Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
News su MWC 2017
4 minuti

Robot sessuali? No grazie, è già partita una campagna etica

Una professoressa inglese solleva il tema dei robot per fare sesso, lanciando una campagna volta a bloccarne lo sviluppo. Secondo la sua tesi potrebbero portare al disastro nei rapporti sociali.

Robot sessuali? No grazie, è già partita una campagna etica

Blocchiamo lo sviluppo dei robot usati per il sesso. A dirlo non è Tom's Hardware ma una campagna online avviata dalla dottoressa Kathleen Richardson, professoressa roboetica alla De Montfort University di Leicester, Regno Unito.

Quelle che una volta erano note come "bambole gonfiabili" stanno infatti diventando sempre più sofisticate e, con l'avanzamento tecnologico nel campo della robotica, c'è chi ritiene che presto potrebbe nascere un florido mercato di robot-prostituti.

robot sex

La dottoressa ritiene perciò che sia giunto il momento di avviare una campagna di sensibilizzazione per aumentare la consapevolezza sul problema e persuadere chi sviluppa robot sessuali a non farlo. "Non contribuite allo sviluppo di robot sessuali rifiutandovi di fornire codice, hardware o idee", si legge nell'appello rivolto a ingegneri e informatici.

"I robot per il sesso sembrano essere un focus crescente nel settore della robotica e i modelli che progettano - come appariranno, quali ruoli giocheranno - sono davvero preoccupanti", ha affermato alla BBC. Secondo la Richardson i robot-prostituti rafforzeranno gli stereotipi tradizionali sulle donne e la visione che un rapporto non sia niente di più che un atto fisico.

"Pensiamo che la creazione di tali robot contribuirà a danneggiare i rapporti tra uomini e donne, adulti e bambini, uomini e uomini e donne e donne", ha detto. Abyss Creations è tra le aziende che ha iniziato a inserire elettronica nei propri sex toys. True Companion sta sviluppato il primo robot del sesso al mondo e promette di presentare la sua prima creazione, Roxxxy, nel corso dell'anno.

Leggi anche: Roxxy, il primo vero sexy robot

Douglas Hines, CEO dell'azienda, ritiene che vi sia un reale bisogno di prodotti come Roxxxy. "Non stiamo soppiantando la moglie o tentando di sostituire una ragazza. Si tratta di una soluzione per le persone senza rapporti o qualcuno che ha perso un coniuge. Le persone possono trovare felicità e soddisfazione in altri modi rispetto all'interazione umana", ha aggiunto. Hines spera che Roxxxy possa diventare un robot capace di apprendere, in modo che possa parlare con il proprietario e capire cosa gli piace e cosa non ama.

"L'atto fisico del sesso rappresenterà solo una piccola parte del tempo trascorso con un robot di questo tipo - la maggior parte del tempo sarà speso a socializzare e interagire". Roxxy, nella sua prima versione, ha già ottenuto migliaia di prenotazioni. Costa 7000 dollari.

robot sex 01

David Levy, autore del libro Love and Sex with Robots, crede che questi robot avranno grande mercato e nel 2050 i rapporti intimi tra umani e robot saranno comuni. "Vi è un crescente numero di persone che hanno difficoltà a stabilire relazioni e questo riempirà un vuoto. Non è umiliante per le donne più di quanto lo siano i vibratori", ha detto alla BBC.

Il tema è di quelli che potrebbero far sorridere, ma in futuro si presenterà in tutta la sua forza. Il sesso è un'incredibile macchina da soldi e i robot adibiti a questo scopo arriveranno, prima o poi. Il tema etico si pone, il tema sociale anche. Quale effetto avranno sulla nostra società? Ha fatto bene Kathleen Richardson ad accendere un riflettore su questa possibile evoluzione del mercato della robotica.

Forse bloccarne lo sviluppo è sbagliato, ricorda tanto il luddismo, anche perché impedire alla tecnologia di evolversi e ai ricercatori di sperimentare è una battaglia persa in partenza. Inoltre, anche davanti a moltissimi dubbi di carattere sociale, non tutto il male potrebbe venir per nuocere.

Ad esempio, i robot per l'intrattenimento sessuale potrebbero essere utili a chi è affetto da disabilità motorie / psichiche e non trova un partner in carne e ossa per espletare una normale pulsione umana. Oggi si parla di usare assistenti sessuali in carne e ossa, ma se questo ruolo in futuro potrebbe essere interpretato da un robot, non sarebbe meglio? Per non parlare infine dello sfruttamento della prostituzione, una piaga che potrebbe essere mitigata o persino eliminata grazie ai robot.

iRobot Roomba 620 iRobot Roomba 620
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Droni?
Iscriviti alla newsletter!