Ricerca

I polinesiani hanno scoperto l’Antartide più di mille anni fa

Una nuova ricerca suggerisce che i polinesiani, e non gli europei, furono i primi ad esplorare le acque antartiche e forse anche a individuare il continente stesso. Gli esploratori europei sono generalmente accreditati per aver scoperto l’Antartide duecento anni fa, ma una nuova ricerca pubblicata sul Journal of the Royal Society of New Zealand (che potete leggere a questo link) ci ricorda un resoconto di viaggio da sempre trascurato, in cui i polinesiani sono descritti mentre navigavano attraverso le acque antartiche nel VII secolo d.C.

Antartide

Questa notizia, per molte persona, è qualcosa di nuovo, invece sono teorie già note, come ha detto al New Zealand Herald Priscilla Wehi, ricercatrice principale del nuovo studio e biologa della conservazione presso Manaaki Whenua Landcare Research. Che i polinesiani possano aver visitato le acque antartiche tanto tempo fa difficilmente sarà una rivelazione per gli indigeni Māori della Nuova Zelanda, poiché nelle loro leggende e nei loro racconti folkloristici questa storia era già presente. In effetti, le connessioni tra i popoli indigeni e l’Antartide “rimangono scarsamente documentate e riconosciute dalla letteratura di ricerca”, come scrivono gli scienziati nel loro studio, aggiungendo che il nuovo “documento inizia a colmare questa lacuna”.

A tal fine, il team, che comprendeva ricercatori di Te Rūnanga o Ngāi Tahu (un gruppo che rappresenta il popolo Māori delle isole meridionali della Nuova Zelanda), ha analizzato resoconti letterari, storia orale e anche rappresentazioni fatte su intagli e stoffe, per “ costruire un quadro più ricco e inclusivo del rapporto dell’Antartide con l’umanità”, come ha spiegato Wehi in un comunicato stampa. In tal modo, il team ha cercato di costruire una “piattaforma su cui promuovere conversazioni molto più ampie sulle relazioni della Nuova Zelanda con l’Antartide”, ha aggiunto. In molte leggende indigene si narra di un “mare ghiacciato” e un “luogo oscuro non visto dal sole”. Hui Te Rangiora chiamò questa parte dell’oceano meridionale Tai-uka-a-pia, che significa “mare spumeggiante come la radice di freccia”, in cui probabilmente stava confrontando la radice di freccia bianca in polvere con gli iceberg. Incredibilmente, Te Ivi o Atea potrebbe essersi avventurato a sud fino al Ross Ice Shelf.

Antartide

Anche le incisioni e le tessiture Maori prendono nota di questa storia e della connessione culturale con l’Antartide, comprese le iscrizioni di conoscenze di navigazione e astronomiche. Un palo scolpito rappresenta Tamarereti, un leggendario guerriero Maori, come il “protettore degli oceani del sud” mentre “si trova sulla punta più meridionale dell’Isola del Sud della Nuova Zelanda a Bluff”, come ha spiegato Wehi nel comunicato. Se volete scoprire qualcosa in più sulla meravigliosa terra neozelandese, vi consigliamo l’acquisto di questa guida.