Ricarica elettrica per auto obbligatoria, nei nuovi palazzi

I nuovi palazzi in costruzione, con superficie superiore ai 500 metri quadrati, dovranno disporre di allacci esterni per la ricarica delle auto elettriche. L'obbligo arriva direttamente da Bruxelles, che nel 2014 ha approvato la direttiva 2014/94/Ue "sulla realizzazione di un'infrastruttura per i combustibili alternativi". 

L'Italia non aveva ancora recepito la norma, ma stando a quanto riportano ADNKronos e La Legge per tutti, il consiglio dei ministri starebbe discutendo lo schema di un decreto legislativo da sottoporre alla Camera. L'eventuale approvazione metterà il Governo in condizioni di stabilire il decreto definitivo.

tesla

Nello specifico si parla della possibilità di fare chiarezza nel settore, indicando come debbano essere le infrastrutture per la ricarica elettrica e per il rifornimento di gas naturale liquefatto e compresso, idrogeno e gas di petrolio liquefatto.

In ogni caso la UE ha posto come scadenza di adeguamento il 1° giugno 2017. I Comuni dopo quella data non potranno più rilasciare permessi di costruzione per edifici (oltre 500 mq) residenziali e non residenziali privi della predisposizione alla ricarica esterna elettrica. Lo stesso varrà anche per nuovi edifici residenziali con almeno 50 unità abitative. Senza contare gli spazi parcheggio coperto o scoperto e i box dei relativi edifici.

Pubblicità

AREE TEMATICHE