Google Assitant) sono perfettamente raggiunbili, così come il sensore biometrico sulla back cover. Davvero ben riuscita la variante cromatica oggetto della nostra recensione, denominata New Moroccan Blue, con la parte posteriore che restituisce effetti visivi differenti a seconda di come viene colpita dalla luce.

DSC01327 copia

C'è il tanto discusso notch, incastonato in una parte frontale con cornici ridotte. Queste, seppur risicate, sono sufficienti a evitare tocchi involotari sul display. Non è utopico pensare di utilizzarlo con un mano, nonostante i 6,1 pollici di schermo. In tal senso, il peso di 162 grammi unitamente allo spessore da 7,9 mm, quindi non eccessivamente contenuto, lo rendono comodo da portare con sè nella quotidianità. In generale, uno smartphone che restitusce al tatto una sensazione assolutamente di alto livello.

Schermo e audio

La parte frontale è dominata da un display IPS LCD da 6,1 pollici, caratterizzato da una risoluzione QHD+ (1.440 x 3.120 pixel). Si tratta di un ottimo pannello, in grado persino di raggiungere i 1.000 nits di luminosità grazie a una tecnologia che LG chiama Super Bright Display, e che entra in funzione automaticamente quando le condizioni ambientali lo richiedono.

DSC01331 copia

Ne scaturisce un display in grado di essere visualizzato perfettamente anche all'aperto. Un pannello che, peraltro, offre anche degli ottimi angoli di visuale e una resa cromatica assolutamente convincente. Non manca il supporto alla funzionalità Always-on (per visualizzare informazioni sullo schermo con lo smartphone in stand-by), all'HDR 10 e al Dolby Vision. Insomma, uno schermo da vero top di gamma.

Discorso differente per la parte audio. Questo G7 ThinQ può contare su un altoparlante mono posizionato sul lato inferiore e coadiuvato da una tecnologia proprietaria denominata Boombox. Praticamente, LG ha pensato di creare all'interno della scocca una vera e propria cassa di risonanza, che amplifica ulteriormente il volume nel momento in cui il dispositivo viene poggiato su di un piano.

DSC01336 copia

Si tratta di una soluzione ingegnosa sulla carta, che però all'atto pratico non sempre convince. Il volume è certamente superiore alla media, ma in alcuni casi porta un pò di distorsione. Inoltre, le vibrazioni prodotte da questa tecnologia Boombox possono risultare fastidiose in determinati ambiti, e in generale mi sarei aspettato una maggiore qualità audio.

Di alto livello l'esperienza in chiamata attraverso la capsula auricolare (incastonata nel notch), l'audio in cuffia (grazie anche al Quad DAC Hi-Fi) così come la ricezione. Decisamente completa la connettività: Bluetooth 5.0, Wi-Fi ac dual-band, NFC, GPS A-GLONASS BDS, radio FM, connettività LTE fino a 1.2 Gbps. Specifiche che è lecito attendersi da un top di gamma.

Prestazioni e autonomia

Non c'è molto da dire sulla prestazioni di uno smartphone basato sul SoC Snapdragon 845 di Qualcomm accoppiato a 4 GB di RAM e a 64 GB di storage (espandibili tramite micro-SD). LG G7 ThinQ risulta infatti fluido e scattante in praticamente qualsiasi condizione, anche nel corso di un utilizzo stressante come possono essere le sessioni di gaming.

Schermo 6,1 pollici QHD+, 1.440 x 3.120, IPS LCD, Gorilla Glass 5, HDR 10, 564 ppi
SoC Snapdragon 845
GPU Adreno 630
RAM 4 GB
Storage 64 GB espandibili tramite micro-SD
Fotocamera posteriore Dual-camera, 16 MP f/1.6 + 16 MP f/1.9 grandangolare, OIS, flash LED, registrazione video 4K 60 fps
Fotocamera anteriore 8 MP f/1.9
Connettività Bluetooth 5.0, Wi-Fi ac dual-band, NFC, radio FM, GPS A-GLONASS BDS
Reti LTE cat. 18
Sicurezza Sensore biometrico sul retro, riconoscimento del volto
Batteria 3.000 mAh
Ricarica USB Type-C, ricarica rapida
Sistema operativo Android 8.0 Oreo
Dimensioni 153.2 x 71.9 x 7.9 mm
Peso 162 grammi
Colori  
Prezzo 849 euro

Personalmente mi è capitato di testare qualche smartphone top di gamma leggermente più scattante (come il Mi Mix 2S o il OnePlus 6), ma si tratta davvero di inezie. LG ha comunque giocato sul sicuro, scegliendo una piattaforma hardware di assoluta affidabilità, che sta praticamente caratterizzando buona parte degli smartphone top di gamma del 2018.

Per quanto riguarda l'autonomia, l'azienda sudcoreana avrebbe potuto fare qualcosa di più. Ha infatti integrato una batteria da 3.000 mAh, un pò risicata considerando la potenza di questo G7 ThinQ e l'alta risoluzione dello schermo. In realtà, si riesce a coprire abbastanza agevolmente la giornata, toccando le 4 ore di display acceso con il mio utilizzo (misto tra LTE e Wi-Fi, 2 account mail in push, centinaia di notifiche dai social ed app di messaggistica istantanea, circa 1 ora di telefonate).

Screenshot 2018 06 16 15 18 28
Screenshot 2018 06 16 15 18 24
Screenshot 2018 06 16 15 18 32

LG ha dunque compiuto un eccellente lavoro di ottimizzazione dei consumi, e questo G7 ThinQ avrebbe potuto potenzialmente godere di un'autonomia di primo livello con una batteria più capiente. Come già detto, piccoli dettagli che avrebbero consentito al dispositivo di poter davvero toccare l'eccellenza.

Software, fotocamera, conclusioni

LG G7 ThinQ arriva sul mercato con a bordo Android 8.0 Oreo, personalizzato con la solita interfaccia dell'azienda sudcoreana. Quest'ultima interviene in maniera importante, da un punto di vista grafico, sull'aspetto stock del robottino verde, introducendo però tutta una serie di funzionalità smart che contribuiscono certamente ad arricchire l'esperienza utente.

Screenshot 2018 07 23 06 39 35
Screenshot 2018 07 23 06 40 25
Screenshot 2018 07 23 06 40 16

Pensiamo, ad esempio, ai QuickMemo+, ovvero degli appunti rapidi da poter prendere all'interno di alcune app in esecuzione. Non manca la possibilità di personalizzare la barra di navigazione, le icone e l'always-on display. Peraltro, è anche possibile far scomparire via software il notch, che comunque è ben gestito dall'interfaccia di sistema.

Screenshot 2018 07 23 06 40 34
Screenshot 2018 07 23 06 41 24
Screenshot 2018 07 23 06 40 06

C'è lo sblocco con il volto, che funziona bene in diurna e meno in notturna, non avendo a disposizione un hardware ad-hoc come avviene nel Face ID di iPhone X. Vi ritroverete dunque ad utilizzare più volentieri il sensore biometrico posteriore, senza veloce e preciso nel riconoscere l'impronta. Bella l'idea di un pulsante fisico per Google Assistant, il cui ecosistema rappresenta ormai un valore aggiunto per Android. In generale, una parte software ben realizzata, che non appesantisce la piattaforma hardware.

Fotocamera

Sulla parte posteriore è stata collocata una dual-camera, composta da un sensore da 16 MP con ottica f/1.6 e OIS, accoppiato a un secondo sensore da 16 MP grandangolare a 109° con ottica f/1.9. Tutto è coadiuvato da un flash LED dual-tone e da un autofocus laser. La scelta di ridurre l'ampiezza del grandangolo, rispetto a LG V30, va letta nella logica di limitare la distorsione dell'immagine e migliorare la qualità.

DSC01335 copia

La qualità è stata senza dubbio migliorata, mentre la distorsione permane. LG G7 ThinQ scatta comunque delle ottime fotografie, grazie anche alle funzionalità di intelligenza artificiale per il riconoscimento automatico delle scene e dei soggetti. In notturna c'è ancora da colmare il gap rispetto ad alcuni concorrenti, tra cui è impossibile non citare il Huawei P20 Pro.

Decisamente migliorata la fotocamera frontale, che era un pò il tallone d'Achille degli ultimi top di gamma di LG. I video vengono girati fino alla risoluzione 4K a 60 fps, ma la stabilizzazione elettronica si ferma al Full-HD. La qualità comunque è buona e personalmente ho trovato particolarmente convincente la cattura dell'audio.

20180715 195508
20180702 224648
20180619 224506
20180722 194922
20180702 224832
20180619 190118
20180616 130104 HDR
20180619 194639
20180624 151154
20180624 131009
20180722 193859 HDR
20180715 195500
20180703 232234
20180722 181732
20180722 194642 HDR

Conclusioni

Non ci sono dubbi sul fatto che LG G7 ThinQ sia un ottimo prodotto. L'esperienza utente offerta è quella che ci si aspetterebbe, oggi, da uno smartphone top di gamma. L'azienda sudcoreana deve comunque ancora lavorare su alcuni aspetti, piccoli dettagli che, in ottica generale, possono fare la differenza nella fascia alta del mercato.

Non a caso, LG è chiamata a recuperare terreno in ambito smartphone, e gli 849 euro di listino richiesti per il G7 difficilmente aiuteranno a raggiungere questo scopo. Le potenzialità per poter tornare protagonista ci sono comunque tutte, anche perchè stiamo parlando di un vero e proprio gigante in tanti settori dell'elettronica di consumo. 

Leggi anche: Recensione LG V30, la naturale evoluzione del G6

In tutto questo, un aspetto importante. Come spesso accade in ambito Android, il prezzo del G7 è calato nel corso delle settimane. Adesso è già possibile acquistarlo a quasi 300 euro in meno (565 euro su Amazon, lo trovate a questo link), una cifra con la quale va certamente consigliato.


Tom's Consiglia

LG Q8 è uno smartphone di fascia medio-alta presentato dall'azienda sudcoreana nella seconda metà del 2017. La sua peculiarità è la presenza di un secondo display nella parte frontale. Non mancano 4 GB di RAM e una doppia fotocamera posteriore.

Continua a pagina 2

Pubblicità

AREE TEMATICHE