Costruzione, schermo, prestazioni e autonomia

Moto G6 Plus

 

Moto G6 Plus si inserisce nella fascia medio-bassa del mercato smartphone, un segmento complesso e con molta concorrenza. La strategia di Lenovo è quella di puntare sulla combinazione tra qualità costruttiva, resa fotografica e prestazioni di buon livello.

Moto G6 Plus

 

Moto G6 Plus ha le potenzialità per diventare un best-seller. Lenovo è riuscita a realizzare uno smartphone concreto, in grado di accompagnare l'utente nella quotidianità in maniera affidabile. Questo senza rinunciare a un aspetto estetico in grado di catturare l'attenzione anche del pubblico più giovane, il tutto a un prezzo coerente con quanto offerto.

Certo, la concorrenza nel segmento in cui si inserisce questo Moto G6 Plus è tanta e agguerrita (vedi, ad esempio, il Redmi Note 5 di Xiaomi). Lenovo ha però puntato su alcuni dettagli che, in ottica commerciale, potrebbero fare la differenza. A cominciare dalla resa fotografica sopra la media per la fascia d'appartenenza, passando per le funzionalità smart a cui l'azienda cinese ci ha abituati, fino ad arrivare a un'autonomia soddisfacente. Un aspetto, quest'ultimo, divenuto ormai non così scontato in ambito smartphone.

DSC00967 copia

Costruzione ed ergonomia

Il concetto di qualità contraddistingue l'assemblaggio del Moto G6 Plus. La scocca è realizzata in vetro (parte anteriore e back cover) e metallo (frame laterale) e la sensazione tra le mani è di assoluta solidità. Il pannello posteriore si innesta perfettamente sulla cornice, con una doppia curvatura che, oltre all'impatto estetico, favorisce la presa, agevolata anche dal rapporto di forma in 18:9.

Leggi anche: Moto G6, la nuova gamma di smartphone Lenovo

Il vetro della back cover inoltre, soprattutto nella colorazione Deep Indigo oggetto della nostra recensione, crea degli effetti di luce molto belli da vedere. Insomma, il Moto G6 Plus non passa inosservato, complice anche il modulo fotografico posteriore rotondo, divenuto ormai un tratto distintivo degli smartphone Lenovo. Quest'ultimo però rappresenta anche l'unico punto debole in termini di ergonomia.

DSC00958 copia
DSC00959 copia

Il modulo fotografico posteriore è infatti molto sporgente, e crea uno scalino che non viene eliminato completamente neanche dalla cover in silicone inclusa in confezione. In ogni caso, i pulsanti fisici (accensione e bilanciere del volume) sono perfettamente raggiungibili con le dita, così come il sensore biometrico posizionato sulla parte anteriore. Non è dunque utopistico pensare di utilizzarlo con una mano, anche perchè i 167 grammi di peso sono ben distribuiti. 

Piccola nota. Il carrellino per la SIM e l'espansione di memoria, posizionato sul bordo superiore, può essere estratto solo con la spilletta inclusa nella confezione del Moto G6 Plus, che è leggermente più lunga rispetto a quella degli altri smartphone. Infine, la scocca è resistente agli spruzzi d'acqua.

DSC00957 copia

Schermo e audio

Sulla parte frontale c'è un ampio pannello IPS LCD da 5,9 pollici con risoluzione Full-HD+ (1.080 x 2.160 pixel) e rapporto di forma in 18:9. È caratterizzato da un'ottima luminosità che, in abbinamento a un convincente trattamento oleofobico del vetro anteriore, consente una buona visibilità anche all'aperto. 

Ottima la resa dei colori così come gli angoli di visuale. L'esperienza con lo schermo è inoltre esaltata dal Moto Display, la funzionalità proprietaria di Lenovo che consente di visualizzare le notifiche e interagire con il pannello anche mentre lo smartphone è in stand-by. Una possibilità davvero molto comoda, che ci si ritrova a utilizzare molto spesso nella quotidianità.

DSC00951 JPG

Peraltro l'ampia diagonale consente di godere appieno della navigazione web e della fruizione dei contenuti multimediali. Insomma, uno schermo assolutamente convincente, che conferma ancora una volta come non siano necessarie risoluzioni fantasmagoriche per poter avere a disposizione un pannello in grado di restituire un'esperienza utente di livello, al netto ovviamente del gap comunque esistente con i top di gamma.

Leggi anche: Smartphone Motorola, buon successo in Italia e novità in arrivo

Discorso differente invece per il comparto audio. Lo speaker di sistema è infatti integrato nella capsula auricolare, una soluzione che mostra dei limiti in termini di resa. Il volume risulta adeguato per i contenuti multimediali, meno per l'utilizzo in vivavoce. Impostandolo al massimo è possibile percepire una leggera distorsione, e la qualità generale non mi ha convinto appieno.

DSC00966 copia

Eccellente invece la ricezione, come da tradizione Motorola, così come l'audio in chiamata. Decisamente completa la connettività: Bluetooth 5.0, Wi-Fi dual-band, NFC, radio FM, GPS A-Glonass BDS Galileo, USB-C, jack audio da 3.5 mm. Non manca il supporto Dual-SIM, con la possibilità di inserire contemporaneamente due schede in abbinata alla micro-SD.

Prestazioni e autonomia

Lo Snapdragon 630 e i 4 GB di RAM rappresentano una piattaforma hardware affidabile, integrata in tanti smartphone di fascia media. Moto G6 Plus riesce a essere fluido in tutte le operazioni quotidiane, senza mostrare tentennamenti. Di buon livello l'esperienza utente durante la nanvigazione web, così come per quanto riguarda le sessioni di gaming.

Schermo 5,9 pollici Full-HD+, 1.080 x 2.160, 409 ppi, 18:9, Gorilla Glass 3
SoC Qualcomm Snapdragon 630
GPU Adreno 508
RAM 4 GB
Storage 64 GB espandibili tramite micro-SD
Fotocamera posteriore Dual-camera, 12 MP f/1.7 + 5 MP f/2.2, flash LED dual-tone, registrazione video in 4K 30 fps / Full-HD 60 fps
Fotocamera anteriore 8 MP f/2.2, flash LED
Connettività Bluetooth 5.0, Wi-Fi ac dual-band, NFC, GPS A-GLONASS BDS Galileo, Dual-SIM
Sicurezza Sensore biometrico sulla parte frontale, riconoscimento del volto
Reti LTE, Bande 1, 3, 5, 7, 8, 20
Batteria 3.200 mAh
Ricarica USB-C, ricarica rapida attraverso lo standard TurboPower
Sistema operativo Android 8.0 Oreo
Dimensioni 160 x 75.5 x 8 mm
Peso 167 grammi
Colori Deep Indigo, Black
Prezzo 299 euro

Anche in questo caso, vale il discorso fatto per lo schermo. Non ci sono dubbi sul fatto che i top di gamma riescano a essere più scattanti in determinate operazioni, ma è un qualcosa che difficilmente si percepisce nell'utilizzo quotidiano. Con questa piattaforma hardware Lenovo ha deciso di giocare sul sicuro, una scelta che evidentemente si è rivelata vincente a bordo del Moto G6 Plus.

Screenshot 20180602 174050
Screenshot 20180602 174057
Screenshot 20180602 174116

Di ottimo livello anche l'autonomia. Moto G6 Plus integra una batteria da 3.200 mAh, che consente di coprire agevolmente la giornata. Con il mio utilizzo (misto tra LTE e Wi-Fi, 2 account mail in push, centinaia di notifiche dai social ed app di messaggistica istantanea, circa 1 ora di telefonate) sono riuscito quasi sempre a raggiungere le 4 ore di schermo accesso. Non manca la ricarica rapida attraverso lo standard Turbo Power.

Pagina precedente

Software, fotocamera e conclusioni

Moto G6 Plus arriva sul mercato con a bordo Android 8.0 Oreo. Come da tradizione per i dispositivi di questa gamma, Lenovo personalizza il software solo in alcuni punti, senza modificare l'esperienza utente stock del robottino verde. Ne scaturisce un'interfaccia che non appesantisce la parte hardware, aggiungendo però delle funzionalità davvero smart.

Screenshot 20180615 052348
Screenshot 20180615 052443
Screenshot 20180615 052427

Tra queste, abbiamo già citato il Moto Display, e personalmente ho trovato molto comode le Moto Actions. Ad esempio, agitanto lo smartphone come fosse un martello, è possibile accendere il flash per utilizzarlo come torica, oppure ruotando il polso due volte si ha accesso rapidamente alla fotocamera. Piccoli dettagli che però fanno la differenza nell'utilizzo quotidiano.

Discorso differente per Moto Voice, ovvero quello che dovrebbe essere l'assistente vocale dell'azienda. Si tratta di una funzionalità in beta, e in questo caso siamo lontani anni luce dai vari Google Assistant, Alexa, Cortana e SIRI. Non ci sono dubbi sul fatto che Lenovo stia proseguendo lo sviluppo, per cui ci riserviamo un giudizio definitivo più avanti.

Screenshot 20180615 052510
Screenshot 20180615 052550
Screenshot 20180615 052504

Non manca il riconoscimento del volto per lo sblocco. Funziona discretamente in diurna, fatica molto in notturna. In ogni caso, c'è il sensore biometrico sulla parte frontale, sempre veloce e preciso nel riconoscere l'impronta digitale. Peraltro può essere utilizzato come pulsante di navigazione tramite gesture, facendo scomparire i tasti virtuali e guadagnando ancora più spazio a schermo.

Fotocamera

Moto G6 Plus può contare su una dual-camera posteriore, con sensore principale da 12 MP e obiettivo f/1.7 accoppiato a un secondo sensore da 5 MP e obiettivo f/2.2, utilizzato soprattutto per la profondità di campo e per alcuni effetti sui filtri di colore. In ogni caso, la qualità fotografica è tra le migliori nella fascia media, con un'ottima definizione e una resa cromatica convincente.

DSC00954 copia

Molto rapida la messa a fuoco così come la velocità di scatto, efficace anche l'HDR. Probabilmente la presenza della stabilizzazione ottica (assente nel Moto G6 Plus) avrebbe consentito una resa ancora superiore in notturna, dove subentra un pò di rumore. Buona anche la fotocamera anteriore da 8 MP con obiettivo f/2.2 che però, nonostante la presenza del flash frontale, soffre un pò di più in condizioni di scarsa luminosità.

Leggi anche: Recensione Moto Z2 Play, un sequel che convince

Convincente la registrazione dei video, che possono arrivare fino alla risoluzione 4K a 30 fps o Full-HD a 60 fps. Non manca la possibilità dei filmati in slow-motion e in time-lapse, e in generale appare molto efficace anche la cattura della parte audio. Insomma, un comparto fotografico promosso a pieni voti, considerando la fascia d'appartenenza di questo dispositivo.

IMG 20180614 175942033 HDR
IMG 20180614 220233606 LL
IMG 20180602 225841102
IMG 20180614 143651747
IMG 20180614 225708675 LL
IMG 20180614 143542603 HDR
IMG 20180614 143425261 HDR
IMG 20180614 230045020
IMG 20180614 230004021 LL
IMG 20180602 131720930 HDR

Conclusioni

Il Moto G6 Plus è stato posizionato a 299 euro. Una cifra coerente con quanto offerto e che, tra l'altro, gli consente di essere competitivo anche rispetto ai diretti concorrenti. Tra l'altro, è già possibile acquistarlo a prezzi inferiori (278 euro su Amazon, lo trovate a questo link), il che lo rende uno smartphone ancora più appetibile.

DSC00961 copia

La buona resa del comparto fotografico, divenuto ormai un vero e proprio ago della bilancia in fase d'acquisto, consente al Moto G6 Plus di soddisfare buona parte delle esigenze degli utenti. Per chi è alla ricerca di uno smartphone completo a 360°, necessita di un ampio schermo, scatta molte fotografie e non vuole spendere cifre da capogiro, questo dispositivo può rappresentare la scelta giusta.


Tom's Consiglia

Nel caso foste alla ricerca di dimensioni più compatte rispetto al Moto G6 Plus, date un'occhiata al Moto X4, equipaggiato con specifiche tecniche molto simili ma caratterizzato da uno schermo da 5,2 pollici. Lo trovate in offerta su Amazon a questo link.

Pubblicità

AREE TEMATICHE