Corpo macchina ed ergonomia

Uno degli aspetti cui i fotoamatori esigenti e i professionisti sono sempre più sensibili sono le dimensioni e il peso contenuto delle mirrorless Sony full frame rispetto a quelli delle reflex. Le Sony α hanno riscosso sin dall'inizio ampio consenso da parte dei fotografi per il loro corpo compatto che racchiude, come uno scrigno, tutte le pregiate componenti opto-elettroniche di cui queste mirrorless sono dotate, a partire dal sensore full-frame. Questo modello della terza generazione beneficia quindi di tutti i miglioramenti gradualmente introdotti a partire dalla prima serie.

sony a7r iii recensione 009
In questa foto, la Sony α7 III a confronto con la Canon EOS 6D, che al momento dell'uscita sul mercato deteneva il primato della reflex full frame più piccola

Tale design, piacevolmente tecnologico, ben si sposa con una cura costruttiva da prima della classe. La finitura superficiale è di un bel nero satinato opaco su un corpo parzialmente in lega di magnesio impermeabilizzato in alcuni punti chiave.

sony a7r iii recensione 010

Il numero di viti che fissa la baionetta dell'obiettivo è stato portato a sei, per migliorare la resistenza. I principali pulsanti e manopole sono protetti contro polvere e a umidità.

sony a7r iii recensione 011
Apposite guarnizioni sono state inserite in molte parti della macchina per garantire una parziale tropicalizzazione

Il peso del corpo, 650 gr., è solo di qualche grammo inferiore a quello della sorella α7R III.

Le ghiere metalliche e i pulsanti offrono un ottimo feeling al tatto e sono ben dimensionate. La loro disposizione è intuitiva e dettata dalle esigenze di un utilizzo professionale. A differenza della α7R III, la ghiera dei modi non dispone di blocco contro i movimenti accidentali.

sony a7r iii recensione 012
Appena a sinistra della ghiera per la compensazione dell'esposizione se ne trova una di dimensioni un po' ridotte, la cui manovrabilità è migliorabile. Con tutta probabilità ciò è voluto per evitare una possibile rotazione accidentale.

La presa è abbastanza salda, ma data l'altezza più limitata del corpo macchina rispetto a quello di una reflex manca l'appoggio per il mignolo della mano sinistra, che si troverà naturalmente adagiato sul fondello.

sony a7r iii recensione 013

Ben proporzionati il peso e le dimensioni dei due obiettivi fornitici in kit rispetto a quelle del corpo macchina.

La nuova mirrorless full-frame Sony dispone di numerose funzionalità ottimizzate per un uso professionale, come il doppio slot per schede SD, di cui uno compatibile con schede di memoria di tipo UHS-II. Gli utenti possono sfruttare una vasta scelta di opzioni di memorizzazione dei contenuti, tra cui registrazione in JPEG/RAW separata, registrazione separata di foto e video ecc.

sony a7r iii recensione 014
Lo sportellino con il doppio slot per schede SD

Sul lato sinistro troviamo invece l'uscita cuffia, la presa mini HDMI, il terminale USB tipo C, quello Multi/Micro USB, l'ingresso per il microfono esterno, al quale viene fornita anche la tensione di alimentazione quando sia necessaria:

sony a7r iii recensione 015

La porta USB tipo C, compatibile con USB 3.1 Gen. 1, facilita il trasferimento ad alta velocità su PC remoto di file RAW di grandi dimensioni, per rivedere velocemente le immagini su un computer e proseguire la sessione fotografica senza ritardi. Inoltre, è disponibile un'impostazione che permette di trasferire su PC soltanto i file JPEG; in questo modo, si possono controllare le immagini su PC in modo ancora più veloce dopo una sequenza di scatto continuo, poiché la fotocamera non deve inviare grandi volumi di dati RAW.

La durata della batteria è stata significativamente migliorata, e questa è una delle caratteristiche che saranno certamente più apprezzate in questo nuovo modello: la nuova batteria NP-FZ100 ha infatti una capacità circa 2,2 volte superiore rispetto alla batteria serie W presente nell'α7 II e consente un'autonomia dichiarata di circa 610 scatti (mirino) e 710 scatti (monitor LCD):

sony a7r iii recensione 016

Il caricabatterie opzionale BC-QZ1 esterno offre una ricarica più rapida rispetto all'USB.

Per un'autonomia ancora maggiore, è possibile acquistare il battery pack/vertical grip VG-C3EM, che oltre a fornire una salda presa per le riprese verticali e il confort d'uso dovuto alla duplicazione del tasto di scatto e l'aggiunta della doppia ghiera e del multi-controller per la selezione del punto di MAF, è in grado di ospitare una coppia di batterie NP-FZ100 per un'autonomia d'utilizzo enormemente aumentata.

sony a7r iii recensione 017
Il battery grip è realizzato in lega di magnesio e tropicalizzato per resistere a polvere e umidità
Pagina precedente

Particolarità tecniche, funzioni speciali e software

Il sensore d'immagine CMOS Exmor R full-frame 35 mm, il medesimo dell'α9 ma con filtro passa-basso anti-aliasing (AA), vanta una risoluzione di 24,2 Mpixel, la retroilluminazione e un design delle micro-lenti con chip gapless per sensibilità e gamma dinamica superiori. Il front-end LSI consente di raggiungere una velocità di lettura dei dati due volte maggiore rispetto alle mirrorless della generazione precedente.

sony a7r iii recensione 018

La gamma dinamica raggiunge i 15 EV alle basse sensibilità. La migliore riproduzione dei dettagli e la maggiore riduzione del rumore in aree specifiche permettono di ridurre il rumore e di mantenere, nel complesso, un senso di risoluzione elevata. Anche la riproduzione dei colori è stata migliorata significativamente. L'α7 III supporta l'uscita RAW a 14 bit, anche per lo scatto continuo e per scatti silenziosi.

sony a7r iii recensione 019
Il processore d'immagine è l'ultima versione del noto Bionz X

Anche questa fotocamera è dotata del sistema di stabilizzazione dell'immagine Steady Shot a 5 assi già presente sull'α7R III. Oltre ai movimenti di beccheggio e imbardata frequenti utilizzando i teleobiettivi, questo sistema rileva e compensa in modo efficace le vibrazioni sugli assi X e Y nello scatto dei primi piani, oltre al rollio che si verifica nelle fotografie e i filmati di notte. I sensori giroscopici di precisione rilevano anche i minimi movimenti della fotocamera in grado di causare il mosso, con un'efficacia reale di 5 f/stop sulla velocità dell'otturatore:

sony a7r iii recensione 020

In aggiunta, è compatibile con gli obiettivi serie A tramite un adattatore di montaggio, oltre che con gli obiettivi con attacco E.

Gli esempi seguenti mostrano alcuni scatti, estratti da sequenze più ampie, che permettono di valutare l'efficacia di questo stabilizzatore d'immagine:

Stabilizzatore disattivato (a sinistra) e attivato nel modo auto (a destra), crop 1:1 dell'immagine, zoom Sony FE F3,5-5,6 OSS 28-70mm fornito in dotazione alla focale di circa 50 mm

sony a7r iii recensione 021
1/30 sec.
sony a7r iii recensione 022
1/15 sec.
sony a7r iii recensione 023
1/8 sec.
sony a7r iii recensione 024
1/4 sec.

Efficacia dello stabilizzatore all'altezza delle aspettative! Abbiamo scattato anche ad 1/3 di secondo a mano libera e l'immagine non era sostanzialmente mossa, quindi possiamo confermare quanto dichiarato dal costruttore: l'efficacia reale è compresa fra 4 e 5 f/stop.

L'α7 III consente il trasferimento dei file su smartphone, tablet, computer o server FTP tramite Wi-Fi, ma include anche Bluetooth e NFC:

sony a7r iii recensione 025

Il controllo a distanza One touch trasforma lo smartphone o tablet in un mirino/telecomando. La condivisione One touch trasferisce le foto e i video al proprio dispositivo per la condivisione sui social network. Basta installare l'app PlayMemories Mobile tramite Wi-Fi sul dispositivo Android con NFC e avvicinare il dispositivo alla fotocamera per stabilire una connessione. Se lo smartphone non dispone di NFC, basta usare il codice QR per associare i dispositivi.

sony a7r iii recensione 026

L'applicazione PlayMemories Home può essere utilizzata su un PC per organizzare su una mappa le foto importate nel computer.

Funzioni speciali e software

L'α7 III è dotata di un sistema anti-flickering per minimizzare l'effetto di sfarfallio sulle foto, un sistema introdotto per la prima volta da Canon con la EOS 7D Mark II. Lo sfarfallio provocato da luci fluorescenti e altre sorgenti artificiali viene rilevato automaticamente e i tempi dell'otturatore vengono regolati di conseguenza. Ciò consente di eliminare le anomalie di esposizione e cromatiche che possono interessare la parte alta e bassa delle immagini scattate con velocità dell'otturatore elevate, oltre alle incoerenze di esposizione e dei colori tra gli scatti continui.

sony a7r iii recensione 027

Sempre riguardo agli scatti continui, le immagini possono essere visualizzate in gruppi, eliminate o protette con un'unica operazione. Ciò facilita non poco la gestione di sequenze di molte immagini, tipiche nell'utilizzo della fotografia naturalistica e sportiva. Inoltre, grazie a una maggiore capacità di raffica e alla compatibilità con i supporti UHS-II, la fotocamera semplifica notevolmente la scrittura dei dati sulle schede di memoria. Il pulsante Fn e quello del menu consentono di modificare le impostazioni subito dopo lo scatto continuo, mentre la scrittura dei dati è in corso.

Il software Imaging Edge, più sofisticato rispetto al già noto Playmemories, moltiplica le potenzialità creative dell'intero processo di scatto, dalla pre-elaborazione alla post-elaborazione.

sony a7r iii recensione 028
Imaging Edge offre tre applicazioni per PC scaricabili gratuitamente - Remote, Viewer ed Edit - che supportano la cattura d'immagini in remoto con visualizzazione live su PC e lo sviluppo RAW

Qui il link per il download.

Un'altra suite software disponibile gratuitamente per il download è Capture One Express, nella versione per Sony. Si tratta di un software di editing delle immagini gratuito che offre un convertitore RAW di fascia alta, la gestione semplice dei file immagine e strumenti di editing potenti.

sony a7r iii recensione 029

Qui il link per il download.

A pagamento è disponibile Capture One Pro (per Sony) per disporre di ancora più strumenti di editing e della funzione di scatto con PC connesso.

Prestazioni

Rumore agli alti ISO in JPEG

Potete scaricare le foto di test in formato originale da questo link.

sony a7r iii recensione 030
ISO 3200 - 6400
sony a7r iii recensione 031
ISO 12800 -25600
sony a7r iii recensione 032
ISO 51200 - 102400
sony a7r iii recensione 033
ISO 204800

Visualizzando le immagini ridimensionate alla risoluzione del monitor, il rumore inizia ad essere visibile a 6400 ISO, ma diciamo che sino a 12800 ISO può essere ritenuto sotto controllo. Da questo valore in poi inizia a crescere in maniera evidente, ma a 51200 ISO la camera è ancora utilizzabile con risultati più che discreti. Oltre si inizia a percepire una sensibile perdita del dettaglio e una variazione di tinta e il valore massimo di 204800 è da usare in caso di necessità.

Interessante il confronto con l'α7R III:

sony a7r iii recensione 034
ISO 25600, α7 III a sinistra e α7R III a destra
sony a7r iii recensione 035
ISO 51200, α7 III a sinistra e α7R III a destra

Il risultato è evidente a vantaggio dell'α7 III. Come prevedibile, il sensore meno denso (24 Mpixel contro 42 Mixel) ha la meglio in quanto i fotositi, essendo più grandi, sono più efficienti e quindi catturano più luce massimizzando il rapporto S/N.

Anche su questo modello è possibile variare l'entità della riduzione del rumore agli alti ISO:

sony a7r iii recensione 036
Da sinistra, variazioni ottenute cambiando l'entità d'intervento del riduttore di rumore agli alti ISO (disattivato, basso, normale) a 25600 ISO

Il file in formato RAW (ARW per Sony) è visualizzabile solo da alcuni browser come anteprima a 1616 x 1080 pixel rispetto all'originale da 6024 x 4024 pixel. Lo stesso file che in JPEG pesava, ad esempio, 17,7 MB, in ARW raggiunge 47 MB, che comunque - a parità di immagine - sono poco più della metà rispetto all'α7R III!

Prestazioni (autofocus)

Il sistema di messa a fuoco automatica 4D ottimizzato di cui è dotata l'α7 III rappresenta, come per le altre Sony α di ultima generazione (sia mirrorless che reflex) il vero punto di forza di questa fotocamera. Quasi identico a quello adottato dal modello punta α9, è di tipo ibrido (rilevamento di contrasto e di fase assieme), vanta 693 punti AF a rilevamento di fase sul piano focale, cui si aggiungono 425 punti AF a rilevamento di contrasto. Questo sistema AF copre circa il 93% dell'inquadratura, garantendo una messa a fuoco e un tracking affidabili anche per i soggetti più difficili da catturare.

sony a7r iii recensione 037
Sulla nuova Sony α7 III l'area di MAF può essere ampia (693 punti - AF a rilevamento di fase, 425 punti - AF a rilevamento di contrasto), a zona, centrale, spot flessibile (S/M/L), spot flessibile allargato, blocco AF (ampio / zona / centrale / spot flessibile (S /M/L)

Anche la risposta e il tracking AF sono stati notevolmente migliorati, con una velocità di messa a fuoco e di tracking di circa due volte rispetto all'alpha 7 II, grazie alla più rapida lettura del sensore immagine. Ciò consente di catturare movimenti complessi e imprevedibili con una precisione e un'accuratezza di gran lunga maggiori.

Ben 4 pagine del MENU sono dedicate alle impostazioni dell'AF:

sony a7r iii recensione 038

sony a7r iii recensione 039

In questo nuovo modello è disponibile anche la già nota funzionalità Eye AF, già vista sull'α7R III, perfino in modalità AF-C, estremamente utile per le situazioni in cui il soggetto si sta girando, sta guardando verso il basso o è coperto in altro modo. Funziona anche quando la fotocamera viene usata con obiettivi ad attacco A di Sony tramite l'adattatore LA-EA3 opzionale.

sony a7r iii recensione 040

Ulteriori miglioramenti nella flessibilità della messa a fuoco includono l'aggiunta di un multi-selettore o "joystick" a 8 direzioni per lo spostamento rapido dei punti di messa a fuoco, l'aggiunta della funzionalità di messa a fuoco touch, la disponibilità AF nella modalità di zoom della messa a fuoco, un pulsante di attivazione AF, la possibilità di microregolazione dell'AF e molto altro.

La risposta dell'autofocus è pressoché istantanea, come prevedibile, anche se nel momento in cui si preme il tasto dell'otturatore si osserva in certe condizioni il fenomeno del focus hunting (il che accade probabilmente quando l'algoritmo del sistema di MAF da priorità ai punti a rilevamento di contrasto rispetto a quelli di fase).

Per testare le capacità del sistema in modalità tracking, abbiamo impostato la macchina nel modo di scatto continuo con la MAF continua e la sensibilità AF sul valore standard, riportando nella seguente tabella i risultati ottenuti secondo l'area AF selezionata. Come soggetto abbiamo scelto una persona in corsa verso la fotocamera.

N.B. Per gli scatti è stato utilizzato l'obiettivo Sony FE F3,5-5,6 OSS da 28-70mm

Movimento soggetto Burst rate Area AF Numero di scatti totale Numero di immagini perfettamente a fuoco Percentuale d'immagini a fuoco sul totale
Rettilineo lento verso la fotocamera Basso Punto centrale 41 38 93%
Zig zag lento con soggetto che arriva all'estremo del campo inquadrato Medio Ampia 26 21 84%
Zig zag Medio Ampia 51 51 100%
Totalmente irregolare Medio Ampia, modo tracking agganciato sul soggetto 75 74 99%

Il sistema AF 4D dell'α7 III si riconferma uno dei migliori in assoluto, forse addirittura il migliore (ovviamente assieme a quello della sorella α9) in modalità tracking, purché l'obiettivo lo assecondi nel migliore dei modi.

Il sistema esposimetrico si basa su un sensore CMOS Exmor R a 1200 zone e ha una sensibilità da -3 a +20 EV equivalente a ISO 100 con obiettivo f/2.0 montato. Prevede le seguenti letture:

  • Multipla
  • Centro
  • Spot
  • Media schermo intero
  • Highlight

Ovviamente si può decidere se la misurazione spot deve essere al centro del fotogramma o collegata al punto di MAF.  

Per il controllo della dinamica si fa uso del noto DRO (Dynamic Range Optimizer) Sony settabile su 5 posizioni, la cui efficacia è già stata comprovata su altri modelli della Casa.

Non manca l'HDR, anche in questo caso con possibilità d'impostazione totalmente automatica o manuale fino a ± 6 EV.

Continua a pagina 4

Pubblicità

AREE TEMATICHE