Test sul rendering video

In questa pagina mi occupo del rendering video su Sony Vegas 12. In questo nuovo capitolo andrò ad analizzare soltanto il tempo necessario al rendering di un video in formato .mp4 - del peso di 355 MB - registrato con OBS durante una partita multiplayer di Battlefield 3. Il tutto è stato renderizzato con Vegas aggiungendo qualche dettaglio e una semplice animazione.

Ma vediamo cosa ne è emerso:

Il risultato sinceramente mi ha sorpreso, pensavo che la differenza tra HDD e SSD fosse più marcata nei rendering. La "colpa" secondo me è da attribuire al lungo processo di elaborazione che cade principalmente sulla CPU e sulla scheda video. I dati letti e scritti infatti si sono sempre attestati sui 20/30 Mb/s e perciò non hanno mai dato peso alle prestazioni dell'archiviazione.

Quindi posso affermare con certezza che gli amanti delle registrazioni che usano un disco magnetico per le loro elaborazioni possono ancora dormire tranquilli, certi che con un SSD le prestazioni non cambiano di certo la vita.

Pagina precedente

Recensione SSD 840 Pro di Celli Michele detto "Ridge89"

L'SSD Samsung 840 Pro da 256 GB è in commercio da circa un anno, nonostante questo potrà ancora farsi valere nella marea di SSD attualmente disponibili sul mercato? Questa unità è dotata di un controller a tre core ARM Cortex R4 d a 300 MHz, denominato MDX, 512 MB di cache LPDDR2-1066. Il tutto è corredato da 256 GB di memoria Flash NAND MLC Toggle 2.0 a 21 nm, che può vantare un bitrate di 400 Mb/s.

L'SSD si presenta in una confezione dall'aspetto pulito ed elegante.

Il contenuto è essenziale: SSD, libretto di istruzioni, certificato di garanzia e CD contenente la documentazione e il software Magician. Un adattatore da 2.5” a 3.5” sarebbe stato gradito, anche se oramai molti case in circolazione l'hanno in dotazione, per non contare tutti i notebook, i quali montano solamente unità da 2.5 pollici.

Configurazione di prova

Configurazione di prova
CPU: Intel Core i5 3570K
  AMD Phenom II 955
Motherboard: ASRock Z77 Extreme 4
  Sapphire Pure CrossfireX 790GX
RAM: Corsair Vengeance 2x4 GB - 1600 MHz - CL 9-9-9-24 (piattaforma LGA 1155)
  Corsair XMS3 4x2 GB – 1333 MHz – CL 9-9-9-24 (piattaforma AM3)
VGA: Sapphire HD 7750 1GB GDDR5 (piattaforma LGA 1155)
  Sapphire HD 5850 Toxic 1 GB (piattaforma AM3)
HDD: Samsung 840 Pro 256 GB Firmware DXM05B0Q
  Samsung 830 128 GB Firmware CXM03B1Q
  Corsair Force 3 120 GB Firmware 3.20
  Western Digital Caviar Green 1 TB
PSU: Cooler Master Silent Pro Gold 600W
Software e driver
Sistema Operativo: Windows 8 Enterprise X 64
DirectX: DirectX 11
Driver Grafici: AMD Catalyst 13.6 Beta 2

 

Benchmark
Windows 8 Enterprise x64
Microsoft Office Professional Plus 2010
Adobe Creative Suite CS6
Autodesk 3Ds Max 2013
Avg FREE antivirus
Adobe Photoshop Lightroom 4.3
Crysis 3
The Elder Scrolls V: Skyrim
ATTO Disk Benchmark
CrystalDiskMark 3.0.2 x64
Asus Rog Realbench v1.051

 

Sistema operativo

Bene, con cosa cominciare? Perchè non dal principio? Chiunque di voi abbia provato a installare un sistema operativo, sa che questo richiede un'immane quantità di tempo. Si può far partire l'installazione, andare a prendere una pizza con gli amici, andare al bar, ritornare a casa e l'installazione, probabilmente, non sarà ancora terminata. Ma questo valeva fino a ieri.

Mi sono procurato una chiavetta USB 3.0 da 32 GB e vi ho caricato l'immagine di Windows 8, così da evitare il collo di bottiglia che si sarebbe verificato usando il DVD di installazione. Questa chiavetta non eccelle in scrittura (si arriva a 20 MB/s), ma è fenomenale in lettura (raggiunge picchi di 160 MB/s), quindi ottimo per questa prova.

Probabilmente vi chiederete: perchè Windows 8? Perchè non scegliere un più rodato Windows 7? Beh, in base alla mia esperienza, ho notato che Windows 8 è leggermente più veloce di Windows 7 sia durante l'installazione, sia nel tempo richiesto per il boot. Un piccolo aiuto per far mostrare i muscoli a questi HDD/SSD.

Dopo aver impostato la modalità AHCI da BIOS, che garantisce maggiori prestazioni, parte l'intallazione. Quanto tempo impiegheranno i drive prima di riavviarsi per la prima volta?

Come?? Solo 1 minuto e 14 secondo per l'840 Pro?? È finita l'era in cui, per installare un sistema operativo, bisognava prendersi un giorno di ferie. L'830 e il Force 3 lo tallonano da vicino, ma il tradizionale hard disk magnetico fa segnare un tempo impietoso di 19 minuti e 53 secondi.

La pagina di configurazione appare sull'840 Pro dopo 2 m 14 s, seguono a ruota l'830 e il Force 3. Il Western Digital arriva ben 20 minuti dopo.

E dopo 3 m 09 s eccoci "finalmente" alla prima visualizzazione del desktop. In realtà quest'ultimo passaggio è fortemente influenzato dalle mie capacità di configurare velocemente il sistema (dare un nome al PC, scegliere i colori...) quindi i risultati probabilmente variano in base all'utente.

Passiamo ora al tempo di avvio e spegnimento. Questi due tempi sono stati registrati lasciando in esecuzione automatica i seguenti software: driver Catalist AMD, Driver Video Intel, AVG Antivirus, Updater Office, Updater Adobe Creative Suite, Updater Autodesk, Realtek HD Audio Manager, Updater Logitech (keyboard).

In avvio l'840 Pro sembra esser surclassato dal vecchio 830. Probabilmente è dovuto al fatto che il sistema operativo si avvia talmente in fretta da non lasciarmi margine di errore nel cronometrare i tempi. Possiamo considerarlo un sostanziale pareggio! Il Force 3 segue a ruota e (ovviamente) il WD Caviar Green chiude la classifica.

Continua a pagina 8

Pubblicità

AREE TEMATICHE