Recensione Sony α7 III, la scelta definitiva

Introduzione

Sony α7 III

 

L'α7 III migliora le già notevoli caratteristiche della sua progenitrice, con un nuovo sensore Exmor R CMOS di tipo BSI (retroilluminato) della medesima risoluzione, una gamma ISO molto più ampia, un autofocus con un numero molto maggiore di punti ed un burst rate raddoppiato. Una mirrorless full frame curata in ogni minimo dettaglio pensata per un'ampia varietà di generi fotografici.

sony a7r iii recensione 005sony a7r iii recensione 006
sony a7r iii recensione 001

Dopo l'α7R III provata recentemente su Tom's Hardware, la fortunata serie di mirrorless Sony α7 dotate di sensore full-frame si arricchisce di un nuovo modello disponibile da fine febbraio di quest'anno.

Questa macchina è dotata di un nuovo sensore CMOS Exmor da 24,2 Mpixel retroilluminato che si associa al processore d'immagini BIONZ X di ultima generazione e al chip di acquisizione LSI (a larga scala d'integrazione) per raggiungere una velocità di lettura dei dati due volte maggiore e una capacità di elaborazione dei dati 1,8 volte superiore rispetto all'α7 II.

sony a7r iii recensione 002

Dispone del noto sistema di stabilizzazione dell'immagine a 5 assi in camera appositamente perfezionato per supportare le sue capacità di scatto ad alta risoluzione, con un'efficacia dichiarata di 5 stop. In aggiunta, vanta un nuovo otturatore che riduce le vibrazioni in qualsiasi modalità, incluso lo scatto ad alta velocità fino a 10 FPS in modalità Hi+ continua e fino a 8 FPS in modalità Hi continua con ritardo minimo nel mirino o sul display LCD.

Leggi anche: Comparativa Mirrorless APS-C entry level

Il sistema di messa a fuoco, da sempre un punto di forza delle mirrorless Sony APS-C e full-frame, offre 693 punti AF a rilevamento di fase che coprono circa il 93% dell'area immagine, più 425 punti a rilevamento di contrasto densamente distribuiti per migliorare la messa a fuoco.

Rispetto all'α7R III da 42 Mpixel, la gamma di sensibilità ISO è espandibile fino a 204.800 per le foto, grazie alla minor risoluzione, che si traduce in un maggior pixel count e quindi minor rumore.

sony a7r iii recensione 003
Nella foto, il retro della Sony α7 II (a sinistra) rispetto a quello della α7 III: si noti l'aggiunta in quest'ultima dell'utile multi-selettore all'altezza del pollice per spostare il punto di MAF in modo comodo e veloce

Anche la parte video è al top per prestazioni e versatilità. Disponibile ovviamente la ripresa 4K che sfrutta l'intera superficie del sensore d'immagine full-frame, mentre per le riprese in formato Super 35 mm la fotocamera offre la lettura dei pixel completa senza binning. Oltre alle rinnovate capacità di registrazione video 4K grazie a una sovra-campionatura 2,4 volte maggiore, la fotocamera offre un nuovo profilo immagine HLG (Hybrid Log-Gamma) con il supporto del workflow Instant HDR.

Leggi anche: Guida all'acquisto della Mirrorless

Tutte queste raffinatezze opto-elettroniche sono racchiuse in un corpo compatto dotato di mirino XGA OLED Tru-Finder ad alta luminosità e risoluzione, per una riproduzione estremamente accurata e realistica dei dettagli, e un monitor LCD da 921.600.

Rispetto all'α7 II, la nuova macchina adotta una batteria Sony serie Z con una capacità circa 2,2 volte superiore e il doppio slot per schede SD, di cui uno compatibile con schede di memoria di tipo UHS-II.

Infine, questa mirrorless fa parte del sistema E di Sony che prevede 45 obiettivi (di cui 26 specifici per il formato full-frame), oltre ad un numero sempre crescente di quelli di terze parti e svariati accessori che ne fanno uno dei più interessanti nel panorama attuale delle mirrorless.

sony a7r iii recensione 004
Gli obiettivi Sony per fotocamere con attacco E full-frame appartengono alla linea standard, Zeiss e G Master
sony a7r iii recensione 005
sony a7r iii recensione 006
sony a7r iii recensione 007
sony a7r iii recensione 008
Scheda tecnica
Tipo mirrorless
Sensore CMOS Exmor R full-frame
Risoluzione effettiva 24,2 Mpixel
Supporto RAW si
Sistema di ottiche Sony E
Ottiche in dotazione per il test Sony FE F3,5-5,6 OSS 28-70mm
Zeiss Sonnar T* FE 55 mm F1,8 ZA
Gamma sensibilità 100 - 51200, estesa 50 -204800 (per le foto)
Tempi di posa 30 sec. - 1/8000 sec.
Flash no
Scatto continuo 10 fps nel modo Hi+
Programmi di scatto AUTO, P, A, S, M, 1, 2, Movie, S&Q, SCN
Schermo LCD 3" - 921.600 pixel, angolabile, touch
Mirino XGA OLED Tru-Finder da circa 2.359.000 punti
Video 4K, Full HD
Formati di memoria Memory Stick PRO Duo, PRO-HG DuoMicro (M2), SD, SDHC (compatibile con UHS-I/II), SDXC (compatibile con UHS-I/II), microSD, microSDHC, microSDXC
Caratteristiche fisiche
Dimensioni 126,9 x 95,6 x 73,7 mm
Peso 650 g il solo corpo inclusa batteria e schede di memoria
Prezzo
Prezzo di listino 2.300 Euro il solo corpo

Corpo macchina ed ergonomia

Uno degli aspetti cui i fotoamatori esigenti e i professionisti sono sempre più sensibili sono le dimensioni e il peso contenuto delle mirrorless Sony full frame rispetto a quelli delle reflex. Le Sony α hanno riscosso sin dall'inizio ampio consenso da parte dei fotografi per il loro corpo compatto che racchiude, come uno scrigno, tutte le pregiate componenti opto-elettroniche di cui queste mirrorless sono dotate, a partire dal sensore full-frame. Questo modello della terza generazione beneficia quindi di tutti i miglioramenti gradualmente introdotti a partire dalla prima serie.

sony a7r iii recensione 009
In questa foto, la Sony α7 III a confronto con la Canon EOS 6D, che al momento dell'uscita sul mercato deteneva il primato della reflex full frame più piccola

Tale design, piacevolmente tecnologico, ben si sposa con una cura costruttiva da prima della classe. La finitura superficiale è di un bel nero satinato opaco su un corpo parzialmente in lega di magnesio impermeabilizzato in alcuni punti chiave.

sony a7r iii recensione 010

Il numero di viti che fissa la baionetta dell'obiettivo è stato portato a sei, per migliorare la resistenza. I principali pulsanti e manopole sono protetti contro polvere e a umidità.

sony a7r iii recensione 011
Apposite guarnizioni sono state inserite in molte parti della macchina per garantire una parziale tropicalizzazione

Il peso del corpo, 650 gr., è solo di qualche grammo inferiore a quello della sorella α7R III.

Le ghiere metalliche e i pulsanti offrono un ottimo feeling al tatto e sono ben dimensionate. La loro disposizione è intuitiva e dettata dalle esigenze di un utilizzo professionale. A differenza della α7R III, la ghiera dei modi non dispone di blocco contro i movimenti accidentali.

sony a7r iii recensione 012
Appena a sinistra della ghiera per la compensazione dell'esposizione se ne trova una di dimensioni un po' ridotte, la cui manovrabilità è migliorabile. Con tutta probabilità ciò è voluto per evitare una possibile rotazione accidentale.

La presa è abbastanza salda, ma data l'altezza più limitata del corpo macchina rispetto a quello di una reflex manca l'appoggio per il mignolo della mano sinistra, che si troverà naturalmente adagiato sul fondello.

sony a7r iii recensione 013

Ben proporzionati il peso e le dimensioni dei due obiettivi fornitici in kit rispetto a quelle del corpo macchina.

La nuova mirrorless full-frame Sony dispone di numerose funzionalità ottimizzate per un uso professionale, come il doppio slot per schede SD, di cui uno compatibile con schede di memoria di tipo UHS-II. Gli utenti possono sfruttare una vasta scelta di opzioni di memorizzazione dei contenuti, tra cui registrazione in JPEG/RAW separata, registrazione separata di foto e video ecc.

sony a7r iii recensione 014
Lo sportellino con il doppio slot per schede SD

Sul lato sinistro troviamo invece l'uscita cuffia, la presa mini HDMI, il terminale USB tipo C, quello Multi/Micro USB, l'ingresso per il microfono esterno, al quale viene fornita anche la tensione di alimentazione quando sia necessaria:

sony a7r iii recensione 015

La porta USB tipo C, compatibile con USB 3.1 Gen. 1, facilita il trasferimento ad alta velocità su PC remoto di file RAW di grandi dimensioni, per rivedere velocemente le immagini su un computer e proseguire la sessione fotografica senza ritardi. Inoltre, è disponibile un'impostazione che permette di trasferire su PC soltanto i file JPEG; in questo modo, si possono controllare le immagini su PC in modo ancora più veloce dopo una sequenza di scatto continuo, poiché la fotocamera non deve inviare grandi volumi di dati RAW.

La durata della batteria è stata significativamente migliorata, e questa è una delle caratteristiche che saranno certamente più apprezzate in questo nuovo modello: la nuova batteria NP-FZ100 ha infatti una capacità circa 2,2 volte superiore rispetto alla batteria serie W presente nell'α7 II e consente un'autonomia dichiarata di circa 610 scatti (mirino) e 710 scatti (monitor LCD):

sony a7r iii recensione 016

Il caricabatterie opzionale BC-QZ1 esterno offre una ricarica più rapida rispetto all'USB.

Per un'autonomia ancora maggiore, è possibile acquistare il battery pack/vertical grip VG-C3EM, che oltre a fornire una salda presa per le riprese verticali e il confort d'uso dovuto alla duplicazione del tasto di scatto e l'aggiunta della doppia ghiera e del multi-controller per la selezione del punto di MAF, è in grado di ospitare una coppia di batterie NP-FZ100 per un'autonomia d'utilizzo enormemente aumentata.

sony a7r iii recensione 017
Il battery grip è realizzato in lega di magnesio e tropicalizzato per resistere a polvere e umidità
Continua a pagina 2

Pubblicità

AREE TEMATICHE