Spazio

Bezos e Branson non sono astronauti, la FAA rivede le linee guida

Lo stesso giorno in cui Jeff Bezos è decollato per il volo spaziale inaugurale con equipaggio di Blue Origin, la Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti ha aggiornato la sua definizione di “astronauta commerciale”. Secondo i nuovi criteri, l’ex amministratore delegato di Amazon e compagno ricco che è andato nello spazio Sir Richard Branson non possono essere considerati astronauti agli occhi del programma commerciale Space Astronaut Wings della FAA. dal 2004, gli astronauti devono far parte dell’equipaggio di volo e contribuire alla sicurezza del volo spaziale.

Jeff Bezos nello spazio

Il primo volo spaziale umano di Blue Origin è stato lanciato nei tratti superiori dell’atmosfera terrestre il 20 luglio. Bezos, il fondatore di Blue Origin e Amazon, è stato raggiunto da suo fratello Mark Bezos, lo studente olandese di 18 anni Oliver Daemen e Wally Funk. Quest’ultima è una pilota di 82 anni che faceva parte dei cosiddetti Mercury 13 che nel 1961 superarono tutti gli stessi test di screening fisiologico necessari per entrare a far parte del corpo astronauti della NASA ma furono escluse dall’andare nello spazio. Sarebbero passati ventidue anni prima che Sally Ride diventasse la prima donna americana nello spazio.

Sfortunatamente per Bezos, l’uomo più ricco del Sistema Solare, la missione Blue Origin è stata battuta di poco dalla missione Unity 22 di Virgin Galactic, che ha visto il miliardario britannico Branson raggiungere i confini dello spazio l’11 luglio. Per ottenere “ali da astronauta commerciale” dalla FAA, il personale deve raggiungere un’altitudine di 80 chilometri (50 miglia) sopra la superficie terrestre. Vale la pena notare che, a parte la FAA e la NASA, l’ente governativo mondiale per i record aeronautici e astronautici, la Fédération Aéronautique Internationale, considera lo “spazio” tracciato dalla linea di Kármán, il confine immaginario a 100 chilometri (62 miglia) sul livello del mare.

Jeff Bezos

Sebbene Bezos e Branson abbiano soddisfatto il criterio della FAA, la nuova definizione richiede anche ai viaggiatori di “dimostrare attività durante il volo che erano essenziali per la sicurezza pubblica o che hanno contribuito alla sicurezza del volo spaziale umano”. La FAA non ha commentato direttamente i recenti voli di Blue Origin e Virgin Galactic, ma un portavoce dell’agenzia federale ha detto alla CNN che al momento non stanno esaminando alcuna presentazione (potete leggere l’articolo originale a questo link).